Business | Articoli

Scuola: assunzione per 52 mila docenti

5 luglio 2017


Scuola: assunzione per 52 mila docenti

> Business Pubblicato il 5 luglio 2017



Il ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli illustrando le novità per l’avvio del nuovo anno scolastico ha annunciato l’assunzione di 52mila docenti.

Grazie all’intesa del 9 maggio con il Mef per l’attuazione della legge di bilancio entro il prossimo 14 agosto arriveranno circa 52mila assunzioni per nuovi docenti. Lo ha annunciato il ministro dell’istruzione Valeria Fedeli: per il prossimo anno scolastico 2017-2018 bisogna fare presto e fare bene, perché l’avvio dell’anno sia «ordinato».

52mila docenti entro metà agosto

Le assunzioni, per l’anno scolastico 2017-2018, avverranno con un mese di anticipo rispetto all’anno scorso, quando si conclusero il 15 settembre. I neo assunti andranno a coprire il turnover, ovvero i 15.100 posti di organico di fatto trasformati in posti di diritto con la legge di Bilancio per il 2017 e altri 16mila posti vacanti. Quindi prima e con il quasi il doppio degli assunti: prima della riforma della «Buona scuola» le assunzioni nell’ambito del settore scoslastico si aggiravano in media sulle 24mila unità l’anno.

A maggio era stato anticipato che quest’questa estate i 52 mila posti disponibili saranno suddivisi in tre tranche: il 60 per cento a favore di nuove assunzioni, il 30 per cento ai trasferimenti e il 10 per cento a passaggi di cattedra e di ruolo.

Mobilità solo su base volontaria

Inoltre sono state accolte 5.200 richieste di mobilità arrivate dai docenti: il riavvicinamento alle zone d’origine a partire dal prossimo anno scolastico. «Anche quest’anno – ha precisato il ministro dell’istruzione Valeria Fedeli – la mobilità ha permesso a numerosi docenti di cambiare regione e avvicinarsi al territorio di origine. Quest’anno la mobilità è stata su base volontaria e non forzata. Nessuno è stato costretto a spostarsi». I risultati della mobilità per la scuola secondaria di II grado saranno pubblicati il 21 luglio.

 

Controlli contro abusi della 104

Le assegnazioni provvisorie avverranno con «maggior rigore».  I posti di sostegno saranno consentiti solo ai docenti specializzati. E ci saranno controlli anche sull’uso dei benefici previsti dalla legge 104/92 per combattere ogni abuso, grazie alla collaborazione con il Ministero della salute, l’Inps e le Regioni. Per saperne di più sui rischi dell’uso improprio dei permessi ex Legge 104 ti invitiamo a controllare il nostro approfondimento Legge 104: quando si rischia la sospensione per uso illecito?

note

Autore immagine: Pixabay.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI