Business | Articoli

Disabili: in arrivo nuovo programma di aiuto e supporto

15 luglio 2017


Disabili: in arrivo nuovo programma di aiuto e supporto

> Business Pubblicato il 15 luglio 2017



Ripristinato l’Osservatorio nazionale sulla disabilità che avrà funzioni consultive e di supporto tecnico-scientifico.

Il ministro del lavoro e delle politiche sociali, Giuliano Poletti, ha firmato il decreto per attuare programmi e politiche di supporto ai disabili e ricostituito l’Osservatorio nazionale sulla disabilità. Lo comunica il Ministero, sul proprio sito. L’Osservatorio precedente era scaduto nell’ottobre 2016 e l’ultimo atto fu l’approvazione del Programma biennale d’azione per la promozione dei diritti delle persone con disabilità (19 ottobre 2016), con le integrazioni successive alla discussione dello stesso in seno alla Conferenza di Firenze.

Aiuto e supporto ai diversamente abili

Ci sono voluti quasi nove mesi perché il «Programma di azione biennale per la promozione dei diritti e dell’integrazione delle persone con disabilità» venisse approvato dal Consiglio dei Ministri. L’approvazione è arrivata nel Consiglio dei Ministri del 10 luglio 2017: il programma d’azione verrà inviato alla Conferenza unificata e, dopo averne acquisito il parere, dovrà essere adottato con un apposito decreto del Presidente della Repubblica. Il presidente della Fish, la Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap, ha così commentato: «Finalmente riprende l’iter di approvazione di questo documento, già trasmesso da mesi dal Ministero del lavoro alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Il Programma di Azione è il risultato di due anni di lavoro, condiviso e dettagliato, su aspetti di particolare rilievo e delicatezza, dal riconoscimento della disabilità alla vita indipendente, dalla mobilità al diritto allo studio, dall’inclusione lavorativa alla tutela della salute. Non poteva rimanere ancora in un cassetto».

Ruolo dell’Osservatorio Nazionale sulla disabilità

L’Osservatorio ha funzioni consultive e di supporto tecnico-scientifico per l’elaborazione delle politiche nazionali in materia di disabilità.

L’Osservatorio curerà:

  • la promozione dell’attuazione della Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità;
  • la predisposizione di un programma di azione biennale per la promozione dei diritti e l’integrazione delle persone con disabilità;
  • la promozione della raccolta di dati statistici e della realizzazione di studi e ricerche sul tema;
  • la predisposizione della relazione sullo stato di attuazione delle politiche sulla disabilità.

 

Cosa prevede il programma di azione per la disabilità?

Il programma si fonda sul principio di uguaglianza delle persone con disabilità rispetto al resto della popolazione. L’obiettivo è il superamento di tutte le forme di diseguaglianza aggiuntive, per rispondere alla giusta e ineludibile richiesta di cittadinanza piena e integrale delle persone con disabilità, in coerenza con le previsioni della Convenzione Onu sui loro diritti.

Il programma prevede otto linee di intervento:

  • riconoscimento/certificazione della condizione di disabilità e valutazione multidimensionale finalizzata a sostenere il sistema di accesso e la progettazione personalizzata;
  • politiche, servizi e modelli organizzativi per la vita indipendente e l’inclusione nella società;
  • salute, diritto alla vita, abilitazione e riabilitazione; processi formativi e inclusione scolastica;
  • lavoro e occupazione;
  • promozione e attuazione dei principi di accessibilità e mobilità;
  • cooperazione internazionale;
  • sviluppo del sistema statistico e di reporting sull’attuazione delle politiche.

note

Autore immagine: Pixabay.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. dicono belle cose ma quando si và non si trova nulla … io in 75% . mi hanno lasciata a casa da come aiuto cuoco e altro ristorazione veloce ,perche non hanno posto dove mettermi x le mie problematiche ,ed è anche vero la mie età e di 60 anni tra breve . e sono a casa con spettativa non pagata e non retribuita .. domanda di uscire dal lav x problemi di salute no mi bocciano sempre . ho 24 anni lavorati in regola e 25 lavorati in nero ,, ecco dove si và una vergogna .

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI