Business | Articoli

Acquistare la casa in leasing: come funziona il leasing immobiliare

11 Aprile 2016
Acquistare la casa in leasing: come funziona il leasing immobiliare

Il leasing immobiliare abitativo ti permette di pagare un canone e poi riscattare l’immobile. Il canone è detraibile dalle tasse. Ecco come fare.

Un emendamento alla Legge di Stabilità 2016 [1] prevede che si possa acquistare la casa in leasing.

Il leasing immobiliare, precedentemente previsto solo per le imprese, è dunque possibile ora anche per i privati e per immobili ad uso abitativo. Vediamo come funziona.

Come funziona il leasing immobiliare?

Il leasing immobiliare è un contratto che permette l’acquisto dell’immobile a fronte di un canone a seguito del pagamento del quale al termine del contratto sarà possibile acquisire il bene riscattandolo.

La locazione finanziaria di un immobile, insomma, è molto simile a quella prevista per le auto o per i macchinari. L’intermediario o l’istituto bancario procedono a sottoscrivere l’obbligazione ad acquistare il bene (o in alcuni casi anche a farlo costruire se ancora non esiste ma siano disponibili i relativi permessi). A fronte di questa obbligazione, il soggetto si impegna a pagare un canone per la cui determinazione si tiene conto del prezzo di acquisto e della durata del contratto. Il costo dunque varierà in base a tali parametri.

Al termine del contratto il soggetto utilizzatore potrà decidere se riscattare l’immobile attraverso il pagamento di una maxi-rata finale o rinunciare al bene.

La maxi-rata si calcola scontando dalla cifra complessiva l’ammontare di quanto sino a quel momento pagato attraverso i canoni.

I vantaggi del leasing immobiliare

Il leasing immobiliare offre alcuni vantaggi innegabili nel fatto che non essendo un mutuo non ci sono iscrizioni né ipoteche, ne costi notarili per il possibile acquirente futuro. Tali costi difatti interverranno solo in un secondo momento qualora l’acquisto dovesse concretizzarsi.

Inoltre spesso i tassi di finanziamento possono corrispondere anche all’intero ammontare del valore dell’immobile, una percentuale che con un mutuo non è (quasi mai) possibile ottenere.

In questi casi si richiede in genere di versare anche una rata iniziale particolarmente alta che corrisponde ad un anticipo solitamente variabile tra il 10% e il 30% del valore dell’immobile.

I vantaggi fiscali del leasing finanziario: detrazione IRPEF, IVA agevolata, Imposte di registro

Il leasing è inoltre detraibile ai fini IRPEF per i soggetti al di sotto dei 35 anni che abbiano un reddito al di sotto dei 55mila euro. I canoni sono deducibili nella misura del 19% fino a 8mila euro annuo e fino a 20mila euro per il riscatto finale.

Le agevolazioni si applicano, dimezzate, anche agli over 35. La deduzione dovrà quindi essere calcolata su un canone massimo di 4000 euro e su una maxirata finale di 10.000 euro.

Ulteriore ma non trascurabile vantaggio ai fini fiscali è l’applicazione dell’IVA agevolata al 4% se la società di leasing (dunque la banca o l’intermediario finanziario) acquistano l’abitazione direttamente dal costruttore.

Sono infine previste agevolazioni anche sull’imposta di registro sui contratti di locazione finanziaria stipulati. L’imposta si applica difatti nella misura dell’1,5% per gli atti di trasferimento nei confronti di banche ed intermediari che esercitano attività di leasing finanziario di abitazioni non “di lusso”. Allo stesso modo il tasso è all’1,5% anche per gli atti relativi alle cessioni, da parte degli utilizzatori, di contratti di locazione finanziaria relativi a immobili “non di lusso”.

Gli svantaggi del leasing immobiliare

Ci sono anche alcuni svantaggi nel leasing immobiliare rispetto al mutuo. Si deve ad esempio considerare che la durata del leasing rispetto a quella dei mutui è più breve (su durate lunghe difatti il canone sarebbe molto alto, dunque non conveniente). I tempi di durata della locazione finanziaria oscillano generalmente tra i 12 e i 15 anni. Tale differenza porta di solito a pagamenti mensili più alti rispetto a quelli di un mutuo.


note

[1] L. 208/2015


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube