Diritto e Fisco | Articoli

Risarcimenti per ritardi e disservizi della telefonia

1 Febbraio 2013
Risarcimenti per ritardi e disservizi della telefonia

L’Autorità Garante ha fissato gli indennizzi minimi previsti per ritardi e disservizi da parte delle Compagnie telefoniche. Vediamoli nel dettaglio.

Ritardata attivazione del servizio / Ritardato trasloco

(Indennizzo automatico. Per le utenze “affari” gli importi sono raddoppiati)

– 7,50 euro al giorno di ritardo e di non rispetto degli oneri informativi

– 1,50 euro per ritardo nelle procedure di cambio operatore

– Per ogni giorno di ritardo su servizi accessori, l’importo maggiore tra ½ del canone o 1 euro fino a massimo 100,00 euro

– Per servizi gratuiti: 1,00 euro fino a massimo 100,00 euro

Sospensione o cessazione del servizio

(Indennizzo automatico. Per le utenze “affari” gli importi sono raddoppiati)

– 7,50 euro al giorno di interruzione

– Per ogni giorno di ritardo su servizi accessori, l’importo maggiore tra ½ del canone o 1 euro fino a massimo 300,00 euro

– Per servizi gratuiti: 1,00 euro fino a massimo 100,00 euro

Malfunzionamento del servizio

(Per le utenze “affari” gli importi sono raddoppiati)

– 5,00 euro al giorno di interruzione del servizio

– 2,50 euro al giorno di servizio irregolare, discontinuo o di scarsa qualità

– Su servizi accessori, l’importo maggiore tra ½ del canone o 1 euro fino a massimo 300,00 euro

– Per servizi gratuiti: 1,00 euro fino a massimo 100,00 euro

Omessa o ritardata portabilità del numero

(Per le utenze “affari” gli importi sono raddoppiati)

– 5,00 euro al giorno di ritardo per la rete fissa

– 2,50 euro al giorno di ritardo per utenze mobili

Attivazione o disattivazione non richiesta di CS o CPS

(Carrier Pre-selection o preselezione dell’operatore)

– 2,50 euro al giorno più storno degli addebiti dell’operatore responsabile e rimborso oneri aggiuntivi

 

Attivazione di servizi o profili tariffari non richiesti

– 5,00 euro al giorno per servizi

– 1,00 euro al giorno per servizi accessori o profili tariffari

Perdita della numerazione per causa imputabile all’operatore

(Per le utenze “affari” gli importi sono quadruplicati)

– 100,00 euro/anno precedente utilizzo

– Del numero fino a massimo 1.000,00 euro

Omessa/errata indicazione negli elenchi telefonici o non aggiornamento

(Per le utenze “affari” gli importi sono quadruplicati)

– 200,00 euro/anno di disservizio

Mancata o ritardata risposta ai reclami

– 1,00 euro al giorno di ritardo fino a massimo 300,00 euro.

N.B.: Per i disagi più gravi, come il ritardo nell’attivazione del servizio rispetto al termine previsto nel contratto, la sospensione o cessazione amministrativa del servizio senza preavviso, l’indennizzo è automatico: dovrà essere accreditato direttamente in bolletta a seguito della sola segnalazione del disservizio da parte dell’utente.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube