Business | Articoli

L’Inps recupera i contributi anche se la cartella esattoriale ha un errore formale

27 Novembre 2013
L’Inps recupera i contributi anche se la cartella esattoriale ha un errore formale

L’istituto è autonomo nelle scelte e, pertanto, anche se la cartella di pagamento è affetta da un vizio di forma, può sempre scegliere la via dell’accertamento del suo diritto in sede giudiziaria.

L’Inps può recuperare i contributi non pagati dall’impresa anche se la cartella esattoriale è affetta da un vizio formale o è stata emessa troppo tardi. La ha detto la Cassazione con una sentenza di ieri [1]. L’Istituto di previdenza, infatti, può sempre scegliere la via dell’accertamento del suo diritto davanti al giudice, senza bisogno di attendere il titolo contenuto nella cartella di pagamento di Equitalia.

Secondo la Suprema Corte, quindi, un eventuale vizio formale della cartella o il mancato rispetto del termine di decadenza previsto ai fini dell’iscrizione a ruolo comporta soltanto l’impossibilità, per l’istituto, di avvalersi del titolo esecutivo contenuto nella cartella stessa di Equitalia, ma non esclude la possibilità di chiedere l’accertamento in sede giudiziaria dell’esistenza e dell’ammontare del proprio credito. Insomma, l’Istituto di previdenza ha due strade per recuperare i propri crediti:

– o valersi della longa manus di Equitalia

– oppure agire autonomamente davanti al tribunale per ottenere una sentenza di condanna nei confronti del moroso.

Ciò perché l’iscrizione a ruolo è solo uno dei meccanismi che la legge accorda all’INPS per il recupero dei crediti contributivi, ferma restando — dunque — anche la possibilità che l’istituto agisca con una causa ordinaria.


note

[1] Cass. sent. n. 26395 del 26.11.13.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube