Business | Articoli

Proroga dei voucher asili nido e baby sitter: richieste sino ad esaurimento

8 Marzo 2016 | Autore:
Proroga dei voucher asili nido e baby sitter: richieste sino ad esaurimento

Fino a 600 euro al mese, per sei mesi, da utilizzare per servizi per l’infanzia: il voucher concesso anche alle lavoratrici autonome, ma per metà del tempo.

E’ stato pubblicato l’avviso INPS per i voucher dedicati ai servizi per l’infanzia. Il servizio, consiste in un importo mensile di 600 euro per un totale massimo di 6 mesi e permette l’acquisizione di servizi di babysitting o di asilo nido in strutture pubbliche o accreditate. L’agevolazione spetta per ciascun figlio.

La legge di stabilità 2016 ha prorogato il bonus, inserito originariamente nella riforma Fornero [1] per il periodo 2012-2015. La proroga del bonus prevede che l’INPS accolga le domande sino ad esaurimento delle risorse, la dotazione finanziaria totale ammonta a 20milioni di euro.

Chi può richiedere l’assegno?

Il beneficio può essere richiesto da lavoratrici dipendenti o parasubordinate ed opera in sostituzione del congedo parentale, ragion per cui se il congedo è stato in parte fruito il beneficio può essere richiesto solo per i mesi rimanenti.

Che tipologie di contratto sono ammesse?

Il bonus può essere richiesto sia dai lavoratori full-time sia dai part-time. L’INPS fornisce una tabella di conversione che pondera il bonus in ragione della percentuale di part-time lavorato. Ma il calcolo può essere operato semplicemente rapportando la percentuale di part-time al totale dell’importo previsto per il tempo pieno. Per fare un esempio con un part-time al 20% il bonus ammonta a 120 euro, con un part-time del 50% il bonus ammonta a 300 euro, con un part-time all’80% un bonus di 480 euro.

Posso richiedere il voucher con la partita IVA?

Il voucher può essere richiesto dai possessori di Partita IVA ma esso ammonta a 600 euro per 6 mensilità, dunque per un importo totale di 3.600 euro.

Lo stesso importo è garantito alle lavoratrici parasubordinate.

Come si presenta la domanda di Voucher baby sitter?

La domanda può essere presentata attraverso il portale INPS in via telematica (necessario il PIN dispositivo) oppure attraverso il supporto dei patronati. Non vengono invece considerate le domande pervenute all’INPS attraverso PEC o e-mail.

Di seguito all’accettazione della domanda è necessario comunicare l’inizio della prestazione attraverso il contact-center dell’INPS/INAIL (803.164 o 06-164164 da cellulare) o attraverso il numero di fax gratuito INAIL 800.657657 utilizzando l’apposito modulo fornito dall’INAIL:

Come ritirare i voucher baby sitting?

Nel caso si intenda fuire del bonus baby sitting i voucher relativi dovranno essere ritirati presso la sede INPS competente per territorio entro 120 giorni dall’accoglimento della domanda, Mentre se si sceglie l’iscrizione al nido allora il contributo sarà erogato alla struttura prescelta direttamente dall’INPS (fermo restante la possibilità di cambiamento della struttura tra quelle accreditate). Le strutture prescelte dovranno compilare apposita liberatoria per il pagamento avvenuto.

 

Quanto durano i voucher baby sitter e asili nido?

Fermo restante la durata massima di 6 mesi, il voucher viene riconosciuto dal giorno di presentazione della domanda, sino al giorno di cessazione del rapporto di lavoro, qualora questo dovesse interrompersi.

Altro caso di specie consiste nella modifica del rapporto di lavoro: qualora il rapporto difatti passi da tempo pieno a tempo parziale, il voucher per i giorni successivi a tale trasformazione sarà rapportato al nuovo orario di lavoro.


1 | Chiedi il voucher sino al 31 dicembre 2016, per 6 mesi, in sostituzione del congedo parentale

2 | Scegli la struttura o ritira i voucher all’INPS

3 | Il voucher si interrompe se si interrompe il rapporto di lavoro

4 | Per i possessori di Partite IVA e i CO.CO.CO. il voucher è ridotto a 3 mensilità

note

[1] L. 92/2012, art. 4, c. 24, lett. b).


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Ho letto che i titolari di p.iva possono chiedere il voucher. Ci sono limiti di reddito per presentare domanda?

Rispondi a Massimo Galli Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube