Business | Articoli

Fibra ottica: a che punto siamo in Italia?

17 luglio 2017


Fibra ottica: a che punto siamo in Italia?

> Business Pubblicato il 17 luglio 2017



Il Piano Strategico per la banda ultralarga in Italia termina il 2020. Come procedono i lavori di ampliamento?

La velocità della connessione internet resta un tasto dolente per il nostro Paese, e la scarsa copertura della fibra ottica ne è uno dei motivi principali. Due anni fa il Governo italiano ha approvato il Piano Strategico per la banda ultralarga, con lo scopo di raggiungere gli obiettivi dettati dall’Agenda Europea 2020 in tema di miglioramento ed estensione delle infrastrutture di connettività veloce in fibra ottica. I dati, che riportano la situazione di fine settembre 2016, ci dicono che i più  grandi mercati di fibra ottica europea sono quello russo, con 17 milioni di abbonati, quello spagnolo, con 4,5 milioni e quello francese con 3,2 milioni. Per quanto riguarda la percentuale di popolazione che ha accesso alla fibra, invece, la posizione di testa va alla Lettonia, con il 45,2%, seguita a poca distanza dalla Svezia al 40,7% e dalla Lituania al 40,3%.

 

Piano Strategico banda ultralarga in Italia

Lo scopo del Piano Strategico è riuscire a coprire entro il 2020 l’85% della popolazione con servizi Internet pari o superiori a 100 Mbps, e di offrire al 100% della cittadinanza un accesso alla rete di almeno 30 Mbps. Secondo i dati aggiornati del ministero dello Sviluppo economico, dal 2015 al 2018 la popolazione raggiunta da internet fino a 30 Mbps salirà dal 26,4% al 71,5% (oggi si attesta 35,4%). La Fibra Ottica a 100 Mbps salirà dal 10,1% al 23,1% (nel 2017 è all’11%). Le più grandi società del settore hanno moltiplicato gli investimenti e avviato progetti per ampliare l’infrastruttura in Fibra e raggiungere anche le aree più remote del Paese. La rete Vodafone, ad esempio, tocca oltre 300 città con una velocità di connessione fino a 50 o 100 Mega. Tim copre oltre 700 Comuni (e a Milano e Torino si può già navigare fino a 300 Mega). Tiscali raggiunge con la fibra ottica 162 comuni e copre la Sardegna, Fastweb è diffuso in 87 centri e punta ad estendere la rete ad almeno 500 città entro il 2020.

Nuova mappa copertura fibra ottica

Infratel ha pubblicato l’esito della consultazione sulle aree con o senza fibra ottica per il triennio che si concluderà nel 2020. Inoltre ha pubblicato un database in cui si possono leggere i nomi delle città che verranno coperte con fibra ottica (Fttc o Ftth), complete dei singoli indirizzi che riceveranno la tanto attesa connessione a banda ultra-larga. Nel documento si legge che l’incremento di copertura maggiore sarà fra il 2017 e il 2018, mentre la situazione si stabilizzerà fino al 2020. Il biennio 2019 e 2020 sarà quello in cui si punterà maggiormente all’espansione delle reti Over100, parzialmente ai danni delle connessioni Over30 già consolidate.

Rispetto alle precedenti consultazioni (2015 e il 2016) Infratel registra una «sostanziale assenza di crescita» nelle intenzioni di investimento a 100 Mbps e un calo nelle intenzioni di investimento a 30 Mbps. Ancora una volta, per quanto riguarda l’Europa, siamo appena sopra gli ultimi posti, con alle spalle solo Croazia, Grecia e Cipro. Rispetto ai dati della Corea del Sud, in cui si naviga a 26,3 Mega al secondo di media e circa l’80% di popolazione raggiunta dalla fibra ottica, viviamo praticamente in un altro pianeta. Speriamo in una svolta per il nuovo triennio.

note

Autore immagine: Pixabay.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Il problema di questo piano strategico è che vogliono offrire una connessione 30mbit, per carità, penso che chiunque, come me, essendo raggiunto da malapena 7 mbit accetterebbe senza indugi una 30, ma a quanto ho visto i comuni non investono in fibra ottica, ma in banda ultra larga wireless, la quale non è così stabile.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI