HOME Articoli

Lo sai che? Anagrafe: anche chi ha un alloggio non idoneo ha diritto all’iscrizione

Lo sai che? Pubblicato il 25 gennaio 2013

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 25 gennaio 2013

É illegittimo il rifiuto, da parte dei Comuni, di iscrivere all’anagrafe i cittadini solo perché non dispongono di un alloggio idoneo.

Molte amministrazioni molto spesso bloccano, soprattutto ai cittadini stranieri, l’iscrizione all’anagrafe fino alla verifica dei requisiti igienico-sanitari del locale, o chiedendo i documenti di abitabilità/idoneità alloggiativa.

Il Consiglio di Stato, con un parere reso al Ministero dell’Interno sulla legge sulla sicurezza [1], ha recentemente posto un freno all’operato dei  sindaci “anti-immigrati”.

I giudici, infatti, hanno sottolineato che l’iscrizione all’anagrafe o nei registri della popolazione residente costituisce un diritto e un dovere di ogni cittadino italiano e straniero regolarmente soggiornante sul territorio nazionale, al di là dell’idoneità dell’alloggio [2].

di ANDREA BORSANI

I sindaci non possono opporsi alla concessione della residenza, all’interno del Comune, solo perché l’alloggio del richiedente non è idoneo: pertanto può iscriversi all’anagrafe anche colui che si trovi a vivere in un garage, in soffitta o in un sottoscala.

note

[1] Legge n. 24/2009.

[2] Circ. 14 gennaio 2013 n.1/13 del Ministero dell’Interno.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI