Business | Articoli

Cartelle esattoriali e notifiche del fisco a società ormai chiuse: come difendersi

27 Marzo 2013 | Autore:
Cartelle esattoriali e notifiche del fisco a società ormai chiuse: come difendersi

Estinta la società, le cartelle esattoriali e gli atti di accertamento del fisco sono illegittimi se notificati alla persona giuridica e non ai singoli soci: possibile impugnare l’atto e chiederne l’annullamento.

Il fisco continua a notificare atti impositivi a società ormai cancellate dal registro delle imprese e quindi da considerarsi estinte. Questi atti, che sono a tutti gli effetti invalidi (perché notificati a un soggetto non più esistente), vanno impugnati davanti al giudice tributario affinché ne dichiari la nullità.

Come avevamo già detto in un precedente articolo (“Cancellazione della società dal registro: crediti e debiti si trasferiscono ai soci”), la cancellazione della società dal registro delle imprese comporta la sua definitiva morte e tutti i debiti e crediti passano in capo ai soci che ne rispondono secondo il regime patrimoniale della società estinta (per le società di capitali, nei limiti degli utili riscossi in sede di riparto della liquidazione; negli altri casi, invece, illimitatamente).

Il codice civile [1] afferma che, dopo l’estinzione della società, a seguito della sua cancellazione, i creditori non soddisfatti possono far valere i loro crediti nei confronti dei soci, fino a concorrenza delle somme da questi riscosse con la liquidazione della società e, nei confronti dei liquidatori, se il mancato pagamento è dovuta da colpa di questi.

Con la conseguenza che tutti gli atti dell’amministrazione fiscale o dell’agente della riscossione, per essere validi, vanno notificati solo in capo ai soci (che sono appunto gli “eredi” della società).

Ciò nonostante, alcuni uffici delle Entrate continuano a notificare accertamenti a società cancellate. Il che è illegittimo, sia che si tratti di società di persone che di società di capitali. Così gli ex soci possono impugnare l’atto in quanto notificato a un soggetto (la società) privo di capacità processuale.

Invece, se l’atto viene notificato correttamente ai soci di una società di capitali (S.r.l., S.p.A. e S.a.p.a.), questi ultimi possono sempre contestare il fatto di rispondere dei debiti della società solo nei limiti di quanto ricevuto in sede di liquidazione.


note

[1] Art. 2945 cod. civ.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube