Business | Articoli

Fallimento dell’azienda anche se il debito con Equitalia è rateizzato

3 Febbraio 2014
Fallimento dell’azienda anche se il debito con Equitalia è rateizzato

La dilazione del credito di Equitalia non costituisce una transazione: il debito rimane e l’azienda può essere considerata in condizione di insolvenza.

L’azienda che abbia un grosso debito con il fisco può essere dichiarata fallita anche se il suo creditore principale, Equitalia appunto, ha già concesso la rateizzazione del debito.

Lo ha detto la Cassazione in una recente ordinanza [1].

La Suprema Corte fonda la propria decisione su un punto essenziale: ottenere la dilazione dall’agente della riscossione non equivale a una transazione. In pratica, il debito non si estingue, né viene ridotto. Esso continua a rimanere integro ed uguale; il che, evidentemente, pesa sulle scritture contabili della società, tanto da farla ritenere, agli occhi dei giudici, in evidente crisi di liquidità. Insomma, la rateizzazione (o più propriamente detta “rateazione”) non cancella il debito e, quindi, non esclude lo stato di insolvenza del debitore.

Con la conseguenza che la società potrà essere dichiarata fallita su ricorso di un soggetto privato (ricordiamo, infatti, che lo Stato non può chiedere il fallimento degli imprenditori).


note

 [1] Cass. ord. n. 2174 del 31.01.2014.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube