Business | Articoli

Auto aziendali: confisca anche se guidate dal dipendente

21 Marzo 2016
Auto aziendali: confisca anche se guidate dal dipendente

La guida senza patente è stata depenalizzata, ma si è persa l’occasione per affrontare il problema della confisca delle auto aziendali guidate da dipendenti.

Il processo di depenalizzazione delle infrazioni alla guida, che è stato da ultimo regolato dalla circolare 300/A/852/16/109/33/1 [1]

problema che si è sempre posto è il fatto che per evitare che si configurino le condizioni di confisca del mezzo si dovrebbe poter dimostrare che l’azienda ha fatto tutto quanto in proprio potere per evitare che si configurasse la condizione di guida illecita, ovvero dimostrare che l’azienda non sapeva di tale condizione.

Naturalmente mentre in piccole aziende con pochi mezzi che partano tutti dallo stesso piazzale questo genere di controllo attuale e continuo sulla documentazione dell’autista è non solo possibile ma anche verosimile per la gran parte dei casi, nel caso delle aziende più grandi nelle quali l’auto viene data al dipendente a fronte della presentazione della patente all’atto di firma dell’assunzione di responsabilità, questo non è fattibile e la verifica difficilmente di fatto avviene.

Confisca auto aziendale: onere sull’azienda

Sebbene l’orientamento giuridico di questi ultimi anni sia che nel caso in cui il dipendente venga trovato senza patente o con una patente differente da quella necessaria per la guida del mezzo, tale condizione è motivo sufficiente per desumere che l’azienda non aveva fatto abbastanza per accertare la correttezza delle condizioni d’uso dell’auto da parte del dipendente, per altro verso è vero, che la condizione di sospensione della patente o di perdita dell’idoneità da parte del conducente – dipendente, può variare in qualsiasi momento, ragion per cui mettere in atto un controllo effettivo è molto complicato.

Si pensi ad esempio ai casi in cui il conducente pur avendo conseguito la patente, non è riuscito a passare la visita periodica o di revisione (di conferma dei requisiti psicofisici), o è stata ritirata o sospesa perché ha commesso delle infrazioni gravi. La circolare [1] specifica che questi illeciti siano soggetti a depenalizzazione, senza nulla specificare tuttavia in merito alla revoca del mezzo qualora si tratti di mezzo aziendale.

La morale è che sebbene l’azienda nei fatti non abbia spesso colpa, i mezzi di servizio sono spesso sottoposti a fermo, nonostante il codice della strada all’art. 214 comma 1-bis, stabilisce che quando la circolazione del mezzo avvenga contro la volontà del proprietario non si possano applicare né il fermo amministrativo né la confisca.

Confisca Auto: il contratto delle Agenzie di Noleggio a lungo termine

Come spesso accade nelle more di una legislazione chiara, la società si adegua e trova soluzioni che potrebbero avere risvolti contrari alla logica del provvedimento di depenalizzazione (la cui ratio è anche – tra le altre – quella di ridurre il carico amministrativo dei tribunali con cause di interesse e valore limitato). E’ appena il caso di ricordare, difatti, che il tema riguarda anche le agenzie di noleggio a lungo termine e quelle a breve termine. Mentre per queste ultime il controllo sulla condizione delle patenti di guida dei clienti è molto più stringente e (evidentemente) molto più “attuale” rispetto al momento in cui il conducente scende in strada, nel caso delle ditte di noleggio a lungo termine vale il discorso che abbiamo accennato per qualsiasi azienda. Le agenzie tuttavia si sono premurate di inserire all’interno dei loro contratti specifici accordi che prevedano l’impegno del cliente ad usare la diligenza del “buon padre di famiglia”, rispettando le norme e comunicando al contempo all’agenzia stessa qualsiasi variazione dovesse intercorrere avverso la propria patente di guida. Questo naturalmente non annulla le sanzioni sul veicolo, ma offre alle agenzie la possibilità di rivalersi – legalmente ovviamente – sul cliente per i danni causati ed eventualmente recedere dal contratto.


note

[1] Circolare 300/A/852/16/109/33/1


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube