Business | Storie di avvocati

Claudia Ramirez: com’è l’avvocato a San Salvador

8 agosto 2018


Claudia Ramirez: com’è l’avvocato a San Salvador

> Business Pubblicato il 8 agosto 2018



Mi presento subito. Sono Claudia Ramírez, Avvocato a San Salvador, El Salvador in America Centrale.

Pochi conoscono la mia storia personale.

Di solito si è portati a pensare che, dietro una affermazione professionale, ci sia stata una strada in discesa, che sia stato tutto facile e scontato.

Personalmente, posso testimoniare che non è sempre così.

Ricordo che, fin dai banchi di scuola, avevo sognato di diventare veterinario. Sì perché amo gli animali da quando ero piccola anzi piccolissima. Da quasi quando sono nata! Grazie a mia madre che si è sempre dedicata a educarci e a formarci nel miglior modo possibile con tanto amore. Insegnandoci ad amare tutti gli esseri viventi e rispettarli. Mi fermo brevemente per dirvi che attualmente ho tre cani e quattordici gatti a casa che amo con tutto il cuore. Veramente sono la mia gioia!

Il mio grande sogno di diventare un medico veterinario  però non si è realizzato. Quanta ragione aveva mio padre quando mi disse che dai veterinari non vengono animali sani e giocherelloni, ma malati e a volte sull’orlo della morte.

Tuttavia, i miei genitori mi hanno accompagnata per dare un’occhiata all’università, conoscere il campus e ascoltare i discorsi aperti ai futuri studenti. Tutto bene a questo punto. La fine del sogno è arrivata quando, durante il tour del campus, ho visto i laboratori di anatomia – sì, dove le necroscopie vengono eseguite su cani e gatti morti.

Fu così che scoprii che non avevo il cuore per vedere queste scene, capii le parole di mio padre e rinunciai a pensare di diventare veterinario. Che preoccupazione ho sentito quando non sapevo cosa sarebbe della mia vita – mi sentivo come se il mondo si fosse caduto in un istante! Non volevo seguire le orme di mio padre, ragioniere ed economista. Non volevo seguire le orme di mia sorella, che era chimica-farmacista, biologa e specialista del trattamento delle acque, come pure analista dei farmaci e leader nelle buone pratiche di manifattura.  Mia sorella – il mio grande esempio, ma sentivo di non avere le sue stesse capacità. Non volevo questo ne quello – non volevo niente!

Ma è ben detto che dai finali nascono gli inizi!  La mia storia di chi sono ora – inizia qui!

Non sapendo cosa fare, essendo indecisa su cosa studiare, ho deciso, e saggiamente deciso – che volevo imparare delle lingue straniere. La mia lingua madre è ovviamente lo spagnolo e conoscevo l’inglese fin da piccola. Sono stata istruita alla Escuela Americana – una scuola privata bilingue che segue i programmi scolastici degli Stati Uniti ed El salvador. Ma io volevo di più! Le lingue, come l’arte e le culture diverse, sono altre mie grandi passioni. Qui ho incontrato alcune difficoltà.

Tutti i miei compagni di scuola si stavano preparando per andare all’università e da questo arrivarono alcuni commenti inutili da parte di persone, amici, conoscenti…

E tu, cosa stai studiando? Quello che stai facendo è niente, stai solo sprecando tempo e denaro dei tuoi genitori … Hanno osato chiamarmi “la Torre di Babele” – non imparerai una lingua o l’altra…

Nulla mi fermò. Ero felice nei miei studi di lingua! Tra le mie lingue ho avuto la gioia di studiare il francese, l’italiano, il portoghese e, a livello basico, il tedesco, l’arabo e il giapponese.

Una volta finiti i miei studi in lingue – di nuovo la domanda “Cosa faccio ora?” Dentro la mia testa conoscevo l’importanza di avere una laurea. Scoprii quindi che volevo diventare Avvocato.

Mi sono iscritta con grande entusiasmo alla facoltà e ho iniziato i miei studi con molte nuove sfide da affrontare. Il primo anno è stato favoloso. Anche il secondo è iniziato così ma ancora una volta, qualcosa spezzò il mio già ben intrapreso percorso. Questa volta è stato un evento molto duro e traumatico per me: la morte di mio padre.

Mio padre non era malato, mio padre era ancora un uomo abbastanza giovane e forte, ma una notte ha avuto un infarto mentre dormiva. Certamente è stato un evento che cambiò radicalmente la nostra vita di famiglia. Con tanto dolore e in onore alla memoria di mio padre e, grazie agli sforzi di mia madre e mia sorella, la mia unica scelta era continuare ad andare avanti. Raggiungere la laurea era il mio obiettivo. Tra alti e bassi passarano cinque anni. Avendo completato i miei studi, e avendo completato l’anno sociale (lavoro volontario, ma richiesto dalle università come ulteriore requisito per la laurea). In seguito, mi sono iscritta al seminario di laurea. Basicamente si tratta di un altro semestre di studi, un ulteriore requisito per essere in grado di optare la tesi di laurea. Avendo conclusi la tesi e gli esami orali di difesa pubblica nei settori del diritto pubblico, privato e sociale,  fianalmente mi sono laureata dalla Universidad Centroamerica “José Simeón Cañas”.

In El Salvador, per poter esercitare la professione di Avvocato, una volta ottenuto il diploma che ci viene rilasciato dall’università, non si finisce qui. Per legge, è necessario un anno di pratica legale gratuita per continuare con il giuramento da parte della Corte Suprema di Giustizia in seguito.

Il mio anno di pratica legale si è concluso con successo nel campo del diritto dell’immigrazione presso all’Istituto per i Diritti Umani della mia università. Avendo prestato il giuramento ed essendo stata autorizzata come Avvocato della Repubblica di El Salvador, le domanda erano: Cosa devo fare ora? Come posso iniziare? Dove? …

Inizialmente ho inviato cv a grandi studi legali, aziende, ministeri e altri enti pubblici… Non mi hanno neppure chiamato per un colloquio di lavoro! E’ stata una grande frustrazione, ma non sapevo se ero in salita o in discesa a questo punto.

Non ho trovato un lavoro legato alla mia professione, ma piuttosto ho trovato qualcosa legato alle mie lingue. Ho iniziato a lavorare al Consolato Generale dei Paesi Bassi (Olanda). Mi sono state affidate alcune funzioni amministrative e la verità : ho amato il mio primo lavoro! Non lo dimenticherò mai! Nonostante, continuavo a cercare lavoro come Avvocato…

Sapete qual è il bello di tutto questo? Che quel lavoro che cercavo non è mai arrivato… ora rido e lo vedo così bello! In quei momenti piangevo, naturalmente!

Non trovando ancora un lavoro, decisi di tornare alle mie lingue, ma quella volta in una direzione diversa: studi della traduzione. Anni dopo, un master in Scienze Politiche.

Ed ero ancora alla ricerca di un lavoro, perciò decise di candidarmi per un lavoro presso l’Ambasciata degli Stati Uniti. Purtroppo, il concorso era già chiuso! Il mio CV, comunque, è entrato nella banca dati. Qualche giorno dopo ho ricevuto una lettera in cui mi dicevano che volevano parlarmi. Sono andata per un colloquio e ho anche fatto qualche prove. Per la mia sorpresa, non ho ottenuto un lavoro – ho ottenuto molti lavori. Sono stata selezionata per fornire servizi legali ai cittadini e diventare traduttrice ufficiale per l’Ambasciata. Il mio nome comincia ad apparire nell’elenco di professionisti sul sito web! Cominciarono a cercarmi più clienti. sia per i servizi legali che di traduzione. Sono già passati 10 anni e continuo a fornire i miei servizi.

Poco tempo dopo, però, la mia famiglia si è abbattuta da un’altra tragedia. Mia unica sorella è morta di un cancro mai scoperto per essere asintomatico. Siamo rimaste solo io e mia madre. Dovevo ricominciare da zero ancora una volta. Con i pochi clienti che avevo e grazie alle raccomandazioni di questi clienti, sempre più clienti si sono rivolti a me. Un giorno andando a piedi al supermercato ho notato che nel mio vicinato avevano aperto un piccolo studio legale a solo poche case della mia… Per curiosità, sono entrata ed è così che ho conosciuta la mia collega e ora socia chi era anche all’inizio della professione. Abbiamo parlato per un po. Continuiamo a frequentarci, ma un giorno abbiamo parlato seriamente di come unire i nostri sforzi, siamo entrambi Avvocati, lei è notaio e io non lo sono, io sono traduttrice e lei non lo è. Nacque l’idea  di aiutarci e imparare entrambi qualcosa di nuovo. Lei poteva prendere i casi in cui io non avevo esperienza  e viceversa. Lei poteva offrire il servizio notarile e io il servizio di traduzione. Sono passati alcuni anni e ancora stiamo lavorando insieme con tanto successo.

Con uno studio legale a pochi passi da casa mia posso permettermi di prendermi cura di mia madre (e i miei piccoli come chiamo io ai miei cuccioli). Cosa posso chiedere di più? Ci specializziamo in diritto dell’immigrazione, diritto civile e commerciale, diritto di famiglia, diritto del lavoro, diritto ambientale, diritto di proprietà, diritto notarile e naturalmente offriamo i servizi di traduzione!  Siamo sempre aperte e disposte a imparare di più e ad acquisire esperienza in altri settori.

Ovviamente continuo a offrire i miei servizi all’Ambasciata degli Stati Uniti come Avvocato e Traduttrice Ufficiale. In oltre, offro i miei servizi di volontariato per le Nazioni Unite sempre come traduttrice. Lavoro per le diverse agenzie di traduzione in molti paesi e sono Coordinatrice di Progetti per un’agenzia di traduzione in Israele. Tutto questo lo faccio dalla mia tastiera! Continuo la mia formazione nel campo del diritto e delle lingue. Gestisco un forum per traduttori professionisti, gestisco grandi gruppi su FB per traduttori e mi occupo di marketing e SEO anche nel campo della traduzione. Scrivo molto sui miei blog di traduzione e ne sto iniziando uno anche sul diritto salvadoregno insieme al collega. I miei giorni sono brevi con tanto da fare, ma ogni giorno è unico. Le mie due professioni mi riempiono di gioia e soddisfazione. Cosa posso lamentare? Come non posso essere felice di non aver trovato “quel” lavoro che tanto cercavo! Se non ho trovato un lavoro… Ho trovato tantissimi lavori, ho trovato la mia strada e soprattutto mi sono trovata a me stessa.

Quale vuole essere la morale di questo piccolo racconto? Che nella vita possiamo avere problemi piccoli o grandi ma che se guardiamo dentro di noi una soluzione c’è sempre e da un “insuccesso” può nascere una grande opportunità come è capitato a me. Nella mia vita professionale applico questa tesi e mi piace aiutare i miei Clienti a trovare soluzioni che magari non vedono ma che hanno già dentro di sè.

Cari colleghi, non vorrei finire senza dirvi che sono al vostro servizio per tutto ciò che ritenete utile.  Potete contattarmi tramite il Dott. Greco o via e-mail (claudiaramirez.m@gmail.com) Grazie ancora al Dottore Greco e LA LEGGE PER TUTTI per questa opportunità! Auguro a tutti voi ogni successo!

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI