Business | Articoli

Google Earth: pronto a diventare social

17 luglio 2017


Google Earth: pronto a diventare social

> Business Pubblicato il 17 luglio 2017



La compagnia di Mountain View avrebbe intenzione di permettere agli utenti di caricare storie, testi, foto e video relativi ai luoghi visitati.

Rebecca Moore, responsabile capo di Google Earth, durante un recente evento tenutosi a Rio in Brasile, ha parlato di un nuovo progetto creato grazie allo strumento Voyager: «I am the Amazon». Si tratterebbe di un tour virtuale consultabile proprio nella sezione Voyager di Google Earth che costituirebbe di fatto un anticipo di un futuro social per Google Earth. Attraverso «I am the Amazon» Google porta l’utente in un viaggio tra natura e cultura della Foresta Amazzonica. Nel percorso sono incluse undici storie interattive per apprezzare meglio la regione. Questa, in nuce, sarebbe l’evoluzione verso la quale Earth sta andando nel prossimo futuro.

Voyager come strumento di esplorazione

Già tempo fa Voyager è stato usato anche per trasmettere video in diretta live streaming dall’Alaska, ad esempio, per ammirare le zone più selvagge dello Stato. Il nuovo progetto prenderà spunto da «I am the Amazon», non solo foto e riprese dunque, ma storie interattive, status, immagini, che potrebbero venir tracciate e geolocalizzate sulla mappa del pianeta presente in Google Earth, dunque legati alla posizione in cui si sono svolti i nostri viaggi o percorsi. In questo modo i nostri messaggi potrebbero diventare parte della storia collettiva di quella destinazione, legandoli alla mappa e aggiungendoli alla storia man mano che nuovi contenuti vengono creati.

Le storie anche Google Earth: addio alle diapositive!

Le storie potranno essere sia pubbliche sia private, quindi condivise con chi vorrà l’utente, e non dovranno contenere necessariamente contenuti di spessore. Di fondo un modo per arricchire Google Earth rendendo chi si trova dietro lo schermo qualcosa di più di un semplice spettatore. Per ora il servizio sta testando la tecnologia nella sua sezione Voyager, che consente tour virtuali di destinazioni esotiche avvalendosi di personalità importanti, come la primatologa Jane Goodall.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI