Diritto e Fisco | Articoli

Italiani residenti all’estero: tempi e documenti per rilascio passaporto

22 Set 2018


Italiani residenti all’estero: tempi e documenti per rilascio passaporto

> Diritto e Fisco Pubblicato il 22 Set 2018



Sono italiano, risiedo all’estero da 26 anni e tempo fa nel rinnovare il passaporto presso il Consolato, mi era stato detto che alla Corte d’Appello della mia città in Italia sussisteva un blocco che poi però dopo un paio di mesi era stato levato. La medesima situazione si è verificata anche qualche giorno fa alla richiesta di un nuovo passaporto. Da cosa dipende questo blocco che poi dopo un paio di mesi danno l’ok?

Le norme regolamentari prevedono che il rilascio/rinnovo del passaporto per i cittadini italiani residenti all’estero, sia di competenza dell’Ufficio Passaporti della Circoscrizione Consolare in cui il cittadino italiano è residente.

Pertanto il cittadino italiano residente all’estero deve presentarsi all’Ufficio Passaporti della Circoscrizione Consolare estera in cui è residente, provvisto della seguente documentazione:

– formulario di richiesta del passaporto sottoscritto dall’interessato;

– precedente passaporto (o se primo rilascio carta identità italiana);

– due fotografie recenti (a colori, con sfondo bianco e vista frontale, senza ombre né riflessi e senza montature troppo vistose;

– il permesso di soggiorno;

– atto di assenso dell’altro genitore se figli minori;

– denaro contante sufficiente per pagare libretto e imposta di bollo.

Per quanto riguarda la tempistica del rilascio del passaporto:

– se il cittadino italiano risiede nella circoscrizione consolare alla quale richiede il rilascio/rinnovo del passaporto, ha ottenuto dallo stesso consolato il passaporto precedente ed ha una posizione Aie regolare, può ottenere immediatamente il rilascio/rinnovo del proprio passaporto;

– se invece il cittadino iscritto Aire, ha ottenuto il passaporto precedente da altra autorità (Questura o altro Consolato), allora occorrerà attendere il “Nulla-Osta” da parte dell’ufficio che ha rilasciato o rinnovato il passaporto;

– se il cittadino iscritto Aire richiede il rilascio/rinnovo del passaporto ad altra autorità diversa da quella consolare nella cui circoscrizione risiede, dovrà attendere il “Nulla-Osta” del consolato nella cui circoscrizione è residente.

A parte sono state fatte indagini su possibili atti emessi dalla Corte d’Appello di Bologna, di contenuto tale da poter incidere sulla procedura sopra illustrata ma, almeno formalmente, non è apparso alcun incidente o evento che potesse essere preso in considerazione in tal senso.

Pertanto, allo stato attuale, gli unici elementi che potrebbero ritardare il rinnovo/rilascio del passaporto sono quelli indicati.

 

Articolo tratto dalla consulenza resa dal dott. Mauro Finiguerra


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI