Tech | Articoli

Come creare cartella con password

6 settembre 2018


Come creare cartella con password

> Tech Pubblicato il 6 settembre 2018



Se vuoi mantenere top secret dei files sul tuo pc una delle opzioni da percorrere è la creazione di una cartella con password, nella quale nessuno possa accedere se non conoscendo quest’ultima.  

Siamo abituati a condividere qualunque informazione o stato d’animo personale o ricordo della propria vita con parenti, amici e finanche sconosciuti, tramite mezzi di comunicazione, come i gruppi in whatsapp o quelli di casella di posta collaborativa, oppure social network, come facebook o instagram o linkedin e similari. Eppure, nessuno di noi può dire di non avere avuto, qualche volta, nella propria vita l’esigenza di avere garantita la privacy di specifici file contenenti documenti, atti, audio, progetti o fotografie. Ecco, in effetti, c’è una operazione molto semplice che si può realizzare sul nostro pc senza necessità dell’ausilio di nessun tecnico e che consiste nella creazione di una password su di una cartella, in cui avremo inseriti tutti i files di cui si vuole garantire la privacy. Ma come mettere una password a cartella? Nell’articolo viene spiegato passo dopo passo, precisando anche le differenze procedurali in caso di utilizzo di sistemi operativi diversi, come microsoft o MAC, attesa la diversità di impostazioni nell’utilizzo del nostro personal computer. Il collegamento obbligato della cartella ad una ben specifica password, infatti, ci consentirà di identificare e creare, per l’appunto, una cartella il cui contenuto non è accessibile se non tramite quella chiave di sicurezza che avremo stabilito. Nella procedura, sarà a nostra discrezione la definizione anche della grandezza della cartella. L’utilità di questa tecnica è evidente soprattutto in caso di condivisione, ad esempio in famiglia, del medesimo computer ma è esistente anche quando l’uso del pc è esclusivamente nostro e quando vogliamo che davvero nessun terzo possa, anche in un nostro attimo di distrazione, accedere a quelle informazioni, contenuti nei files che ci interessano. Procediamo, dunque, a scoprire come creare cartella con password.

La procedura per creare una cartella con password

Che si tratti di esigenza personale o di necessità lavorativo-professionale poco importa: se ci si vuole assicurare che nessuno possa avere accesso a files contenenti video, audio o documenti, neppure in caso di nostra negligenza, possiamo proteggere una cartella con una password inserendo nella stessa tutti i dati che ci interessano. In questo modo, a meno di non conoscere la password che noi stessi avremo creato, chi vorrà ficcare il naso nel nostro personal computer per carpire informazioni la cui privacy vogliamo difendere, anche nel caso in cui il terzo entrasse in possesso del p.c., vedrà svanire il proprio desiderio, essendogli inibito anche solo di sbirciare il contenuto di quella cartella.

Cosa occorre avere per creare una cartella con password

Per poter creare una cartella con password occorrono veramente poche cose:

  • il tuo personal computer, fisso o portatile che sia;
  • un programma che permetta la compressione dei files. Vale a dire un software capace di ridurre le dimensioni e, dunque, il peso di files e cartelle come, ad esempi, Winzip, 7-Zip o WinRAR. Si tratta di software facilmente reperibili anche su internet, facili da scaricare e da installare sul proprio personal computer;
  • se preferiamo, invece, usare un software che sia esso stesso a creare una cartella criptata e ad inserirle la password, la quale sarà scelta sempre e solo da noi, allora possiamo provare un programma scaricabile on line e gratuito che si chiama VeraCrypt e che impareremo ad usare per tale finalità.

In linea di principio, per come anticipato, è possibile creare una cartella con password anche senza necessità di usare specifici software. Ma sia che si scarichi un programma di creazione di cartelle con password sia che si utilizzi, per così dire, il metodo tradizionale, la procedura a grandi linee è costituita dalle medesime fasi di semplicissima attuazione che consistono nel:

  • creare una cartella specifica che diventerà il contenitore del nostro materiale da proteggere;
  • creare una password perla cartella-contenitore da proteggere. La password deve essere tenere per noi stessi ed, anzi, è d’obbligo avere cura che non possa cadere nella conoscenza altrui.

A questo punto, che si sia usato un programma specifico o meno, la nostra cartella sarà schermata contro accessi non autorizzati ed avremo solo noi la chiave di accesso per entrarvi, modificare i files od introdurne e salvarne degli altri. Ma poiché la procedura concreta prevede passaggi leggermente diversi a seconda dell’esistenza di windows o di MAC quali sistemi operativi per far funzionare il nostro personal computer, andiamo ad analizzarne, passo dopo passo, i singoli step.

Come creare una cartella con password per Windows

Se abbiamo un personal computer con il sistema operativo di windows, dobbiamo sapere che abbiamo una doppia scelta per andare a creare una cartella con password e, precisamente, potremo scegliere tra:

  • il metodo tradizionale, con l’uso del solo personal computer e senza l’utilizzo di alcuna specifica applicazione di creazione cartelle con password;
  • il metodo con un particolare software, come il già menzionato VeraCrypt. In questa ipotesi, basta cercare on line il sito da cui effettuare il download di questo programma, scaricandolo ed installandolo sul nostro personal computer. All’occorrenza, quando cioè vorremo creare una cartella con password oppure vorremo accedere al contenuto di cartelle criptate, andremo ad avviare il programma precedentemente installato per poter aver accesso al contenuto protetto della cartella.

Ma procediamo per ordine e vediamo step by step ogni singola procedura.

Se vogliamo usare il metodo tradizionale abbiamo bisogno del nostro personal computer e del programma Winzip o WinRAR o similari, come già anticipato, e seguiamo i seguenti passaggi:

  • prima cosa di tutto andiamo a creare una cartella, magari sul desktop, cliccando in un punto vuoto col tasto destro del mouse e scegliendo la voce “crea nuovo”. Dopodiché ci preoccupiamo di inserire tutti i files che vogliamo e di dargli il nome;
  • cliccando sempre sulla cartella nuova, con il tasto destro del mouse andiamo a scegliere la voce “Aggiungi ad un archivio”. In questo modo, in concreto, stiamo  utilizzando il programma WinRAR oppure WinZip o similari per creare una cartella su cui andremo ad inserire la password. Quindi, quando si apre la schermata, scegliamo in alto la voce “avanzata” e clicchiamo sul tasto “parola chiave” che ci apre una nuova schermata. Qui, dopo aver inserito il flag a fianco alla dicitura “crittografa anche le informazioni sui file” oppure “cifra anche le informazioni sui file”, andiamo ad impostare la password ripetendola per due volte (per sicurezza) per come richiesto dal sistema. Premiamo quindi “ok”;
  • a questo punto abbiamo creato un nuovo file zip ma se ci andiamo a cliccare due volte per aprirlo e, quindi, per avere accesso a tutti i file contenuti nella cartella specifica, ci sarà impedito di poter anche solo sbirciare quanto vi è in esso, perché apparirà per prima cosa una schermata che richiede l’inserimento della parola chiave. Soltanto noi, a conoscenza della password, inserendola nell’apposito campo e premendo successivamente il tasto “ok” potremmo avere accesso al suo contenuto.

Se vogliamo usare il metodo con specifico software, abbiamo bisogno del nostro personal computer e di installare un programma finalizzato a creare archivi da proteggere con password. In questo articolo parliamo del software VeraCrypt in quanto è di facile utilizzo ma, soprattutto, gratuitamente scaricabile da internet. Quelli che seguono, pertanto, sono i singoli passi da seguire in questo caso:

  • prima di ogni altra cosa provvediamo a cercare su internet un sito da cui poter scaricare in sicurezza il programma VeraCrypt. Una volta effettuato il download procediamo alla sua installazione sul nostro computer, che avviene sostanzialmente come qualunque altra applicazione di windows. A questo punto possiamo avviare il programma ed andare a cliccare la voce “settings” che vuol dire impostazioni in inglese, selezionando la lingua italiana ed uscendo solo dopo aver cliccato “ok” per finalizzare la nostra scelta;
  • ora si può partire con la vera e propria operazione per creare la cartella con la password da noi scelta, pertanto, selezioniamo la voce “crea un volume” e seguiamo le istruzioni che ci sono fornite dalla schermata di “creazione guidata di un volume VeraCrypt” cliccando su “crea un file contenitore criptato”. Lasciamo inalterate le impostazioni che già troviamo nella prima e nella seconda schermata e quando arriviamo a quella in cui ci viene chiesto “percorso del volume” andiamo a cliccare sulla voce “Seleziona file”. Questa scelta ci permette di selezionare la cartella in cui salvare l’archivio criptato permettendoci di conferirli un nome e cliccando su “salva”;
  • successivamente appariranno altre schermate le cui impostazioni possiamo non modificare, fino a quando non arriviamo alla schermata di “dimensione del volume” nella quale, in concreto, andremo a stabilire la grandezza del nostro archivio (in kilo byte, mega byte o giga byte). Questa è una scelta che dipende ovviamente dal numero di file preventivabile che vogliamo inserire nella cartella protetta;
  • a questo punto ci viene chiesto di scegliere la password del volume che ripeteremo anche una seconda volta, per conferma, premendo per concludere questa fase il tasto “avanti”;
  • l’ultima operazione consiste nello scegliere il file system da usare per inserirvi il volume da proteggere con password, selezionando una delle lettere che si trovano nell’elenco in alto che appare sulla schermata. L’impostazione tipica è quella su “FAT” ma per archivi molto grandi, superiori ai 4 giga, viene consigliato di scegliere l’impostazione “NTFS”;
  • dopo pochissimo tempo, quello necessario per il caricamento e la creazione del nostro archivio, avremo creato uno spazio protetto, con il contenuto voluto e la garanzia che nessuno potrà accedervi se non col nostro consenso (necessario perché il terzo abbia la password);
  • quando abbiamo bisogno di accedere al contenuto della cartella ovvero dell’archivio protetto da password, non dobbiamo fare altro che avviare il programma e cliccare sul pulsante “Seleziona file”, scegliendo la cartella con password e cliccando sul pulsante “apri”, non dimenticando di scegliere nell’elenco sovrastante alla schermata la lettera virtuale da dare al drive che si sta utilizzando: la scelta della lettera virtuale (quella che vogliamo) darà visibilità alla nostra cartella come se si trattasse di una banalissima pen driver. Una volta terminato il nostro lavoro all’interno della cartella ormai decriptata, per uscirne e continuare a salvaguardare la con la password il relativo contenuto, ci basta cliccare sul pulsante “smonta” dell’applicazione ed il gioco sarà fatto. La cartella sarà protetta nuovamente da password.

Come creare una cartella con password per MAC OS X

Se abbiamo un personal computer con il sistema operativo MAC la procedura per la creazione di cartelle protette da password è ancora più semplice, per come dimostrato dai seguenti passaggi:

  • avviare “utility disco”, una applicazione che si trova installata sin dalla produzione nel sistema operativo di OS X e che avviamo cliccando sulla relativa icona nella cartella “altro” del Launchpad;
  • cliccare su “file” poi su “nuova immagine” e scegliere “immagine vuota”;
  • inserire, nella schermata nuova che si sarà aperta nel frattempo, il nome che si desidera dare alla cartella, e scegliere la locazione ed anche il livello di protezione (più alto o più basso) che si vuole per la propria “immagine” (intesa qui come archivio o cartella protetta). Viene consigliato normalmente di lasciare nella casella “formato” quanto già esistente, cioè, “OS X esteso” mentre nel campo “codifica” si consiglia la “codifica a 128-bit AES” per motivi legati alla velocità ma se si vuole una garanzia maggiore è possibile scegliere la “codifica a 256-bit AES” (sarà solo più lento nella operazione);
  • scegliere, quindi, la password e premere “salva”. A questo punto la cartella protetta con il codice da noi scelto sarà creata e per inserirvi tutti i files che si vuole proteggere basta spostarli nella “immagine disco protetta” che sarà stata appena creata.

Esistono anche degli appositi programmi come appunto VeraCrypt

Programmi per creare cartelle con password

Easy File Locker (Windows)

HiddenDIR (Windows)

7-Zip (Windows)

VeraCrypt (Windows/macOS)

di SAMANTHA MENDICINO

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI