Diritto e Fisco | Articoli

Caldaia guasta: responsabile il manutentore se non ne impedisce l’uso

5 Febbraio 2013 | Autore:
Caldaia guasta: responsabile il manutentore se non ne impedisce l’uso

Il manutentore che consente al cliente lutilizzo della caldaia, benché nutra un dubbio sulla possibilità di malfunzionamento della stessa, è responsabile per i conseguenti danni allo stabile.

Il manutentore della caldaia ha un dovere di controllo che deriva dall’obbligo, previsto per legge, della revisione annuale dell’impianto e del relativo certificato che egli deve rilasciare all’utente; pertanto, se dopo aver effettuato le consuete verifiche, nutra un concreto e ragionevole dubbio sull’eventuale malfunzionamento della caldaia, deve consigliare al cliente di non utilizzarla. Venendo meno a tale obbligo di informazione, il manutentore sarà responsabile dei danni subiti, per via del malfunzionamento, non solo dal cliente, ma da tutti gli inquilini dello stabile.

Tale principio è stato recentemente ribadito dalla Cassazione [1]. La Corte, in particolare, ha condannato un manutentore che, nonostante avesse percepito il rischio insito nell’utilizzo di una caldaia per la presenza di un pressostato [2] non originale, non aveva informato il cliente del pericolo che correva.

Qualora, invece, l’appartamento sia stato dato in locazione, nei confronti dell’inquilino è invece il proprietario a dover garantire il buon funzionamento della caldaia. Pertanto, se il pessimo stato di manutenzione dell’impianto provochi danni agli occupanti (per via dei fumi prodotti, di una eventuale esplosione, ecc…), il locatore ne sarà responsabile. Quest’ultimo, infatti, deve consegnare all’inquilino una caldaia efficiente, periodicamente revisionata e senza difetti strutturali [3].


note

 

[1] Cass. sent. n. 48229 del 13.12.2012. Allo stesso modo Cass. sent. 6235 del 9.07.1966.

[2] È un dispositivo che serve a gestire i valori della pressione nei macchinari.

[3] Cass. sent. n. 32298 del 6.08.2006.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube