Diritto e Fisco | Articoli

Sono invalido civile e cerco lavoro

12 Settembre 2018 | Autore:
Sono invalido civile e cerco lavoro

Chi possiede una percentuale d’invalidità riconosciuta può beneficiare di canali preferenziali e agevolazioni per essere assunto?

Ti è stata riconosciuta una percentuale d’invalidità, e vuoi sapere se questo ti dà diritto a dei titoli preferenziali per essere assunto? Devi sapere che, nella generalità dei casi, se la tua riduzione della capacità lavorativa, cioè l’invalidità riconosciuta, supera il 45%, hai diritto all’iscrizione nelle categorie protette ed al collocamento mirato, ossia hai diritto ad essere avviato al lavoro da parte dei servizi per l’impiego competenti. Inoltre, devi sapere che tutte le aziende, comprese gli enti pubblici, hanno l’obbligo di assumere disabili in una determinata percentuale rispetto all’organico totale: pertanto, chi è iscritto alle categorie protette può essere assunto più facilmente, potendo far parte della quota di riserva disabili di ogni azienda. Se dunque ti stai chiedendo «Sono invalido civile e cerco lavoro: come devo procedere, a quali agevolazioni ho diritto?», vediamo subito che cosa deve fare per trovare lavoro chi possiede un’invalidità civile riconosciuta: iscrizione alle categorie protette, collocamento mirato, assunzione nelle quote di riserva, assunzione senza concorso nella pubblica amministrazione.

Che cosa sono le categorie protette?

Le categorie protette sono delle categorie agevolate di lavoratori che hanno diritto all’avviamento al lavoro, ossia al collocamento mirato, ed a particolari tutele nel corso dello svolgimento del rapporto lavorativo.

Quali invalidi appartengono alle categorie protette?

Appartengono alle categorie protette e possono iscriversi alle relative liste speciali per il collocamento mirato, possedendo i requisiti, le seguenti categorie di invalidi o disabili:

  • le persone in età da lavoro con minorazioni fisiche, psichiche o sensoriali ed i portatori di handicap intellettivo, in possesso d’invalidità (riduzione della capacità lavorativa) superiore al 45%;
  • gli invalidi del lavoro, con un grado di invalidità, accertato dall’Inail, superiore al 33%;
  • i ciechi assoluti o le persone con un residuo visivo non superiore a 1/10 a entrambi gli occhi;
  • i sordomuti, cioè le persone colpite da sordità sin dalla nascita o prima dell’apprendimento della parola;
  • le persone che hanno diritto all’assegno di invalidità civile, per accertamento da parte dell’Inps di una riduzione permanente a meno di 1/3 della capacità lavorativa;
  • gli invalidi di guerra, gli invalidi civili di guerra e gli invalidi per servizio con minorazioni ascritte dalla 1° all’8° categoria.

Sono soggette a una particolare tutela anche le seguenti categorie di lavoratori, non disabili:

  • orfani e coniugi superstiti dei lavoratori deceduti per causa di lavoro, guerra o servizio, o per l’aggravarsi dell’invalidità derivante da tali cause;
  • coniugi e figli di grandi invalidi di guerra, di servizio o di lavoro;
  • profughi italiani rimpatriati;
  • familiari delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata.

Quali invalidi si possono iscrivere alle liste di collocamento mirato?

Per poter risultare iscritto nell’elenco del collocamento mirato della Legge 68 [1], che dà diritto all’avviamento al lavoro, non basta che il lavoratore appartenga alle categorie protette, ma deve risultare in stato di disoccupazione o in situazioni lavorative compatibili con il mantenimento di questo stato. Nel dettaglio, si mantiene lo stato di disoccupazione necessario all’iscrizione negli elenchi del collocamento mirato se:

  • si è occupati con rapporto di lavoro subordinato di durata fino a 6 mesi (in questo caso lo stato di disoccupazione viene sospeso);
  • il lavoro svolto, subordinato o parasubordinato (cococo), produce un reddito inferiore ad 8mila euro lordi su base annua;
  • il lavoro svolto produce un reddito inferiore a 4.800 euro lordi su base annua, se autonomo;
  • il lavoro è svolto, a prescindere dai limiti di reddito, per attività lavorative nell’ambito di particolari progetti.

Se non viene svolto alcun lavoro dipendente la persona disabile iscritta nell’elenco della Legge 68 deve presentarsi spontaneamente al centro per l’impiego, almeno una volta all’anno, per riconfermare (sottoscrivendo un apposito modulo) la propria immediata disponibilità al lavoro (si tratta della cosiddetta conferma Did).

In caso di mancata conferma, la persona perde lo stato di disoccupazione e viene cancellato dagli elenchi della Legge 68.

Gli invalidi totali possono iscriversi in una lista di collocamento mirato?

Gli invalidi civili totali (con percentuale di invalidità pari al 100%) possono iscriversi nelle liste speciali per accedere al lavoro o a percorsi di inserimento mirato, ma soltanto se possiedono ancora una residua capacità lavorativa.

Come possono essere assunti gli invalidi appartenenti alle categorie protette?

L’assunzione dei disabili può avvenire:

  • tramite richiesta nominativa: in questo caso il datore di lavoro può assumere la persona disabile che ritiene più adatta al posto, indipendentemente dalla posizione in graduatoria;
  • tramite richiesta numerica: si tratta di una modalità di assunzione residuale, applicata quando l’azienda, entro 60 giorni dal sorgere dell’obbligo di assunzione, non abbia inserito nessun soggetto disabile; l’avvio al lavoro, in questo caso, avviene d’ufficio, secondo la graduatoria;
  • tramite convenzione: si tratta di un accordo tra l’azienda e gli uffici competenti, avente ad oggetto uno specifico programma; attraverso questo accordo, grazie alla collaborazione degli uffici, gli obblighi di assunzione possono essere temporalmente diluiti, eventualmente preceduti da tirocini o assolti con contratti a termine o part time.

Per i lavoratori tutelati non appartenenti alla categoria dei disabili, invece, le aziende non possono ricorrere né a convenzioni né a richieste di esonero, ma possono solo domandare agli uffici competenti un’apposita ricerca di preselezione.

Come funzionano le quote di riserva per essere assunti nelle aziende e nella P.A.?

I datori di lavoro, sia pubblici che privati, sono tenuti ad avere alle loro dipendenze i lavoratori disabili nella seguente misura, detta quota di riserva:

  • se occupano oltre 50 dipendenti, la quota di riserva deve essere pari al 7% dei lavoratori occupati;
  • e occupano da 36 a 50 dipendenti, la quota è pari a 2 lavoratori;
  • da 15 a 35 dipendenti, è sufficiente un lavoratore.

Per i lavoratori tutelati non disabili appartenenti alle categorie protette, invece, è riservata una quota pari all’1%, nelle aziende che occupano oltre 50 dipendenti; se la ditta ha sino a 150 dipendenti, è sufficiente l’assunzione di un lavoratore.

Come possono essere assunti gli invalidi nella P.A.?

L’assunzione dei disabili negli enti pubblici può avvenire:

  • tramite richiesta di avviamento degli iscritti nelle liste di collocamento al centro per l’impiego;
  • tramite bando di concorso;
  • tramite convenzione.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Io mi chiamo Antonio fuda sono invalido civile a causa di un brutto incidente sono stato in coma per emoraggia celebrale Ho avuto avvocato giovanni tropiano che mi derubato eraggirato che tutto procedeva bene ma era a suo riguardo di tasca….

    1. Un avvocato dovrebbe sempre mettere al primo posto gli interessi del cliente. Eppure, capita di trovarsi di fronte a dei professionisti che non svolgono il loro lavoro come dovrebbero. E questo è ancora più grave se si considera che hanno a disposizione delle regole ben precise da seguire, delle vere e proprie linee guida che disciplinano ogni singolo aspetto del loro lavoro. Si tratta del codice deontologico forense. Che fare, allora, se l’avvocato è inadempiente? Si può attivare un procedimento disciplinare nei suoi confronti e, a tal fine, occorre denunciare l’avvocato al consiglio dell’ordine. Come fare? Occorre denunciarlo al consiglio dell’ordine degli avvocati. Bisognerà, cioè, presentare un esposto. Che succede a questo punto? L’Ordine informerà l’interessato e farà una serie di verifiche. Nel frattempo, l’avvocato avrà a disposizione un certo termine per difendersi. Intanto, lo stesso consiglio invierà tutti gli atti al consiglio distrettuale di disciplina (Cdd: sono organi che si occupano proprio del procedimento disciplinare) competente.
      Per maggiori informazioni leggi il nostro articolo su Come denunciare un avvocato al consiglio dell’ordine https://www.laleggepertutti.it/170923_come-denunciare-un-avvocato-al-consiglio-dellordine

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube