Diritto e Fisco | Articoli

Cassa Forense: in arrivo contributi minimi 2013. Importi e scadenze

1 Febbraio 2013
Cassa Forense: in arrivo contributi minimi 2013. Importi e scadenze

In arrivo i bollettini per il pagamento della Cassa Forense: in un periodo di crisi del settore e dell’economia come quello attuale, non saranno buone notizie per i piccoli studi legali e per quelli che, da oggi, hanno l’obbligo dell’iscrizione obbligatoria alla Cassa. Ecco gli importi in riscossione.

 

In questi giorni, migliaia di avvocati riceveranno i bollettini della Cassa Forense avvocati. Il plico conterrà, come di consueto, i quattro bollettini per il contributo soggettivo minimo.

Le scadenze per i versamenti sono: 28 febbraio, 30 aprile, 30 giugno e 30 settembre 2013.

L’importo da versare è:

– per il contributo soggettivo minimo: euro 2.700.

L’importo scende a 1.350 euro per chi è iscritto alla Cassa da non più di cinque anni, a condizione che l’istanza di iscrizione sia stata presentata dopo il 31.12.2008 e comporti una decorrenza anteriore al compimento del 35mo anno di età.

– per il contributo minimo integrativo: euro 680, non dovuto tuttavia dai praticanti con abilitazione al patrocinio e, a decorrere dal 2010, anche per i primi cinque anni di iscrizione all’albo.

– per l’indennità di maternità: euro 132.

I pensionati di vecchiaia, dall’anno successivo alla maturazione del diritto alla pensione, dovranno pagare solo il contributo per l’indennità di maternità.

Ciascun interessato, senza attendere l’arrivo della lettera da parte della Banca delegata, potrà stampare autonomamente i bollettini che sono reperibili nel sito della Cassa Forense, nella sezione “Accesso riservato – Posizione personale – Servizi online – Mav – Mav contributi minimi”.

Per ogni chiarimento, la Banca Popolare di Sondrio ha predisposto un numero verde: 800 24 84 64.

Invece chi voglia contattare direttamente la Cassa potrà farlo al numero 06.362111.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube