Business | Articoli

Entrate, 156mila lettere a chi non ha presentato dichiarazione

26 Ottobre 2016
Entrate, 156mila lettere a chi non ha presentato dichiarazione

Se avete “dimenticato” di presentare la dichiarazione, il Fisco ve lo ricorda e vi consiglia caldamente di farlo. Ecco gli avvisi. 

Ancora compliance, ancora consigli da parte del Fisco. Dopo i 60mila avvisi per gli affitti in nero, partono oggi gli avvisi bonari per chi non ha ancora presentato la dichiarazione 2016. Ecco come si presentano.

Dichiarazioni non inviate: controlli del Fisco.

Se siete stati “distratti” e avete “dimenticato” di presentare la dichiarazione dei redditi, avete ancora tempo per riparare.

La scadenza ordinaria era al 30 settembre, ma come è noto entro il prossimo 29 dicembre sarà possibile riparare all’errore con sanzioni minime.

La lettera – che non è un accertamento, ma un avviso bonario –  richiede dunque a quanti non risulta che abbiano inviato le loro dichiarazioni, di controllare ed eventualmente presentare quanto dovuto anche se in ritardo.

Quando la presentazione dovesse avvenire entro i 90 giorni dalla scadenza originaria si potrà beneficiare difatti del ravvedimento operoso.

Come calcolare il ravvedimento operoso

Per il calcolo delle sanzioni eventualmente dovute per il ravvedimento operoso, consigliamo d consultare il nostro approfondimento Calcolo ravvedimento operoso: software gratuito delle Entrate.

Compliance: la strategia dialogo funziona

La direttrice dell’Agenzia delle Entrate Orlandi non perde occasione di sottolineare come la strategia del dialogo con il contribuente funzioni. E stando ai numeri ha ragione, è lei stessa che sottolinea come: “le dichiarazioni che mancavano all’appello l’anno scorso erano circa 220mila, quest’anno poco più di 150mila: in pratica un quarto delle persone che nel 2015 hanno dimenticato di presentare la dichiarazione e sono stati avvisate per tempo, nel 2016 non hanno commesso lo stesso errore“.

A testimonianza, qualora ce ne fosse bisogno, che a controlli efficaci e rapidi corrisponde un maggiore livello di rispetto della legge.


note

Autore Immagine: Pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube