Business | Articoli

Requisiti e incentivi fiscali per le start up innovative

4 Maggio 2014


Requisiti e incentivi fiscali per le start up innovative

> Business Pubblicato il 4 Maggio 2014



Requisiti e condizioni per essere start up innovative; per chi partecipa detrazione Irpef fino al 25% o deduzione fino al 27%.

Dal 2012 [1] l’ordinamento ha regolamentato le cosiddette start up innovative e gli incubatori certificati di start up innovative. Non si è trattato di una vera e propria rivoluzione, ma di una lenta assimilazione di un’articolata disciplina di favore per i soggetti economici che hanno maggiori potenzialità di crescita e d’innovazione e che più di altri possono dare slancio all’economia nazionale.

L’unico requisito per la loro attribuzione è quello di un oggetto sociale ispirato allo sviluppo, alla produzione e commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico (nel caso delle start up) e alla messa a disposizione di strutture, attrezzature e servizi per accogliere e far crescere le start up innovative (nel caso degli incubatori).

Gli incentivi fiscali previsti per le start up innovative sono diretti tanto alle società quanto a chi investe nel capitale di questi particolari soggetti.

In primo luogo, start up e incubatori non pagano (fino ad un massimo di 4 anni) diritti e bolli d’iscrizione al Registro delle imprese.

Inoltre, beneficiano di un canale d’accesso privilegiato al credito d’imposta per le assunzioni di personale altamente qualificato.

Il nuovo bonus prevede dei benefici fiscali a chi invece in partecipazioni al capitale di start up innovative. In particolare, le persone fisiche (che investono direttamente o per il tramite di organismi specifici) posso usufruire di una detrazione d’imposta pari al 19% della somma impiegata (con investimento massimo fissato a 500mila euro) aumentata al 25% per investimenti nelle start up a vocazione sociale e in quelle che sviluppano e commercializzano in esclusiva prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico in ambito energetico.

Stesso beneficio spetta alle società che investono nel capitale delle start up innovative. In questo caso, la detrazione viene sostituita con una deduzione dal reddito imponibile pari al 20% della somma investita (con limite fissato a 1,8 milioni).

Anche in questo caso, la percentuale (di deduzione) è aumentata al 27% per gli investimenti nelle start up a vocazione sociale e in quelle dei prodotti innovativi in campo energetico.

Infine, start up e incubatori certificati potranno attribuire ai propri amministratori, dipendenti o collaboratori continuativi, strumenti finanziari, opzioni per l’acquisto di strumenti finanziari e “altri diritti” senza che questi contribuiscano a determinare reddito imponibile, sia sul piano fiscale che su quello previdenziale.

Un’inedita tipologia di “facilitazioni” per queste società consiste nella possibilità di poter derogare ad alcune regole del Codice civile in materia di solidità patrimoniale dell’ente. Tra queste, la facoltà di poter ripianare le perdite superiori ad un terzo del capitale sociale non entro l’esercizio successivo a quello della loro manifestazione ma entro il secondo esercizio successivo.

Le start up innovative che perdono oltre un terzo del capitale, con questo che si riduce al disotto del minimo legale, in alternativa all’immediata riduzione del capitale e al contemporaneo aumento del medesimo a una cifra non inferiore al minimo legale, potranno deliberare di rinviare tali decisioni alla chiusura dell’esercizio successivo e, fino alla chiusura di tale esercizio, non opera la causa di scioglimento della società per riduzione o perdita del capitale sociale.

La start up innovativa (costituita in Srl) può creare categorie di quote fornite di diritti diversi e, nei limiti imposti dalla legge, liberamente determinare il contenuto delle varie categorie, anche in deroga alla misura proporzionale alla partecipazione da ciascuno posseduta, sia per l’amministrazione della società che per la distribuzione degli utili. In esse non si applica il divieto di operazioni sulle proprie partecipazioni se tali operazioni fanno parte di piani d’incentivazione che prevedano l’assegnazione di quote di partecipazione a dipendenti, collaboratori o componenti dell’organo amministrativo, prestatori di opera e servizi anche professionali.

Nelle start up e negli incubatori interviene una presunzione legale di esistenza delle “speciali ragioni” qualora il contratto a tempo determinato, anche in somministrazione, sia stipulato per lo svolgimento di attività inerenti o strumentali all’oggetto sociale delle medesime.

È prevista anche la possibilità (per i contratti collettivi stipulati dalle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale) di stabilire criteri per la determinazione di minimi tabellari specifici, funzionali alla promozione dell’avvio delle start up innovative, nonché criteri per la definizione della parte variabile.

Infine, le quote di partecipazione in start up innovative (costituite in forma di Srl) possono essere oggetto di offerta al pubblico di prodotti finanziari, anche attraverso i “portali per la raccolta di capitali”. Una menzione particolare merita la possibilità (accordata alle sole start up innovative, anche a vocazione sociale) di raccogliere capitali di rischio tramite portali on line.

I REQUISITI DELLE START UP

La start up innovativa deve essere una società di capitali di diritto italiano (anche in forma cooperativa) o una societas europaea residente in Italia. Per la maggior parte del periodo di imposta la società deve avere nel territorio dello Stato la sede legale, la sede dell’amministrazione e la sede dei propri affari ed interessi. Le azioni o quote rappresentative del capitale sociale non devono essere quotate su un mercato regolamentato o su un sistema multilaterale di negoziazione.

È stato poi esteso il regime di favore anche alle società che non hanno sede in Italia, purché soddisfino gli altri requisiti e abbiano sede in uno Stato Ue o in uno Stato aderente allo spazio economico europeo ed esercitino un’attività d’impresa in Italia mediante stabile organizzazione.

La società deve inoltre possedere congiuntamente tutti i seguenti requisiti:

– essere costituita e svolgere attività d’impresa da non più di 48 mesi;

– a partire dal secondo anno di attività, il valore della produzione annua, così come risultante dall’ultimo bilancio approvato entro sei mesi dalla chiusura dell’esercizio, non deve essere superiore a 5 milioni;

– non deve distribuire, o aver distribuito utili;

– non deve essere stata costituita da una fusione, scissione o a seguito di cessione di azienda o di ramo di azienda (il ministero dello Sviluppo economico ha esteso l’accesso al regime anche alle Srl unipersonali costituite tramite cessione/conferimento di una ditta individuale, stante l’impossibilità di trasformarsi in società di capitali);

– infine, l’oggetto sociale esclusivo o prevalente deve essere lo sviluppo e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico.

Le caratteristiche innovative

La società deve inoltre soddisfare almeno uno tra i seguenti requisiti, diretti a qualificare il carattere innovativo dell’attività.

1. Le spese in ricerca e sviluppo devono essere uguali o superiori al 15% del maggiore valore fra costo e valore totale della produzione. Dal computo sono escluse le spese per l’acquisto e la locazione di beni immobili, mentre rientrano, in aggiunta a quanto previsto dai principi contabili, le spese per lo sviluppo precompetitivo e competitivo, le spese per i servizi di incubazione forniti da incubatori certificati, i costi lordi di personale interno e consulenti esterni impiegati nell’attività di ricerca e le spese legali per la registrazione e protezione di proprietà intellettuali, termini e licenze d’uso. Le spese risultano dall’ultimo bilancio approvato e sono descritte in nota integrativa. In assenza di bilancio fa fede la dichiarazione del legale rappresentante.

2. In alternativa almeno un terzo della forza lavoro deve essere costituita da personale in possesso di titolo di dottorato di ricerca o che sta svolgendo un dottorato di ricerca presso un’università italiana o straniera, oppure in possesso di laurea e che abbia svolto, da almeno tre anni, attività di ricerca certificata presso istituti di ricerca pubblici o privati, in Italia o all’estero, o deve avere personale in possesso di laurea magistrale in misura pari ai due terzi della forza lavoro complessiva. Sembra conforme allo spirito della legge ritenere che il parametro della forza lavoro qualificata possa ricomprendere anche gli amministratori e non solo i dipendenti ed i collaboratori, come invece si evince dal tenore letterale della norma.

3. Il terzo criterio riguarda l’utilizzazione di creazioni intellettuali a contenuto tecnologico. La società deve infatti essere titolare, depositaria o licenziataria di un titolo di privativa diretto a tutelare le invenzioni industriali, biotecnologiche, le topografie dei prodotti a semiconduttori, le nuove varietà vegetali o essere titolare dei diritti relativi ad un programma per elaboratore registrato, purché tali privative siano direttamente afferenti all’oggetto sociale e all’attività di impresa.

GLI INCUBATORI

La legge [1] ha affiancato alla nuova start up innovativa il cosiddetto incubatore certificato, il cui scopo è fornire servizi capaci di sostenere la nascita e lo sviluppo delle start up innovative.

L’incubatore è una sorta di laboratorio in cui managers con elevate competenze in strategia aziendale, marketing, finanza e contabilità direzionale partono da un’idea, la studiano, la analizzano e la sperimentano. Gli obiettivi sono: generare imprese di successo e fare in modo che lascino il programma di incubazione finanziariamente autonome; fare in modo che le nuove imprese incubate siano in grado di commercializzare nuova tecnologia e rafforzare l’economia locale.

L’incubatore può assumere la forma di società di capitali, costituita anche in forma cooperativa o di societas europaea, residente in Italia.

IL REGISTRO IMPRESE

Per ottenere la qualifica di start up innovativa o di incubatore certificato serve anche l’iscrizione in una apposita sezione speciale del Registro imprese.

L’iscrizione è perfezionabile con la presentazione di un’istanza e di un’autocertificazione sul possesso dei requisiti previsti dalla legge, sottoscritta dal legale rappresentante.

La domanda di iscrizione viene presentata in via telematica, con firma digitale. Deve contenere una serie di informazioni che vanno rese facilmente disponibili: la società deve infatti assicurare la possibilità di accesso dalla home page del sito Internet.

IL VANTAGGIO FISCALE

Per i soggetti Irpef l’agevolazione fiscale consiste, limitatamente ai periodi d’imposta 2013-2016, in una detrazione di importo pari al 19% degli investimenti rilevanti fino ad un massimo annuo di 500mila euro (cioè a una detrazione annua massima di 95mila euro). Con una deroga rispetto alle norme sulla determinazione del reddito dei soggetti Irpef, questa detrazione, se supera l’imposta lorda di periodo (al netto di eventuali altre detrazioni), può essere riportata a nuovo entro il terzo periodo d’imposta successivo.

Per i soggetti Ires, sempre limitatamente ai periodi d’imposta 2013-2016, è prevista una deduzione dal reddito complessivo di un importo pari al 20% degli investimenti rilevanti effettuati fino ad un massimo annuo di 1,8 milioni (cioè con una deduzione annua massima di 360mila euro).

LE STOCK OPTION

L’esenzione Irpef e contributiva per i redditi di lavoro derivanti dai piani di stock options destinati ad amministratori, dipendenti o collaboratori continuativi e a coloro che prestano servizi di natura professionale verso tali soggetti è uno dei più significativi benefici di cui godono le start up innovative e incubatori certificati.

Il divieto, senza limiti temporali, di riacquisto degli strumenti emessi da parte dell’emittente o da qualsiasi soggetto che direttamente controlla o da cui è controllato, limita

però la possibilità di monetizzare l’incentivo.

In maniera innovativa, l’agevolazione fiscale è stata estesa anche alle emissioni di strumenti finanziari a fronte dell’apporto di opere e servizi resi in favore di start up innovative o di incubatori certificati anche di natura professionale

note

[1] Dl 179/2012.

Autore immagine: 123rf.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI