Diritto e Fisco | Articoli

Quale pensione con 20 anni di contributi

11 agosto 2018 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 11 agosto 2018



A quali trattamenti ha diritto chi possiede 20 anni di contributi: pensione di vecchiaia, pensione anticipata contributiva, Ape.

Pensi che occorrano almeno 43 anni di contributi per ottenere la pensione? Questo è vero soltanto per quanto riguarda la pensione anticipata ordinaria, che si ottiene con 42 anni e 10 mesi di versamenti, per gli uomini, e con 41 anni e 10 mesi di versamenti per le donne (i requisiti aumenteranno di 5 mesi nel 2019, portando le soglie di accesso, rispettivamente, a 43 anni e 3 mesi ed a 42 anni e 3 mesi). Ci sono diversi casi, però, nei quali è possibile pensionarsi con 20 anni di contributi: partiamo dall’ordinaria pensione di vecchiaia, per la quale sono necessari, appunto, 20 anni di contribuzione, per arrivare alla pensione anticipata contributiva, a 63 anni e 7 mesi, passando per due ulteriori forme di pensionamento agevolato, l’Ape volontario e la pensione di vecchiaia anticipata. Per non parlare, poi, dei casi in cui è possibile pensionarsi con soli 15 anni di versamenti, e addirittura con soli 5 anni di contribuzione. Ma procediamo per ordine e vediamo, nel dettaglio, quale pensione con 20 anni di contributi è possibile ottenere.

Pensione di vecchiaia con 20 anni di contributi

Con 20 anni di contributi è possibile ottenere, in primo luogo, la pensione di vecchiaia: questa tipologia di pensione, nel dettaglio, fino al 31 dicembre 2018 si può raggiungere con 66 anni e 7 mesi di età e con almeno 20 anni di versamenti, contributi figurativi (maternità, servizio militare, disoccupazioni, casse integrazioni e malattia), volontari e da riscatto compresi. La pensione di vecchiaia si può raggiungere anche attraverso il cumulo dei contributi, cioè sommando la contribuzione presente in gestioni previdenziali differenti.

Dal 1° gennaio 2019 l’età pensionabile sale di 5 mesi, e risulta dunque pari a 67 anni; resta invece invariato il requisito pari a 20 anni di contributi previdenziali, non soggetto all’applicazione dell’adeguamento all’aspettativa di vita. Successivamente, il requisito di età dovrebbe aumentare di 3 mesi ogni biennio.

L’età per la pensione di vecchiaia resterà ferma al requisito di 66 anni e 7 mesi di età solo per gli addetti ai lavori gravosi, ma in questo caso saranno necessari almeno 30 anni di contributi.

Per coloro che non hanno versamenti di contributi prima del 1996, per la pensione di vecchiaia è richiesto, oltre al requisito di età ed al requisito di 20 anni di contributi, anche il superamento di una determinata soglia da parte dell’assegno di pensione: la pensione, nello specifico, deve risultare superiore a 1,5 volte l’assegno sociale, cioè a 679,50 euro (valore per l’anno 2018). Chi non possiede contributi al 31 dicembre 1995 può comunque ottenere la pensione di vecchiaia con soli 5 anni di contributi, al compimento di 70 anni e 7 mesi di età (71 dal 2019). Per approfondire: Pensione di vecchiaia contributiva.

Pensione di vecchiaia anticipata con 20 anni di contributi

Per i lavoratori dipendenti del settore privato, in possesso d’invalidità pensionabile almeno pari all’80%, è possibile ottenere la pensione di vecchiaia, con 20 anni di contributi:

  • a 55 anni e 7 mesi di età, più l’attesa di 12 mesi di finestra, se donne;
  • a 60 anni e 7 mesi di età, più 12 mesi di finestra, se uomini.

Il requisito di età sarà pari, nel 2019, rispettivamente a 56 anni e 61 anni.

Ricordiamo che, per chi rientra in una delle tre deroghe Amato, è possibile ottenere sia la pensione di vecchiaia, che la pensione di vecchiaia anticipata, con soli 15 anni di versamenti. Per approfondire: Pensione con 15 anni di contributi.

Pensione anticipata con 20 anni di contributi

Con 20 anni di contribuzione è anche possibile ottenere la pensione anticipata a 63 anni e 7 mesi di età, per chi non ha contributi versati prima del 1996: in questo caso, però, il trattamento deve risultare almeno pari a 2,8 volte l’assegno sociale, cioè almeno pari a 1.268,40 euro (valore per l’anno 2018). Dal 2019 il requisito di età per la pensione anticipata contributiva cambia e sale a 64 anni.

Anticipo pensionistico con 20 anni di contributi

Sono necessari 20 anni di contributi per accedere all’anticipo pensionistico volontario, o Ape volontario: si tratta di una prestazione, da non confondere con la pensione anticipata, che accompagna il lavoratore dai 63 anni di età (o dal momento in cui domanda il trattamento) sino all’età in cui può ottenere la pensione di vecchiaia.

In pratica, con l’Ape il lavoratore può ricevere un assegno, a partire dai 63 anni di età, se possiede almeno 20 anni di contributi, sino alla data di maturazione della pensione di vecchiaia, con un anticipo massimo possibile pari a 3 anni e 7 mesi.

Considerando che l’età per la pensione di vecchiaia, attualmente, è pari a 66 anni e 7 mesi, l’anticipo può essere richiesto con un minimo di 63 anni di età; per coloro che matureranno i requisiti per la pensione di vecchiaia dal 2019, però, il requisito slitta a 63 anni e 5 mesi di età, dato che dal 2019 l’età pensionabile sarà elevata a 67 anni. In caso di futuri adeguamenti alla speranza di vita nel 2021, il decreto sull’Ape volontario prevede la concessione dell’Ape supplementare, ossia un allungamento del periodo di percezione dell’anticipo.

L’Ape volontario è ottenuto grazie a un prestito bancario, che deve essere restituito in 20 anni, una volta perfezionati i requisiti per la pensione: la restituzione del finanziamento comporta delle penalizzazioni non indifferenti.

L’Ape volontario è esentasse, e l’importo massimo dell’assegno non può superare, rispettivamente:

  • il 75% dell’importo mensile del trattamento pensionistico, se la durata di erogazione dell’Ape è superiore a 36 mesi;
  • l’80% dell’importo mensile del trattamento pensionistico, se la durata di erogazione dell’Ape è superiore a 24 e pari o inferiore a 36 mesi;
  • l’85% dell’importo mensile del trattamento pensionistico, se la durata di erogazione dell’Ape è compresa tra 12 e 24 mesi;
  • il 90% dell’importo mensile del trattamento pensionistico, se la durata di erogazione dell’APE è inferiore a 12 mesi.

L’anticipo minimo da richiedere deve essere comunque pari a 6 mesi e la futura pensione, al netto della ritenuta Ape, non deve essere inferiore a 1,4 volte il trattamento minimo (circa 710 euro); inoltre il rateo dell’anticipo sulla pensione, da solo o assieme ad altri debiti pregressi, non può superare il 30% della prestazione stessa.

L’Ape è precluso per chi versa in particolari situazioni di difficoltà economica (si veda: Niente Ape per chi ha debiti) e per chi, soggetto al calcolo interamente contributivo della pensione, ha diritto a una futura pensione inferiore a 1,5 volte l’assegno sociale, cioè a circa 680 euro.

Quale pensione con meno di 20 anni di contributi?

In alcuni casi è possibile ottenere la pensione, come abbiamo accennato, con meno di 20 anni di contributi. In particolare, ci si può pensionare:

  • con 15 anni di contributi, grazie alle deroghe Amato;
  • con 5 anni di contributi, con la pensione di vecchiaia contributiva;
  • con 5 anni di contributi, se si ha diritto alla pensione d’inabilità o all’assegno d’invalidità.

Per approfondire: Pensione con pochi anni di contributi.

Alcune casse professionali e fondi di previdenza complementari o integrativi prevedono, in determinati casi, la possibilità di raggiungere la pensione con meno di 20 anni di contributi: ad esempio, la pensione di vecchiaia contributiva degli avvocati può essere raggiunta con un minimo di 5 anni di versamenti.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

22 Commenti

  1. Buongiorno io lavoro dal 1986 ed ho 47 anni malata di linfoma nn hocing, tre interventi schiena,x ernie più protesi disco, e intervento ginocchio ecc,ho dovuto chiudere mia attività x spese e x la mia salute,x avere un sussidio oppure una pensione come posso fare visto che ho sempre versato contributi? Grazie aspetto notizie.

      1. Prendo la pensione sociale ho 66anni compiuti a maggio del2018 ho 23 anni di contributi quando poššo fare domanda per quella contributiva

  2. Sono invalida civile 100/100 con la 104 e accompagna mento . Mio marito micura da30 anni e ne ha 62 .adesso sta facendo i 2 anni di congedo xaiutarmi ma iocredo che ho bisogno di lui più di prima , non riesco a fare più niente x me Volevo sapere se a fine congedo potrebbe avere la pensione anticipata ( ha + di 30 anni di contributi) Grazie

    1. Salve, per quello ci vuole una consulenza particolare, bisogna valutare l’estratto conto contributivo. Ma potrebbe ottenere la pensione anticipata contributiva a 63 anni e 7 mesi solo se non ha contributi prima del 1996, o se chiede il computo nella gestione Separata (col ricalcolo contributivo dell’intera pensione, che è penalizzante); in ogni caso bisogna valutare la situazione.

      1. Dimenticavo, potrebbe anche ottenere l’Ape volontario, che può essere richiesto sino al 31 dicembre 2019

  3. In fatto di pensione nn capisco quasi niente ho 29 anni di contributi e percepisco la minima mi sono rivolta a diversi patronati senza concludere nulla.
    Ora vedo la cifra di 680,00€ .x chi?

    1. Salve, 680 è pari a 1,5 volte l’assegno sociale, è la soglia minima per andare in pensione per chi non possiede contributi prima del 1996. Una vera ingiustizia: in pratica, chi ha diritto al calcolo interamente contributivo della pensione non può andare in pensione di vecchiaia a 66 anni e 7 mesi se la sua pensione non è almeno pari a 680 euro.

  4. Ho 63 anni compiuti 12.3. Mi mancano 2 mesi ai 20 anni di contributi. Ho 15 anni al 31.1290 quando andrò in pensione? Ho iniziato
    a lavorare 1971 a 16 anni
    .marito invalido con 104. Superiore al 75%. Chiedo Vs.consiglio.grazie

  5. Buongiorno volevo un informazione non ho ancora 20 anni di contributi ma manca ancora qualche anno ma ho un patologia e abbastanza grave scompenso cardiaco con infarto e poi subito dopo ho avuto 3 arresti cardiaci+ tiroidismo lavoro nel settore ristorazione sono un addetta mensa il mio datore di lavoro mi dice che loro non sanno cosa farmi fare , quindi io lavoro vicino una fonte di calore per me e un suicidio.ce possibilità di una pensione quando raggiungi i 20 anni per una pensione oggi ho il 67 per cento di invalidità . grazie

    1. Se appartiene a una delle gestioni Inps che prevedono la deroga Amato, a 67 anni, perchè non riesce a raggiungere 66 anni e 7 mesi entro il 2018

    1. Ad oggi gli uomini vanno in pensione anticipata con 42 anni e 10 mesi di contributi, dal 2019 con 43 anni e 3 mesi. In futuro il requisito dovrebbe aumentare di 3 mesi ogni biennio, salvo che non entri in vigore la quota 100 (somma di età e contributi uguale a 100, probabilmente con età minima 64 anni e minimo 36 anni di contributi) e/o la quota 42 (in pensione con 42 anni di contributi per tutti.

  6. Buon giorno. Vi ringrazio per le informazioni scritte, sono molto utili.
    Io ho 58 anni a novembre di questo anno. Ed ho maturato 32 anni di contributi compreso il servizio militare. Volevo sapere con le leggi attuali. A che eta potrei andare in pensione?
    Tenendo conto che sto lavorando attualmente grazie.

  7. Salve,ho 24 anni circa di contributi versati dal 1982,ho 51 anni compiuti, vorrei sapere ulteriori info, quando potrò riscuotere la mia pensione

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI