Business | Articoli

Pacchetto occupazione: tutti gli incentivi e i benefici fiscali sulle assunzioni di giovani

8 Agosto 2013
Pacchetto occupazione: tutti gli incentivi e i benefici fiscali sulle assunzioni di giovani

Bonus per chi assume lavoratori disoccupati beneficiari di Aspi, correttivi su start-up innovative e sui contratti a tempo determinati, sostegno agli studenti: tutte le misure in corso di approvazione per favorire l’occupazione giovanile.

Sono numerose le novità introdotte dal “pacchetto occupazione” varato dal Governo e al voto alle Camere. La finalità è quella di incentivare la stabilizzazione di giovani tra i 18 e i 29 anni di età.

Assunzione di giovani disoccupati

Per i datori di lavoro che entro il 30 giugno 2015 assumono a tempo indeterminato giovani tra i 18 e i 29 anni arriva un nuovo incentivo: uno sgravio contributivo per 18 mesi (o 12 mesi, in caso di trasformazione di un rapporto a tempo) con un tetto mensile di 650 euro.

Se invece si decide, senza esservi tenuti, di stabilizzare un disoccupato, beneficiario dell’Aspi, l’azienda riceverà in dote un contributo pari al 50% del sussidio mensile residuo (che sarebbe stato comunque corrisposto al lavoratore).

Il beneficio non viene concesso se i lavorati sono stati licenziati, nei sei mesi precedenti, da un’impresa che, al momento del licenziamento, presenta assetti proprietari sostanzialmente coincidenti con quelli dell’impresa che assume o se risulta con quest’ultima in rapporto di collegamento o controllo.

Rinnovo dei contratti a tempo determinato

Le pause per i rinnovi dei contratti a tempo determinato tornano a 10 e 20 giorni (a seconda se la durata del rapporto è inferiore o superiore ai sei mesi), dopo che la legge Fornero li aveva allungati fino a 60 e 90 giorni

Youth Guarantee

Presso il ministero del Lavoro nasce la Struttura di missione con il compito di attuare la Youth guarantee e favorire la ricollocazione dei cassintegrati (in particolare dei beneficiari di sussidi in deroga). Avrà compiti di promozione, indirizzo, coordinamento, definizione di linee guida, predisposizione di rapporti per l’attuazione dal 1° gennaio 2014, del programma comunitario “Garanzia per i giovani”.

Nuove linee per l’apprendistato

Entro il 30 settembre la conferenza Stato-Regioni dovrà adottare le linee guida per disciplinare il contratto d’apprendistato professionalizzante, con l’obiettivo di avere una disciplina uniforme da Milano a Palermo (con modifiche che avranno carattere permanente e si applicheranno a tutte le aziende; in Senato è saltata la limitazione alle sole piccole e medie imprese).

Sostegno agli studenti

È previsto un sostegno ai tirocini curriculari per studenti universitari (iscritti ai corsi di laurea statale nell’anno accademico 2013/2014).

Viene istituito il Fondo straordinario “Mille giovani per la cultura”, per il solo 2014, con una dotazione di 1 milione di euro, destinato alla promozione di tirocini formativi e di orientamento nei settori delle attività e dei servizi per la cultura, rivolti a soggetti fino a 29 anni di età.

Per il triennio 2013-2015 viene erogata l’indennità di partecipazione ai tirocinanti che effettuino tirocini formativi e di orientamento nelle pubbliche amministrazioni, attraverso un fondo da 2 milioni di euro annui per ciascun anno.

Per il sostegno dei tirocini curriculari svolti da studenti iscritti ai corsi di laurea (delle sole università statali) nell’anno accademico 2013-2014, sono disponibili 3 milioni di euro per il 2013 e 7,6 milioni di euro per il 2014 per promuovere l’alternanza studio-lavoro.

Inoltre i tirocini formativi potranno essere svolti, in orario extracurriculare, anche dagli studenti delle classi quarte delle scuole superiori, con priorità per quelli degli istituti tecnici e professionali.

Start-up innovative

Si allungano poi al 2016 le agevolazioni fiscali previste per le annualità 2013-2015, in favore di persone fisiche e persone giuridiche che intendono investire nel capitale sociale di imprese «start-up innovative.

Si  diminuisce dal 20 al 15% la quota della spesa da destinare all’attività di ricerca e sviluppo; e si estende il vigente requisito opzionale per la qualifica di start-up innovativa alle imprese con almeno 2/3 della forza lavoro complessiva costituita da dipendenti e collaborati che siano in possesso di una laurea magistrale.

Lavoro a chiamata

Sul lavoro intermittente (quello “a chiamata”) viene introdotto un limite di 400 giornate annue di lavoro effettivo nell’arco dei 3 anni solari riferito a ciascun lavoratore con il medesimo datore (ma si precisa che tale limite è escluso per i settori del turismo, dei pubblici esercizi, e dello spettacolo). Superato tale periodo, il rapporto si trasforma in un rapporto di lavoro a tempo pieno e indeterminato. Per il calcolo si computano solo le giornate prestate successivamente all’entrata in vigore del decreto legge.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube