Business | Articoli

Ditte individuali, società di persone: regime di cassa e IRI

11 Settembre 2016 | Autore:
Ditte individuali, società di persone: regime di cassa e IRI

Come anticipato sulle nostre pagine, in arrivo novità per le ditte individuali con la Legge di Stabilità 2017, ecco quali.

Con la Legge di Stabilità si prevedono grandi novità anche per le ditte individuali e le società di persone oltre che per i professionisti (leggi Partite IVA: si abbassano i contributi, ma di poco).
Il processo che si seguirà sarà l’assibilazione di queste unità produttive alle società di capitali in termini di regime fiscale, avvicinandole invece ai professionisti con riferimento alla contabilità.

Proprio come accade per le SRL e le SPA ad esempio si introdurrà una differenziazione tra il reddito individuale e il reddito d’impresa. Inoltre – come invece accade per i Professionisti – sarà possibile operare con regime di cassa.

Vediamo le novità partendo da quest’ultima, molto richiesta dalla confederazione nazionale CNA e capace di portare importanti vantaggi al settore in un momento di ritardo cronico dei pagamenti.

Piccole imprese in regime di cassa: come funziona?

Si introduce il regime di cassa per i circa 1,7milioni di ditte individuali e le 709mila società di persone presenti nel nostro Paese.

Così come accade già oggi per i professionisti, con la Legge di Stabilità 2017 sarà possibile procrastinare il pagamento delle imposte al momento in cui i compensi vengono percepiti.

Una contabilità semplificata insomma che permette di non tassare quanto ancora non è stato incassato e di velocizzare – come sottolinea CNA – i pagamenti tra i soggetti che sono sottoposti allo stesso regime.

Naturalmente per effetto dello stesso regime, solo i costi realmente pagati saranno soggetti a deduzione. In breve le ditte individuali saranno assimilate ai professionisti da un punto di vista della contabilità.

Le altre novità della manovra: il reddito dell’imprenditore

Nasce l’Imposta sul reddito dell’imprenditore, l’IRI, annunciata la scorsa settimana dal Premier, l’imposta permetterebbe di uniformare i criteri di tassazione dei redditi prodotti dalle imprese personali, dunque le ditte individuali e le società di persone, rispetto a quello delle società di capitali. Leggi IRES e IRI: riduzione in vista per il 2017.

Il reddito lasciato in azienda, destinato a nuovi investimenti, potrà essere tassato come avviene nelle società di capitali con l’IRES, ad un’aliquota inferiore rispetto all’aliquota progressiva IRPEF.

Pare si sia orientati in questo senso su un’aliquota del 24%, pari all‘IRES del prossimo anno che verrà ridotta anch’essa di 3,5 punti percentuali (dal 27,5% al 24% appunto).

Ulteriori misure sono tuttavia in arrivo con riferimento alle possibilità di investimento: dall’ACE al super ammortamento, ad un nuovissimo Iperammortamento sui beni dell’industria 4.0. Vi terremo aggiornati.


note

Autore immagine: Pixabay.com


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube