Diritto e Fisco | Articoli

Infortunio sul lavoro e indennità: come e quando ottenerla

21 settembre 2018


Infortunio sul lavoro e indennità: come e quando ottenerla

> Diritto e Fisco Pubblicato il 21 settembre 2018



Ho 44 anni e lavoro da più di 20 anni ma vengo spesso spostato di sede con liquidazione e assunzione successiva, sempre con contratto a tempo indeterminato. Nella sede in cui lavoro dal 2012 non ho mai fatto assenze, ma lo scorso gennaio mi sono operato al piede e ho preso 30 giorni di malattia. Tornato presto dalla riabilitazione, un mese fa mi si è rotto il tendine. Avrei bisogno di almeno altri 4 mesi dall’ intervento. Quanti giorni di malattia ho ancora? Posso chiedere eventualmente aspettativa per malattia? Sono tenuti a darmela, se non ho i giorni di malattia?

Per rispondere al quesito posto occorre innanzitutto osservare cosa prevede il CCNL Terziario “Commercio-Confcommercio” (probabilmente applicato al lettore) in tema di infortunio del lavoratore.

Le aziende sono tenute ad assicurare presso l’INAIL contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali il personale dipendente soggetto all’obbligo assicurativo secondo le vigenti norme legislative e regolamentari.

Il lavoratore deve dare immediata notizia di qualsiasi infortunio, anche di lieve entità, al proprio datore di lavoro; quando il lavoratore abbia trascurato di ottemperare all’obbligo predetto e il datore di lavoro, non essendo venuto altrimenti a conoscenza dell’infortunio, non abbia potuto inoltrare la prescritta denuncia all’INAIL, il datore di lavoro resta esonerato da ogni e qualsiasi responsabilità derivante dal ritardo stesso.

A decorrere dal primo giorno successivo a quello dell’infortunio, verrà corrisposta dal datore di lavoro al lavoratore non apprendista, assente per inabilità temporanea assoluta derivante da infortunio sul lavoro, una integrazione dell’indennità corrisposta dall’INAIL fino a raggiungere complessivamente le seguenti misure:

– 60% (sessanta per cento) per i primi tre giorni (periodo di carenza);

– 90% (novanta per cento), per i giorni dal 5° al 20°;

– 100% (cento per cento) per i giorni dal 21° in poi della retribuzione giornaliera netta cui il lavoratore avrebbe avuto diritto in caso di normale svolgimento del rapporto.

Il datore di lavoro ha l’obbligo di anticipare l’indennità erogata dall’INAIL e di integrarla fino al raggiungimento del 100% della retribuzione.

Da notare che l’indennità a carico del datore di lavoro non è dovuta se l’INAIL non corrisponde per qualsiasi motivo l’indennità prevista dalla legge.

Non esistono limiti alla durata dell’indennità erogata dall’INAIL. L’istituto assicura l’indennità fino alla stabilizzazione delle condizioni di salute del lavoratore. Sul punto, però, è importante prestare attenzione alla limitazione del diritto alla conservazione del posto di lavoro stabilita dal CCNL e chiamata “periodo di comporto”: nel contratto del Commercio è di 180 giorni in un anno solare.

Dunque fino a 180 giorni è tutelato dal periodo di comporto, terminato tale periodo può chiede al datore di lavoro del lettore “l’aspettativa non retribuita”, che ha una durata di 120 giorni. L’aspettativa spetta fino alla cessazione della corresponsione dell’indennità di inabilità temporanea da parte dell’INAIL, a condizione che siano esibiti regolari certificati medici ed idonea documentazione comprovante il permanere dello stato di inabilità temporanea assoluta.

I lavoratori che intendano beneficiare del periodo di aspettativa di cui ai precedenti commi dovranno presentare richiesta a mezzo raccomandata A/R prima della scadenza del 180° giorno di assenza per infortunio e firmare espressa accettazione della suddetta condizione.

Il datore di lavoro darà riscontro alla richiesta, che potrebbe rifiutare dimostrando l’esistenza di seri motivi che ne impediscano la concessione.

Al termine del periodo di aspettativa è possibile fruire delle ferie residue maturate. Se perdura l’infortunio, il datore di lavoro potrà procedere alla risoluzione del rapporto.

Articolo tratto dalla consulenza resa daldott. Daniele Bonaddio


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI