Politica | Articoli

Ustica: fu un missile e non un’esplosione. Stato italiano responsabile

30 Gennaio 2013 | Autore:
Ustica: fu un missile e non un’esplosione. Stato italiano responsabile

Dopo più di trent’anni la Corte di Cassazione fa luce sulla strage di Ustica: dichiara lo Stato responsabile della tragedia e lo condanna a risarcire gli eredi delle vittime.

I giudici della Suprema Corte hanno deciso definitivamente il processo civile sulla strage di Ustica: il famoso disastro aereo è avvenuto a causa di un missile militare abbattutosi sull’aereo Itavia e non di un’esplosione interna di quest’ultimo, come aveva sostenuto all’epoca l’Aereonautica Militare.

Così la Cassazione ha condannato i Ministeri della Difesa e dei Trasporti per non aver garantito la sicurezza dei collegamenti aerei, a prescindere dal fatto che essi fossero o meno a conoscenza del pericolo di scontro.

Secondo i giudici, se lo Stato italiano avesse rispettato le norme di cautela – che gli impongono la messa in sicurezza dei voli, con sufficienti controlli dei radar civili e militari – l’abbattimento dell’aereo nei cieli siciliani sarebbe stato evitato. La negligenza delle amministrazioni statali ha invece contribuito al verificarsi dell’evento e, di conseguenza, i familiari degli 81 passeggeri che persero la vita nella tragedia del 1980 hanno ottenuto il risarcimento del danno da parte dei Ministeri responsabili.

A noi rimane un triste commento di coda: in Italia le verità vengono a galla quando già tutti le conoscono.


note

[1] Cass. sent. n. 1871/2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube