Business | Articoli

Split payment: chi è esonerato?

21 Luglio 2017
Split payment: chi è esonerato?

Quando non deve essere usata la scissione di pagamento: ecco tutti i casi in cui si è esonerati.

Nei rapporti tra aziende o professionisti e la Pubblica Amministrazione, grazie allo split payment [1], è quest’ultima a contribuire l’imposta relativa alla transazione. Con questa procedura si evita la regola generale secondo cui l’Iva viene addebitata in fattura al cliente e poi versata alle casse dell’Erario dal fornitore ma impone invece che sia la Pa a farlo direttamente.

Mentre prima il regime di split payment era dedicato alle aziende, dallo scorso 1 luglio 2017 esso interessa anche i professionisti.

Per conoscere l’elenco delle amministrazioni interessate ti consigliamo di leggere Split payment: la lista dei soggetti obbligati. Esistono  tuttavia dei casi di esonero di split payment che dipendono dalla natura degli operatori che eseguono la prestazione a favore della Pa. Vediamo quali sono.

Split payment: chi non deve applicarlo?

Esistono dei casi di esonero dallo split payment che sono definiti «esoneri oggettivi». Si tratta di casi in cui il cedente o il prestatore deve incassare l’imposta che pertanto la Pa o la società che riceve la fattura la deve pagare. I riferimenti sono stabiliti in una precedente circolare dell’Agenzia delle entrate e sono applicabili anche alla nuova normativa introdotta da qualche settimana [2]. Le ipotesi richiamate dalla circolare riguardano in particolare l’agricoltura e le associazioni sportive dilettantistiche. Queste attività devono emettere fattura con l’Iva esposta in trasparenza e le pubbliche amministrazioni o le società clienti devono pagarla.

Lo split payment inoltre non si applica, come è ovvio, a quegli esercizi e a quei professionisti che non emettono fattura con Iva, dunque:

  • in presenza di fatture rientranti nel reverse charge;
  • per chi applica il regime monofase (editoria, tabacchi ecc.);
  • per le agenzie di viaggio e turismo;
  • per le operazioni soggette al regime del margine;
  • per chi opera in regime forfettario [3].

L’unico strumento di comunicazione in questo caso è l’assenza in fattura della dicitura «scissione di pagamento» o forse convenzionalmente sarebbe più opportuno specificare «Iva dovuta al fornitore».


note

[1] Legge di Stabilità 2015 art. 1.

[2] Agenzia delle entrate circ. n. 15 del 13.04.2015.

[3] La circolare n. 15/E/2015 esclude l’applicazione dello split payment per i soggetti che usufruiscono della detrazione in misura forfetaria in quanto nella fattispecie se l’imposta non venisse incassata sarebbe loro impossibile esercitare la detrazione.

Autore immagine: Pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube