Business | Articoli

Convivenza di fatto: l’assegno di mantenimento non è deducibile

12 Luglio 2016
Convivenza di fatto: l’assegno di mantenimento non è deducibile

Non sarà deducibile l’assegno di mantenimento derivante dalla cessazione di una convivenza di fatto: ecco i dettagli.

Nel caso di convivenza di fatto interrotta, l’assegno di mantenimento che ne deriva non è un costo deducibile, come invece accade per le separazioni (o per le unioni civili che sono equiparate a tali effetti al matrimonio). Vediamo i dettagli.

Convivenza di fatto: effetti fiscali meno rilevanti delle unioni civili

La legge Cirinnà che ha regolato le unioni civili ha anche trattato – più marginalmente – le convivenze di fatto. Per queste fattispecie però gli effetti fiscali sono molto più limitati rispetto alle unioni civili.

Tra le previsioni di legge dedicate alle convivenze di fatto, ad esempio, non è prevista la possibilità di dedurre dalle tasse l’erogazione dell’assegno di mantenimento.

Il decreto stabilisce che “in caso di cessazione della convivenza di fatto, il giudice stabilisce il diritto del convivente di ricevere dall’altro convivente gli alimenti qualora versi in stato di bisogno e non sia in grado di provvedere al proprio mantenimento[1]. Tuttavia l’articolo del TUIR che si riferisce all’assegno di mantenimento [2], non è applicabile a questo caso. Esso difatti si riferisce alle seguenti ipotesi:

  • separazione o divorzio
  • assegni alimentari corrisposti a
    • il coniuge;
    • i figli;
    • i genitori e, in loro mancanza, gli ascendenti prossimo, anche naturali; gli adottanti;
    • i generi e le nuore;
    • il suocero e la suocera;
    • i fratelli e le sorelle germani o unilaterali, con precedenza dei germani sugli unilaterali [3].

Come si legge all’interno di tali figure non è possibile ricondurre la figura del convivente di fatto.

Convivenza di fatto: L’assegno di mantenimento non si deduce e non fa reddito

Come detto, dunque l’assegno di mantenimento corrispondente alla condizione di interruzione di una convivenza di fatto non è deducibile da chi lo eroga.

Per le medesime ragioni l’assegno non fa reddito per chi lo riceve, dunque l’assegno è esentasse, perchè non costituisce reddito assimilabile a quello di lavoro dipendente, come invece accade in caso di separazione legale da matrimonio o da divorzio [4].


note

[1] L. 76/2016 del 20.05.2016, art. 65.

[2] TUIR, art. 10.

[3] Art 433 cod.civ.

[4] TUIR, art. 50.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Ho convissuto per 15 anni , nel frattempo mi sono ammalata, di polmoni ho un deficit respiratorio che mi da’ una invalidità’ dell’ 80% ….dopo questo il mio compagno i ha lasciata …la sua famiglia possiede un campeggio nella quale anche io ho contribuito alla sua vita , in quanto per lui la cura della nostra e di lui vita e della collaborazione …..era per il nostro futuro e il futuro del nostro sistema economico ….. ho diritto a un qualcosa visto che mi ha lasciato senza se e senza nessuna certezza ?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube