Business | Articoli

Equitalia: sempre permessa la rateizzazione delle cartelle

10 Marzo 2016 | Autore:
Equitalia: sempre permessa la rateizzazione delle cartelle

Anche i debitori decaduti prima del 22 ottobre potranno essere riammessi all’ottenimento del piano straordinario da 120 rate.

La rateizzazione straordinaria delle cartelle esattoriali, sarà permessa anche per coloro i quali erano stati ammessi alla dilazione da Equitalia prima dello scorso 22 ottobre, data in cui il Dlgs 159/2015, contenente la “delega fiscale” entrava in vigore.

La proposta è arrivata oggi dall’AD di Equitalia Ruffini, che ha sottolineato che tale opportunità dovrebbe diventare effettiva in un prossimo futuro, ai fini di permettere che anche i cittadini così come le imprese “decadute” dal piano di rateizzazione concesso precedentemente al 22 ottobre possano riottenere tale beneficio.

Come si rateizzano le cartelle Equitalia?

Come è noto i debiti sino a 50mila euro possono essere rateizzati attraverso la presentazione di una semplice domanda online che non prevede neanche un allegato a garanzia del debito.

Il piano ordinario consente di pagare sino a 72 rate con un importo minimo di 50 euro (la rata difatti può essere sia costante, sia crescente).

Sino allo scorso 22 ottobre, data di entrata in vigore della delega fiscale, tuttavia, le cartelle erano sottoposte ad un piano di rateizzazione che stabiliva la decadenza dopo il pagamento di 8 rate. La delega fiscale, nel ridurre tale termine a 5 rate, permetteva al contempo, in caso di peggioramento della situazione economica, anche una nuova rateizzazione attraverso un piano straordinario sino a 120 rate.

L’importo e le modalità di questo piano straordinario di rateizzazione sono stabilite dal Decreto del MEF attraverso una correlazione tra la situazione economica e il debito nei confronti dell’erario.

Quanto valgono le rate di Equitalia?

L’agenzia erariale ha fatto rilevare come al 2015 il risultato della riscossione fiscale ha portato ad un introito di 8,2 miliardi di euro, con un incremento sino allo scorso anno dell’11,2% rispetto al 2014. Tale importo per il 49,6% è stato ottenuto attraverso la rateizzazione. Attualmente secondo quanto dichiarato da Ruffini sarebbero oltre 38miliardi di euro gli importi rateizzati, per un totale che raggiunge i 3milioni di rateizzazioni.

Conviene rateizzare le cartelle Equitalia?

A chi si chiede se convenga rateizzare, non senza qualche ironia sul sito dell’agenzia appaiono “i vantaggi” per i quali conviene pagare attraverso la rateizzazione.

-INPS, INAIL e Casse edili potranno rilasciare il Documento unico di regolarità contributiva (DURC);

-L’Agenzia delle entrate potrà rilasciare il certificato di regolarità fiscale;

di conseguenza la vostra azienda, benché con qualche problema economico, sarà in grado tecnicamente di partecipare a bandi di gara ed appalti pubblici.

Mentre si è in regola con i pagamenti, inoltre, l’agenzia non potrà attivare alcuna procedura cautelare (come ad esempio il fermo o l’ipoteca) o esecutiva (quali i pignoramenti).

Un provvedimento di fermo preesistente, in caso di richiesta di rateizzaione, potrà essere sospeso dall’agente della riscossione: questi rilascerà un documento contenente il proprio consenso, che dovrà essere presentato al PRA.

Naturalmente è bene sempre ricordare che in presenza di eventuali sospensioni giudiziali o amministrative, si può decidere di interrompere i pagamenti delle rate in attesa di giudizio.

Se vuoi un approfondimento sul tema, consulta il nostro articolo nell’area people.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube