Business | Articoli

Facebook: occhio al virus che si trasmette coi tag

19 Luglio 2016
Facebook: occhio al virus che si trasmette coi tag

Facebook veicolerebbe un virus tramite i tag, l’allarme su Una vita da Social, l’account della Polizia, ecco come si presenta.

Il virus WhasApp che infetta lo smartphone, le telefonate truffa che annullano il credito, è un periodo che i virus sembrano proliferare e pare che in nessuno di questi casi si tratti di una bufala: le segnalazioni arrivano dirette sulla pagina Facebook della Polizia “Una vita da social” che fa una buona opera di diffusione spingendo tutti alla condivisione dell’informazione.

Virus: Facebook infetta coi tag

Un nuovo virus si sta diffondendo su Facebook e arriva direttamente dagli amici e loro stessi nel cliccare sul messaggio contribuiscono alla sua diffusione, inconsapevolmente, cliccando sul messaggio.

Secondo la Polizia si tratta di un “worm che si trasmette tra contatti attraverso il tag di video o foto a contenuto pornografico“ – il virus si potrebbe trasmettere da messaggio a messaggio attraverso video porno girati dagli amici che magari per scherzo vi girano il video sul profilo.

Virus Facebook: le raccomandazioni della Polizia

La Polizia raccomanda di non aprire nessun messaggio con video o foto porno taggato dai vostri amici, e di usare il passaparola con i vostri contatti di Facebook.

Per accorgersi del fatto che il contenuto del messaggio è pericoloso, è sufficiente tenere d’occhio l’anteprima del messaggio che riporta una foto o un video porno (la foto potrebbe cambiare da messaggio a messaggio, ne girano di vario tipo).

Un buon metodo in ogni caso è controllare il numero di tag inserite: un numero di tag molto alto generalmente determina un numero di utenti esageratamente alto.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube