Diritto e Fisco | Articoli

Come citare le fonti delle immagini e scaricarle gratis

8 agosto 2018


Come citare le fonti delle immagini e scaricarle gratis

> Diritto e Fisco Pubblicato il 8 agosto 2018



Scaricare le foto da internet senza citare l’autore è violazione del copyright. Anche citando tuttavia l’autore è necessario pagare l’equo compenso. Ecco i siti dove scaricare gratis le immagini.

La scrittura è una delle tue passioni. Ti capita spesso di realizzare articoli, editoriali, riflessioni e testi di varia natura, frutto della tua creatività e ingegno. Di volta in volta li pubblichi su internet: hai un sito dove gli utenti si collegano gratuitamente e leggono le tue creazioni letterarie. Per rendere graficamente più allettanti i testi e stimolare condivisioni e viralità sui social network, li corredi con una immagine sul frontespizio. Poiché però non sei un fotografo, sei solito scaricare i file da Google Immagini. «Se le fotografie sono pubbliche – ritieni – le posso utilizzare». Come? Non dirmi che non sai che prelevare immagini da internet è vietato anche quando sono liberamente accessibili! È proprio così e la conferma viene da una recente sentenza della Corte di Giustizia Europea [1]. La Corte ha fornito un vademecum su come l’utente del web deve comportarsi quando si trova a utilizzare delle foto altrui. Alla luce di tale pronuncia, in questo articolo ti spiegherò cosa è lecito fare, come citare le fonti delle immagini e, soprattutto, da quali siti scaricare immagini gratis senza violare il diritto d’autore.

Si possono scaricare le immagini da internet?

Il fatto che una persona o un sito abbia pubblicato un’immagine non significa che questa sia utilizzabile da tutti. Anche laddove non dovesse essere presente il nome dell’autore dello scatto o la dicitura “riproduzione riservata”, si tratta comunque di un’opera tutelata dal diritto d’autore. Quindi, in tali casi, devi sempre chiedere il permesso sia al titolare del sito che al creatore dell’opera. Il quale potrebbe giustamente chiederti un indennizzo.

Non tutte le foto però sono tutelate dal diritto d’autore; alcune di esse infatti possono essere prelevate senza bisogno di consenso. Sono le immagini prive di valore creativo, sia pur minimo. Gli scatti a cui l’autore non ha impresso alcuna personalizzazione, le semplici riproduzioni meccaniche di un oggetto, non sono protette dal copyright. Così, ad esempio, se fotografi una strada o un palazzo e non usi filtri o non scegli una particolare angolatura, non potrai rivendicare un’esclusiva sulla pubblicazione della stessa. Tanto per essere più chiari, lo scatto fatto senza alcun tocco artistico può essere utilizzato da chiunque. Tutte le altre invece sono considerate “opere fotografiche” protette dalla legge a prescindere da una esplicita indicazione del creatore a margine della foto stessa; pertanto sono soggette alle restrizioni del diritto d’autore.

Come riconoscere le opere fotografiche protette

Come anticipato una fotografia può essere protetta dal diritto d’autore a condizione che essa costituisca una creazione intellettuale dell’autore, che ne rifletta la personalità e si manifesti attraverso le scelte libere e creative di quest’ultimo nella realizzazione di tale fotografia. Ma come riconoscere se un’immagine rientra nel concetto di “opera fotografica”?

Oggi si usano spesso i filtri e il fotoritocco. In questi casi sei senza dubbio davanti a un’opera fotografica, anche se si tratta di un effetto che chiunque altro potrebbe utilizzare (ad esempio quelli che trovi di default sugli smartphone).

Il problema si pone per tutte quelle foto che si collocano nella “zona grigia”, realizzate cioè senza filtri. A riguardo anche la scelta di un’angolatura potrebbe dare alla foto la personalizzazione sufficiente a considerarla protetta dal copyright. Pensa ad esempio a uno scatto realizzato a un fiore, da una particolare prospettiva o vicinanza, o alla panoramica di una città fatta da un affaccio.

Se prendi invece il cellulare e scatti una foto al primo paesaggio che ti viene davanti, senza pensarci due volte e facendolo senza particolari accorgimenti, è molto probabile che la tua non sia un’opera fotografica e, pertanto, non ne potrai rivendicare alcuna protezione.

Secondo la Corte di Giustizia Europea, la messa in rete su un sito internet di una fotografia, liberamente accessibile su un altro sito internet con l’autorizzazione dell’autore, necessita di una nuova autorizzazione da parte di tale autore. Infatti, con siffatta messa in rete, la fotografia viene messa a disposizione di un pubblico nuovo.

Come citare le fonti delle immagini

Vediamo ora come mettersi in regola se vuoi usare la foto di un altro sito.

Nel caso in cui ci si trovi dinanzi a una semplice “riproduzione meccanica” e non a un’opera fotografica è sufficiente citare la fonte ossia il sito da cui è stata prelevata l’immagine e, se indicato, anche l’autore. Una formula corretta potrebbe essere la seguente:

Immagine tratta da www.laleggepertutti.it; Autore dell’immagine Mario Rossi (se indicato).

Le cose si complicano invece se sei davanti a un’opera fotografica. In tale ipotesi dovrai innanzitutto chiedere l’autorizzazione al sito su cui hai trovato l’opera. Questa però non basta. È anche necessario il consenso dell’autore. Facciamo un esempio. Spesso, i portali internet utilizzano immagini acquistate da banche dati a pagamento. Ebbene, chi vuol utilizzarle non può limitarsi a chiedere il consenso a chi l’ha impiegata ma alla stessa società creatrice della raccolta la quale potrà imporre di citare anche il fotografo che ha materialmente realizzato l’opera.

Ti potrà essere chiesto un pagamento per l’utilizzo così come potrai ottenere una licenza gratuita. È necessario che la cessione del diritto d’autore sia per iscritto.

Una volta ottenuta l’autorizzazione ed eventualmente pagato l’indennizzo al titolare del diritto d’autore, potrai citare l’immagine come nel precedente modo:

Immagine tratta da www.laleggepertutti.it; Autore dell’immagine Mario Rossi (se indicato).

Siti da cui prelevare immagini gratis

Le immagini che scarichi da Google sono quasi sempre tutelate dai diritti d’autore. Ti sconsiglio quindi di utilizzarle.

Esistono però diversi siti da cui puoi prelevare immagini gratuitamente senza porti il problema dell’esistenza di diritti d’autore. Ecco i più comuni:

  • pixabay.com
  • unsplash.com
  • flickr.com
  • splitshire.com
  • isorepublic.com
  • gratisography.com
  • it.depositphotos.com

note

[1] Corte Giustizia UE Causa C-161/17.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI