Business | Articoli

Interpretazione del contratto: la buona fede (regola 5)

29 Agosto 2013
Interpretazione del contratto: la buona fede (regola 5)

Quinta regola: il contratto va interpretato secondo buona fede, ossia tendendo una condotta improntata alla lealtà e correttezza.

5. Interpretazione secondo buona fede.

Il contratto deve essere interpretato secondo buona fede”.

Significato.

In base alla regola della “buona fede”, bisogna dare al contratto il significato che gli attribuirebbero contraenti corretti e leali. Questo criterio può condurre a dare al contratto un significato diverso dal significato testuale delle espressioni che in esso sono contenute; questo differente significato è quello che al contratto darebbero le parti se fossero leali e corrette.

La “buona fede” è quel principio con cui l’ordinamento giuridico obbliga le parti a tenere una condotta improntata alla reciproca lealtà e correttezza. L’interpretazione del contratto secondo la regola della buona fede si sostanzia – dunque – non soltanto nel significato che alle parole viene attribuito dall’autore della dichiarazione negoziale, ma anche nel significato che a tali parole può ragionevolmente dare anche l’altro soggetto, ossia il destinatario della dichiarazione stessa, in modo che risulti tutelato il ragionevole affidamento di entrambi i contraenti sul significato dell’accordo.

Il giudice deve procedere ad analizzare le espressioni usate dalle parti contraenti stabilendo quale sia il significato obiettivo sul quale le stesse, in relazione alle circostanze concrete, potevano e dovevano fare ragionevole affidamento, ricercandone così la comune intenzione, senza sovrapporre una propria soggettiva opinione all’effettiva volontà dei contraenti.

Vai a:

In generale: Come si interpreta un contratto: le regole del codice civile

Regola 1: Interpretazione del contratto: la comune intenzione dei contraenti

Regola 2: Interpretazione del contratto: l’interpretazione complessiva delle clausole

Regola 3: Interpretazione del contratto: le espressioni generali

Regola 4: Interpretazione del contratto: indicazioni esemplificative

Regola 5: Interpretazione del contratto: la buona fede

 

Regola 6: Interpretazione del contratto: il principio di interpretazione utile

Regola 7: Interpretazione del contratto: le pratiche in uso

 

Regola 8: Interpretazione del contratto: la corrispondenza alla natura e oggetto del contratto

 

Regola 9: Interpretazione del contratto: moduli o formulari

Regola 10: Interpretazione del contratto: contratti gratuiti e onerosi



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube