Business | Articoli

Furbetti del cartellino: arriva il timbro con impronta digitale

10 novembre 2016


Furbetti del cartellino: arriva il timbro con impronta digitale

> Business Pubblicato il 10 novembre 2016



Per timbrare si useranno le dita: ecco come si risolve il “problema” del cartellino. I primi esempi di timbratura attraverso l’impronta digitale

Si sviluppa a Salerno la prima prova di quello che potrebbe diventare un metodo efficace per ridurre il rischio di “timbratura selvaggia”, ovvero quella pratica che viene giornalisticamente richiamata la pratica dei “furbetti del cartellino”.

Le impronte digitali sostituiscono il cartellino presso l’Ospedale Ruggi D’Aragona di Salerno.

Da stamattina tocca solo ai dipendenti dell’Ufficio personale, ma dal 3 dicembre tutti e 3000 i lavoratori, per accedere, dovranno “strisciare” il badge e, subito dopo, appoggiare il dito sul device rilevatore.

Come funziona il timbro con impronta digitale?

Il timbro avviene attraverso l’impronta, se questa viene riconosciuta il dispositivo dà il via libera all’ingresso. Sfuggire ai controlli sarà dunque molto complicato.

Soprattutto sarà impossibile che un altro membro dello staff timbri per conto di un collega.

Il manager che ha dato il via al sistema ha sottolineato come le ragioni della scelta stessero nei numeri pubblicati sull’assenteismo, numeri che erano discordanti: “In un primo momento si è parlato di 800 furbetti, poi la cifra è stata ridimensionata a 200. E certo non sono pochi neanche questi”.

Privacy: che tutela si ha “timbrando” con l’impronta digitale al posto del cartellino?

La procedura necessitava di preventiva autorizzazione del Garante della Privacy. L’autorizzazione è giunta lo scorso settembre, con i dettagli su come il dispositivo doveva essere impostato perchè non violasse la privacy del personale.

L’impronta è registrata sul badge grazie a un chip criptografato e non su un data base aziendale. Insomma il dispositivo mette solo a confronto le impronte, reali e registrate – sottolinea Nicola Cantone, manager dell’ASP – vuol dire che non c’è alcun rischio di violazione della privacy perché i dati personali restano a esclusiva disponibilità del proprio badge“.

Ecco dunque avviarsi in questi giorni la prima sperimentazione che potrebbe essere destinata a riscuotere successo.

Cosa si rischia con il timbro multiplo del cartellino?

Per sapere cosa si rischia nel caso in cui si sia scoperti a timbrare più di un cartellino o a registrare la presenza per conto di un collega, vi suggeriamo il nostro approfondimento Furbetti del cartellino: da oggi in poi licenziati per direttissima.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

1 Commento

  1. le pubbliche amministrazioni evolute (Ministero della Difesa) hanno già un badge con capacità biometriche. fino ad oggi il garante non ha concesso l’uso
    E’ di proprietà della PA , intendo il progetto, e quindi non costa nulla
    E’ carta valori dello stato prodotta da IPZS (Istituto Poligrafico e >ecca dello Stato – lo stesso della carta di identità elettronica)
    Ha strumenti avanzati anti contraffazione
    dispone di sensore RFID
    dispone di certificati di firma digitale
    è a standard carta nazionale servizi
    ecc ecc

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI