Business | Articoli

Bonus assunzioni alternanza «scuola-lavoro» al via

12 luglio 2017


Bonus assunzioni alternanza «scuola-lavoro» al via

> Business Pubblicato il 12 luglio 2017



Agevolazioni per le aziende che assumono a tempo indeterminato gli studenti al termine del progetto di alternanza scuola-lavoro. Dettagli, procedure, scadenze.

Parte l’ 11 luglio il procedimento per richiedere le agevolazioni contributive per le assunzioni collegate a percorsi di alternanza «scuola-lavoro». L’ Inps con una delle sue ultime circolari [1] illustra nel dettaglio le procedure di richiesta e fruizione dell’esonero contributivo triennale spettante ai datori di lavoro privati che assumono, entro il 31 dicembre 2018 [2], giovani che hanno svolto presso la medesima azienda percorsi di alternanza scuola-lavoro (leggi anche Alternanza scuola lavoro: bonus per le imprese nel 2017).

Comunicazione Inps

L’Inps torna ad occuparsi dell’esonero contributivo triennale spettante ai datori di lavoro che assumono, entro sei mesi dall’acquisizione del titolo di studio, studenti che hanno svolto presso il medesimo datore di lavoro attività di alternanza scuola-lavoro per almeno il 30 % de:

  • le ore di alternanza previste dalla legge;
  • il monte ore previsto per le attività di alternanza all’interno dei percorsi Iefp;
  • il monte ore previsto per le attività di alternanza realizzata nell’ambito dei percorsi Its;
  • il monte ore previsto dai rispettivi ordinamenti per le attività di alternanza nei percorsi

Gli incentivi consistono nell’esonero per le aziende del pagamento dei contributi previdenziali, dello studente assunto a tempo indeterminato, per un periodo pari o inferiore ai 36 mesi del contratto lavorativo.

Sono premiate anche le assunzioni a tempo indeterminato, sempre entro 6 mesi dall’acquisizione del titolo di studio, di studenti che hanno svolto, presso la medesima azienda, periodi di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore, il certificato di specializzazione tecnica superiore o periodi di apprendistato in alta formazione.

In cosa consiste il beneficio?

L’incentivo è pari al totale dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro, con esclusione dei premi e contributi dovuti all’Inail, nel limite massimo di 3.250 euro annui. La durata del beneficio è pari a 36 mesi a partire dalla data di assunzione o trasformazione del rapporto.

Chi può usufruire del bonus assunzioni?

Il bonus assunzioni riguarda tutti i datori di lavoro del settore privato a prescindere dalla loro natura imprenditoriale: sono esclusi dall’incentivo i contratti di lavoro domestico, quelli relativi agli operai del settore agricolo nonché i rapporti di lavoro intermittente. Inoltre per disporre delle agevolazioni il datore di lavoro deve essere in regola con contributi e rispettare leggi e contratti.

Come presentare richiesta per il bonus assunzioni?

Per presentare la domanda il datore di lavoro dovrà compilare il modulo online «308-2016» disponibile, a partire dall’11 luglio 2017, all’interno della piattaforma DiResCo – Dichiarazioni di Responsabilità del Contribuente. Il beneficio è riconosciuto nel limite massimo della spesa destinata dalla Legge di Bilancio 2017. Una volta esaurite le risorse disponibili, l’Inps non prende più in esame domande.

note

[1] Circ. n. 109 del 10.07.2017.

[2] L. n. 232 del 11.12.2016 art. 1, commi 308 e seguenti.

Autore immagine: Pixabay.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI