HOME Articoli

Lo sai che? Isee: cos’è e come cambia nel 2013

Lo sai che? Pubblicato il 1 febbraio 2013

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 1 febbraio 2013

Che cos’è l’Isee e cosa cambia nel 2013: gli immobili incidono di più, sono previste agevolazioni per le famiglie numerose e con disabili, e il modello lo compila l’Inps o l’Agenzia delle Entrate.

Il mondo dei controlli del fisco italiano, oltre al redditometro, si arricchisce quest’anno di importanti novità riguardanti l’Isee (indicatore della situazione economica equivalente), al fine di distribuire in maniera più equa le prestazioni sociali erogate dallo Stato.

Che cos’è l’Isee

L’Isee è uno strumento che consente di calcolare la condizione economica delle famiglie italiane mediante l’analisi del reddito, del patrimonio mobiliare e immobiliare, delle caratteristiche del nucleo familiare (numero e tipologia di componenti).

 

A cosa serve l’Isee

L’Isee è un indice che consente di catalogare le famiglie per fasce di ricchezza. Coloro che rientreranno nelle categorie inferiori, poiché in precarie condizioni economiche, potranno beneficiare di prestazioni assistenziali e agevolazioni fiscali, come:

– assegno di maternità;

– iscrizione gratuita ad asili nido e ad altri servizi educativi per l’infanzia;

– prestazioni scolastiche come mense, libri, trasporti, borse di studio, tasse scolastiche e universitarie;

– agevolazioni per servizi di pubblica utilità come telefono, luce, gas;

– accesso al fondo per il sostegno al pagamento degli affitti;

– accesso ai contributi regionali per l’acquisto della prima casa per giovani coppie.

 

Le novità

Le novità sul calcolo Isee per il 2013 puntano su un maggiore rigore nella valutazione delle credenziali per ottenere i benefici. L’obiettivo è quello di una ripartizione più equa dei servizi, concedendoli a chi ne ha effettivamente bisogno e stanando i falsi poveri.

– nuclei familiari

Il nucleo familiare ora comprende:

– il dichiarante e il coniuge, anche se quest’ultimo ha una diversa residenza e non risulta nello stato di famiglia (eccetto se è legalmente separato, divorziato, oppure se ha perso la potestà sui figli);

– i figli di età inferiore ai 18 anni;

– i figli di età superiore ai 18 anni che sono a carico del dichiarante ai fini Irpef, anche se questi non convivono con i genitori e qualora non coniugati e senza figli;

– tutte le persone presenti nello stato di famiglia anagrafico.

Il nuovo sistema punta a favorire le famiglie numerose: in questo senso sono state apportate delle modifiche alle cosiddette scale di equivalenza, ossia a quei parametri utilizzati nel calcolo Isee che variano a seconda del numero di membri del nucleo familiare [1].

 

– reddito

Verrà preso in considerazione il reddito Irpef derivante da contratto di lavoro dipendente (con una franchigia fino al 20%, con tetto massimo di 3.000 euro) o da pensione (con tetto massimo di 1.000 euro). Al dato Irpef vanno poi aggiunti il valore di case e terreni, ricordando che detti beni oggi incidono il 60% in più rispetto al vecchio valore calcolato ai fini ICI.

L’Isee terrà anche conto di:

redditi esenti da tasse [2] o soggetti a imposte sostitutive (ad esempio i canoni di affitto soggetti a cedolare secca [3]);

– introiti da attività agricola;

– assegni di mantenimento dei figli;

– patrimonio mobiliare

Nel calcolo dell’Isee, si terrà anche conto di:

– conti correnti postali e bancari;

– titoli di stato;

– obbligazioni;

– buoni fruttiferi;

– certificati di deposito;

– azioni in società italiane o estere;

– fondi di investimento.

Per i conti correnti non si dovrà indicare più la situazione al 31 dicembre dell’anno precedente, ma si prenderà a campione un giorno casuale degli ultimi tre mesi dell’anno.

– patrimonio immobiliare

– Per la prima casa è stata eliminata la franchigia di 51.645 euro, che veniva detratta dal valore fiscale dell’immobile. Il valore si calcolerà con gli stessi criteri previsti per l’Imu (rendita rivalutata e moltiplicata per 160), anche se la rendita catastale si considererà per 2/3  e non per l’intero, detraendo eventualmente la parte di mutuo ancora non estinta.

– Per tutti gli altri immobili sarà considerato il valore ad essi attribuito ai fini Imu.

Sarà computato anche il valore degli immobili all’estero.

– disoccupati

Colui che perde il lavoro può chiedere l’Isee aggiornato, che tenga conto dello stato di disoccupazione e gli permetta così di rientrare immediatamente nelle categorie cui spettano le prestazioni assistenziali e le agevolazioni fiscali.

 

– compilazione del modello

Una novità importante riguarda la compilazione del modello: non sarà più il cittadino richiedente, da solo o con il commercialista di fiducia, a compilare l’Isee, ma sarà compito dell’Inps oppure dell’Agenzia delle Entrate, che potranno utilizzare i dati in loro possesso sui redditi e sul patrimonio dei cittadini. Il contribuente indicherà solo le spese da detrarre e segnalerà eventuali errori.

– le note positive

È prevista una franchigia:

fino a 7.000 euro per chi vive in un’abitazione in affitto;

– fino a 5.000 euro per chi vive in un’abitazione di proprietà, con incrementi di 500 euro per ciascun membro del nucleo familiare successivo al primo, fino a un massimo di 7.000 euro;

– di 6.500 euro per ogni persona del nucleo familiare non autosufficiente.

Inoltre il nuovo indicatore della situazione economica equivalente tiene conto della crisi e prevede la possibilità di cambiare il calcolo, aggiornandolo in corso d’anno, se avvengono eventi che determinano variazioni lavorative (ad esempio, in caso di licenziamento). Le variazioni reddituali dovranno però essere superiori al 25%.

Sono previste le seguenti detrazioni per i nuclei familiari in cui sono presenti persone con disabilità grave o non autosufficienti: spese sanitarie per il disabile, per l’acquisto di cane guida, di interpretariato per i sordi, e spese di assistenza specifica, fino a un massimo di 5.000 euro.

Maggiori sgravi fiscali sono previsti poi per le famiglie numerose, soprattutto se con figli di età inferiore ai tre anni.

di STEFANO VELTRI

note

 

[1] Per un componente l’indice è pari ad 1,00; per due componenti ad 1,57; per tre componenti a 2,04; per quattro componenti a  2,46; per cinque componenti a 2,85. Per ogni successivo componente, l’indice si incrementa di 0,35.

[2] Sono considerati redditi esenti le pensioni di guerra, quelle collegate a menomazioni subite durante il servizio militare di leva, le borse di studio, le pensioni e le indennità per invalidi civili, le indennità di accompagnamento, le pensioni sociali e i sussidi per persone affette dal morbo di Hansen.

[3] La cedolare secca sugli affitti è una misura di agevolazione fiscale introdotta nel gennaio 2011. Consiste nell’applicazione di un’aliquota fissa di tassazione al posto di quella Irpef che si applicherebbe al reddito del contribuente. Più il reddito del locatore è alto, più risulta conveniente applicarla. La sua adozione è facoltativa e rappresenta un’alternativa al regime di tassazione ordinario.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

3 Commenti

  1. Ho una figlia sposata con bambina che risiede nella casa di mia proprietà concessa in comodato. La casa si presta ad assere condivisa con un altra figlia, sposata con un bambino. Alla richiesta di cambio di residenza siamo stati informati che il nuovo nucleo familiare comprenderebbe entrambe le famiglie ai sensi del DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 maggio 1989, n. 223. Ciò comporterebbe una serie di problemi conseguenti ai fini ISEE. Ma in pratica, per es., gli assegni familiari che le 2 famiglie, attualmente distinte, percepiscono, potrebbero decadere? Le due dichiarazioni dei redditi potrebbero assommarsi? Quali sono le conseguenza pratiche?

    1. Questa è una risposta automatica.
      La ringraziamo per la Sua richiesta.

      L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

      Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi a un pagina qualsiasi del nostro portale https://www.laleggepertutti.it. In calce ad ogni articolo, o subito prima della prima parola, troverà un banner con scritto: “Richiedi una consulenza”. Quindi dovrà effettuare il pagamento attraverso Paypal. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.

      Si tratta di un’operazione molto semplice (euro 28.00 iva compresa o, per le consulenze telefoniche, 50 euro iva compresa) che ci consente così di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

  2. Salve, vorrei un chiarimento..
    Mio padre purtroppo ha una malattia e usufruisce delle agevolazioni su alcune cose ( medicinali, ticket, abbonamento,..) tramite un redito isee basso.
    Se il mio ragazzo cambia residenza spostandola a casa dei miei genitori incide nel nuclo famigliare e nel valore dell isee di mio padre?
    Un ultima domanda, Io abitando con i miei genitori e non lavorando, e lui avendo una diversa residenza, lui può comunque percepire degli assegni famigliari?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI