Business | Articoli

CAS: contributi di autonoma sistemazione al via, ecco come funzionano

29 Agosto 2016 | Autore:


> Business Pubblicato il 29 Agosto 2016



Partono i CAS, i Contributi di Autonoma Sistemazione, che prevedono un credito mensile per i cittadini delle zone terremotate. Ecco come funzionano e gli importi progressivi previsti.

La Protezione civile, a seguito della dichiarazione dello stato di emergenza emanato lo scorso 25 di agosto, ha attivato la procedura per la concessione dei CAS, i Contributi di Autonoma Sistemazione. Vediamo come funzionano.

CAS: a quanto ammonta il contributo di autonoma sistemazione

I CAS contributi di autonoma sistemazione consistono in un assegno mensile che viene erogato a favore dei cittadini che hanno subito danni sulla propria abitazione per il terremoto, non conta che l’abitazione sia stata distrutta in tutto o in parte.
I contributi sono proporzionali al reddito e al nucleo familiare. Si erogheranno i seguenti importi:

  • 200 euro al mese per ogni persona residente e comunque fino ad un massimo di 600 euro;
  • se il nucleo familiare è composto da una sola persona, il contributo è di 300 euro;
  • se ci sono persone di età superiore ai 65 anni, portatrici di handicap, o disabili con una percentuale di invalidità non inferiore al 67%, è concesso un contributo aggiuntivo di 200 euro per ogni avente diritto anche oltre il limite massimo di 600 euro per famiglia.

Chi assicura l’erogazione dei contributi autonoma sistemazione?

L’ordinanza della Protezione civile definisce che siano i Presidenti delle Regioni, i Prefetti e i Sindaci dei Comuni coinvolti nel terremoto, di concerto con le strutture del Servizio nazionale della protezione civile a stabilire le modalità di erogazione dei contributi.

C’è da sperare che la burocrazia ceda il passo al buon senso.

Protezione Civile: sospensione mutui e occupazioni d’urgenza

La stessa ordinanza della Protezione Civile dispone che i sindaci possano provvedere all’occupazione d’urgenza e alle eventuali espropriazioni con l’adozione di un decreto apposito ai fini di proteggere e dare riscontro alle esigenze della popolazione colpita dal sisma.

Si prevede inoltre la possibilità di richiedere la sospensione delle rate dei mutui, optando tra la sospensione dell’intera rata e quella della sola quota capitale. La Protezione civile specifica al riguardo che l’agevolazione è prevista anche per gli edifici destinati alla gestione di attività di commerciale ed economica.

note

Autore immagine: Pixabay.com


scarica un contratto gratuito
Creato da avvocati specializzati e personalizzato per te

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

1 Commento

  1. salve ..una domanda quale la durata di questo contributo….e solo per un mese ?? quindi io chi ho 4 in famiglia mi spetta 600 e basta?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA