Diritto e Fisco | Articoli

Mentire all’avvocato è reato?

26 Agosto 2018 | Autore:
Mentire all’avvocato è reato?

False dichiarazione al difensore: è reato? Perché mentire al difensore può essere pericoloso? Cosa sono le investigazioni difensive?

Normalmente, quando un avvocato, per farsi un po’ di pubblicità, lascia il suo biglietto da visita, chi lo riceve sorride imbarazzato ed esclama: «Spero di non averne mai bisogno!», come se si trattasse di un becchino. Eppure, nel momento in cui, volente o nolente, sei coinvolto in un procedimento, non desidererai altro che avere con te un buon avvocato. Solo lui potrà condurti nella selva intricata rappresentata dalle norme processuali e farti uscire indenne. In quel momento, l’avvocato diventa il tuo migliore amico, il tuo consigliere, il tuo confessore; questo avviene soprattutto quando il procedimento è delicato, come accade nel processo penale. Le informazioni che dai al tuo difensore di fiducia sono fondamentali per la preparazione di una valida strategia difensiva: è molto importante che tu sia d’accordo con le scelte difensive, in modo tale da poter percorrere in maniera sicura le vie del processo. Ovviamente, l’avvocato non è il depositario della verità; anzi, a lui neanche interessa sapere come una vicenda si sia svolta realmente: ciò che è importante è uscire vittoriosi dal processo. In buona sostanza, non hai un obbligo di dire la verità all’avvocato: se menti su alcune circostanze, il peggio che può accaderti è di perdere la causa, con conseguente condanna (economica o, addirittura, detentiva). Ci sono delle ipotesi, però, in cui mentire all’avvocato è reato: questo accade quando vieni sentito dal difensore di una persona indagata per un crimine, il quale sta compiendo le proprie investigazioni difensive. In pratica, mentire al proprio avvocato non è mai reato, mentre può esserlo se le menzogne sono propinate a quello che sta svolgendo le indagini. Se quanto detto sinora ti interessa, oppure se non hai ben compreso cosa voglio dire, ti invito a proseguire nella lettura: vedremo insieme quando mentire all’avvocato è reato.

Mentire: è reato?

Di norma, dire una bugia non è reato. È vero che mentire è riprovevole e che le conseguenze sociali possono a volte essere terribili (perdita di un’amicizia, fine di una relazione, ecc.), ma è altrettanto vero che le bugie quasi mai hanno conseguenze giuridiche. Quasi, ho detto: se menti a tua moglie dicendo di andare a giocare a calcetto ma, in realtà, intrattieni una relazione extraconiugale, il tuo comportamento potrebbe costarti l’addebito della separazione; se dici menzogne mentre deponi come testimone, rischi il carcere fino a sei anni; se accusi falsamente una persona di aver commesso un reato, commetti calunnia, punita anch’essa con la reclusione. E mentire all’avvocato? È reato?

Mentire all’avvocato: quando è reato?

Il codice penale prevede un’unica ipotesi nella quale mentire all’avvocato è reato. Secondo la legge, quando l’avvocato di fiducia di persona indagata procede con le investigazioni difensive, chiunque, non essendosi avvalso della facoltà di non rispondere, rende dichiarazioni false, è punito con la reclusione fino a quattro anni. Il procedimento penale resta sospeso fino a quando nel procedimento nel corso del quale sono state assunte le dichiarazioni sia stata pronunciata sentenza di primo grado ovvero il procedimento sia stato anteriormente definito con archiviazione o con sentenza di non luogo a procedere [1].

In buona sostanza, la persona sentita da un avvocato che sta svolgendo le proprie indagini per conto del suo assistito non può mentirgli, pena il carcere. In pratica, l’attività investigativa del difensore è equiparata a quella del procuratore, in quanto anche le false informazioni al pubblico ministero costituiscono reato [2].

False dichiarazioni al difensore: in cosa consiste?

In sintesi, mentire all’avvocato è reato solamente quando ricorrono le seguenti circostanze:

  • l’avvocato non è il proprio;
  • il difensore sta svolgendo investigazioni difensive nell’ambito di un procedimento penale per conto del proprio assistito; in particolare, si sta occupando di sentire persone informate sui fatti;
  • chi viene sentito non si è avvalso della facoltà di non rispondere o di non rendere dichiarazioni.

Si tratta di un reato proprio, che può essere commesso, cioè, solamente dalla persona sentita dall’avvocato che sta compiendo investigazioni nell’interesse del suo cliente. Chiaramente, il difensore che sta svolgendo tale attività deve rendere consapevole chi gli sta davanti che le domande che gli verranno poste fanno parte delle indagini: mentire ad un avvocato mentre si chiacchiera al bar non costituisce reato. È necessario che il difensore si qualifichi e che faccia sapere che il colloquio non è informale, ma che si tratta di un’investigazione vera e propria.

Mentire all’avvocato: perché è reato?

Mentire all’avvocato è reato perché si tratta di una condotta che intralcia la giustizia: la legge, come anticipato, ha voluto equiparare l’attività investigativa dell’avvocato a quella del pubblico ministero. Pertanto, mentire all’avvocato è come mentire al procuratore della Repubblica, sebbene uno cerchi elementi favorevoli all’indagato, l’altro prove per inchiodarlo alla sua responsabilità penale. Il reato di false dichiarazioni al difensore è stato introdotto dal legislatore in un’ottica di completa equiparazione tra pubblica accusa e difesa, elevando il ruolo dell’avvocato che intende avvalersi di indagini diverse da quelle condotte dal p.m.


note

[1] Art. 371-ter cod. pen.

[2] Art. 371-bis cod. pen.

Autore immagine: Pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube