Business | Articoli

Gli stranieri possono costituire società o esserne soci?

14 Gennaio 2016
Gli stranieri possono costituire società o esserne soci?

Immigrati, extracomunitari, rifugiati, cittadini dell’Unione Europea: la possibilità di costituire una società o di diventarne soci.

Per stabilire se un soggetto straniero (persona fisica, società o altro ente) possa costituire o partecipare ad una società italiana, occorre verificare in primo luogo se esistono accordi internazionali tra l’Italia e lo Stato straniero cui appartiene il soggetto, in mancanza si fa ricorso al diritto internazionale privato italiano, il quale prevede che si applichi:

– per la persona fisica, la propria legge nazionale. La persona che ha più cittadinanze, tra cui quella italiana, è considerata come italiana. Diversamente, si applica la legge dello Stato con il quale il cittadino ha il legame più stretto per vedere se questi possa partecipare alla società;

– per la società (e, in generale, per le associazioni, fondazioni e gli enti pubblici e privati), la legge dello Stato di cui ha la nazionalità.

La disciplina è, inoltre, differente a seconda che lo straniero sia o meno cittadino di uno Stato appartenente alla UE.

Cittadini UE 

Nel territorio dell’Unione Europea vige il principio della libera circolazione delle persone, delle merci e dei capitali nonché la libertà di stabilimento. Perciò, le persone fisiche cittadine di Stati della UE possono godere della capacità contrattuale prevista per i cittadini italiani e, di conseguenza, costituire o partecipare a società italiane seguendo le stesse regole dettate per il cittadino italiano. La medesima disciplina si applica alle società che hanno la nazionalità di uno Stato UE, le quali possono quindi essere socie di una società italiana.

La libertà di circolazione si estende ai lavoratori dell’Islanda, della Norvegia, del Liechtenstein e della Svizzera, paesi firmatari dell’Accordo sullo Spazio Economico Europeo (S.E.E.).

Stranieri extra UE

È necessario distinguere tra lo straniero extracomunitario regolarmente soggiornante in Italia e quello privo di tale caratteristica.

Straniero regolarmente soggiornante

Lo straniero extra UE è regolarmente soggiornante in Italia se è munito di carta di soggiorno o di un permesso di soggiorno rilasciato, e in corso di validità, per motivi di lavoro subordinato o autonomo, per motivi familiari o per gli altri motivi previsti dalla legge, secondo i requisiti e le formalità ivi previste o che siano in possesso di permesso di soggiorno o titolo equipollente rilasciato dalla competente autorità di uno Stato appartenente all’UE, nei limiti ed alle condizioni previsti da specifici accordi.

Questo straniero può partecipare ad una società italiana, salvo che la legge o una convenzione internazionale imponga espressamente la verifica delle condizioni di reciprocità.

Se egli vuole costituire una società (di persone o di capitali) o accedere a cariche societarie deve dimostrare di:

– disporre di adeguate risorse;

– avere i requisiti previsti dalla legge italiana per l’esercizio di quella specifica attività (ivi compresa, l’iscrizione ad albi o registri);

– essere in possesso di un’attestazione dell’autorità competente non anteriore a 3 mesi che dichiari che non vi sono impedimenti al rilascio dell’autorizzazione o della licenza prevista per l’esercizio dell’attività.

Straniero non regolarmente soggiornante

Lo straniero che non è regolarmente soggiornante può divenire socio di una società italiana a condizione di reciprocità con lo Stato straniero di cui ha la nazionalità. Il medesimo principio si applica alle società straniere extra UE.

Sussiste la reciprocità quando il diritto commerciale dello Stato straniero ammette la partecipazione di un italiano (persona fisica o società) ad una società analoga a quella a cui lo straniero intende partecipare in Italia e alle medesime condizioni.

Il ministero degli affari esteri pubblica e aggiorna periodicamente l’elenco degli Stati per i quali ha verificato la sussistenza o meno delle condizioni di reciprocità con l’Italia, relativamente alla costituzione o alla partecipazione in società o all’assunzione di cariche sociali (reperibile all’indirizzo internet: www.esteri.it).

Se non vi è reciprocità lo straniero è privo della capacità di agire e non può diventare socio di società. La sua eventuale partecipazione è nulla per violazione di norme imperative.

Sono previsti limiti per la partecipazione in società di linee aeree.

Lo straniero ha l’onere di provare la reciprocità con ogni mezzo idoneo, anche con attestazioni ufficiali di un organo dello Stato estero (c.d. affidavit) senza che sia necessario acquisire il testo della legge straniera. È possibile presentare trattati internazionali, leggi interne (dello Stato estero), dichiarazioni di autorità amministrative quali ambasciate o uffici consolari all’estero o precedenti giurisprudenziali conformi.

Rifugiati e apolidi

I rifugiati possono costituire società in Italia solo se vi risiedono regolarmente da almeno 3 anni

Gli apolidi (cioè le persone senza alcuna cittadinanza che risiedono o sono domiciliate in Italia), sono sottoposti alla legge italiana. Essi possono costituire società in Italia solo se vi risiedono regolarmente da almeno 3 anni.


note

Autore immagine: instituteforthefuture.it


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

5 Commenti

  1. Salve, vorrei sapere se è rispettata la condizione di reciprocità tra Cina e Italia per quanto riguarda una srls. In particolare, un soggetto cinese può investire in una srls italiana? Grazie per le eventuali risposte

  2. QUALI SONO GLI STATI CON RECIPROCITA’?
    A QUALE REGIME FISCALE SONO SOTTOPOSTE LE SOCIETA’ DI CAPITALE IN CUI è SOCIO UNO STRANIERO /IMMIGRATO?

    1. SU ESTERI.IT è POSSIBILE VEDERE GLI STATI CON RECIPROCITA’. IL REGIME FISCALE DA APPLICARE DIPENDE DALLA STABILE ORGANIZZAZIONE SE IN ITALIA LE TASSE SI PAGANO IN ITALIA

  3. Un cittadino Italiano, può ricoprire cariche amministrative in ambito societario e/o detenere quote di essa senza permesso di soggiorno in RUSSIA?
    Di contro analogamente ciò possibile in Italia per cittadino RUSSO privo di permesso di soggiorno?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube