Business | Articoli

Per chi teme emozioni forti meglio la liquidità

18 Agosto 2014
Per chi teme emozioni forti meglio la liquidità

Vantaggi e svantaggi dei cash.

Se si temono le turbolenze dei mercati e si vuole passare un periodo tranquillo, una buona alternativa per investitori prudenti è quella di allocare i risparmi su strumenti di liquidità che non sono rischiosi, ma non riconoscono rendimenti interessanti.

In questo momento i mercati sono drogati dalla grande massa di liquidità, e questo aspetto fa intuire la potenzialità di problemi dietro l’angolo. Basta qualche evento avverso per far venire giù il mercato.

Per questo motivo il consiglio di molti è di vendere tutto e tenere i soldi sul conto corrente. È vero che a livello europeo hanno autorizzato la possibilità di prelevare fino al 10% dai conti in situazioni gravi, ma non lo vediamo come un rischio concreto nel brevissimo. Anche perché in Italia c’è già una forma di patrimoniale fissa, cioè l’imposta di bollo: per fare cassa basta innalzare quella.

Ma tenere i soldi sul conto corrente ha senso solo se si hanno a disposizione somme elevate, così da avere il potere di negoziare con la banca il tasso attivo. Altrimenti, è meglio orientarsi su altri strumenti.

Le polizze di ramo primo, che contengono soprattutto titoli di Stato possono diventare uno strumento di liquidità. Altrimenti si può optare per titoli e obbligazioni con duration a sei mesi o un anno.

Quali sono, in particolare, gli strumenti di liquidità alternativi al conto corrente?

Dovendo fare una disamina di vantaggi e svantaggi, meglio escludere al momento i titoli di Stato italiani. Comprare strumenti di questo tipo richiede il pagamento di commissioni e l’apertura di un deposito titoli, che ha l’imposta di bollo. In più i rendimenti sono davvero miseri, anche se l’aliquota fiscale, al 12,5%, è più bassa. Da escludere i buoni fruttiferi postali, che a fronte di costi quasi nulli e tassazione al 12,5% rendono pochissimo, intorno allo 0,3% a 18 mesi.

Più interessanti i conti deposito, anche se i rendimenti sono scesi e la tassazione è salita al 26%. Ma il rendimento è più elevato dei BoT, soprattutto se si decide di vincolarli (mentre i depositi a vista rendono intorno allo 0,3%).

Bisogna però badare che ci sia la possibilità di svincolarli.

Sono ancora più attraenti i pronti conto termine: anche in questo caso occorre il deposito titoli, ma danno rendimenti un po’ più elevati in base al sottostante: se sono titoli di Stato rendono intorno allo 0,7% a 12 mesi, se sono bond bancari possono arrivare al 3,5%, ma il rischio di controparte è molto più elevato.

L’ultima alternativa sono i fondi a gestione attiva o gli Etf con duration corta, che tendono ad avere vita media residua degli strumenti inferiore ai due anni, e volatilità contenuta: però in questo caso ci sottoponiamo al rischio-prezzo, mentre altri strumenti come il conto deposito hanno capitale garantito.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube