Diritto e Fisco | Articoli

Anziani: chi deve pagare la retta della residenza sanitaria

31 Gennaio 2013
Anziani: chi deve pagare la retta della residenza sanitaria

La persona anziana e non autosufficiente che ha necessità di ricovero presso una R.S.A. (residenza sanitaria assistenziale) ha il diritto di non gravare economicamente sui propri familiari.

 

É capitato che, al momento in cui una persona anziana e non più autosufficiente ha avuto la necessità di ricoverarsi presso una R.S.A., per l’impossibilità di ricevere adeguata assistenza a domicilio, sua figlia è stata sostanzialmente costretta a sottoscrivere un atto col quale si impegnava, insieme alla madre, “al pagamento della retta di mantenimento”.

Il Tribunale di Firenze [1] ha tuttavia ritenuto che la clausola del contratto contenente l’assunzione di detto impegno è nulla: ciò perché contraria alla norme imperativa che disciplinano l’aspetto economico di tali prestazioni socio-sanitarie. Esse, infatti, pongono i relativi oneri economici per il 50% a carico della Azienda Sanitaria (quota sanitaria) e per il restante 50% a carico del Comune (quota sociale), con compartecipazione da parte dei ricoverati e dei loro familiari in base ai rispettivi redditi.

Le clausole come quella in oggetto, invece, pongono direttamente a carico dell’utenza l’onere di pagamento della quota sociale della retta di ricovero; rappresentano quindi un concreto e talvolta persino insormontabile ostacolo alla fruizione dell’assistenza sanitaria, il che non è ammissibile.

Di GIACOMO GUERRINI


Chiunque si trovi costretto dall’emergenza assistenziale di un proprio familiare a sottoscrivere una clausola con cui si imponga il pagamento della retta della RSA, o lo abbia già fatto, può ritenerla nulla; di conseguenza, può legittimamente non pagare quanto in essa pattuito e chiedere la restituzione di quanto eventualmente già corrisposto.

note

 

[1] Trib. Firenze, sent. n. 3039 del 18 settembre 2012, dott. Riccardo Guida.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Leggete la sentenza della corte di cassazione 296 del 19 dicembre,2012 ,
    ” Auguro a loro stessa sorte “.
    L ‘unica soluzione e’ rivolgersi al consiglio Europeo per i diritti dell uomo….
    pertanto questo articolo e sorpassato.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube