Business | Articoli

Mutui: un anno di stop alle rate dei finanziamenti

2 Luglio 2013
Mutui: un anno di stop alle rate dei finanziamenti

Il nuovo accordo tra imprese e Abi consente la sospensione o l’allungamento dei finanziamenti e nuove misure per la ripresa e sviluppo aziendale.

Boccata d’ossigeno per le imprese: ieri, a Roma, Abi e le organizzazioni imprenditoriali (Confindustria, Alleanza delle Coop, Confapi, Confedilizia, Rete Imprese Italia, Coldiretti, Confagricoltura, Confetra, Cia e Claai) hanno siglato un nuovo accordo per il credito 2013 alle piccole e medie imprese.

I contenuti dell’intesa si riassumono in tre punti.

Sospensione dei finanziamenti

Sospensione per 12 mesi della quota capitale delle rate di mutuo e per 6-12 mesi della quota capitale prevista nei canoni di leasing immobiliare e mobiliare.

Possono accedere al meccanismo le imprese che non abbiano usufruito dell’analogo beneficio del febbraio scorso (“Nuove misure per il credito alle Pmi” del 28 febbraio 2012). È pertanto possibile sospendere nuovamente i finanziamenti già sospesi con l’Avviso comune del 3 agosto 2009. È inoltre possibile sospendere le operazioni di apertura di conto corrente ipotecario con un piano di rimborso rateale. Si applica, a tali operazioni, lo stesso tasso di interesse previsto dal contratto originario.

Allungamento dei finanziamenti

Possibilità di allungare i tempi di pagamento dei mutui fino a 4 anni, oltre la tempistica finora prevista.

Sono previste tre diverse possibilità:

1. allungare la durata dei mutui in misura maggiore rispetto al precedente accordo;

2. spostare in avanti, fino a 270 giorni, le scadenze del credito a breve termine per esigenze di cassa con riferimento all’anticipazione di crediti certi ed esigibili;

3. allungare per un massimo di 120 giorni le scadenze del credito agrario di conduzione.

Ripresa e sviluppo delle attività

Per le imprese che avviano processi di rafforzamento patrimoniale, le banche valuteranno la concessione di finanziamenti in misura proporzionale all’aumento dei mezzi propri realizzati dall’impresa.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube