Diritto e Fisco | Articoli

Visita fiscale: si all’indennità di malattia se il lavoratore non risponde al citofono (è a letto con la febbre)

5 Febbraio 2013
Visita fiscale: si all’indennità di malattia se il lavoratore non risponde al citofono (è a letto con la febbre)

In caso di visita fiscale, si può percepire l’indennità di malattia anche non rispondendo al citofono al medico dell’INPS: basta dimostrare di essere a letto con la febbre alta e da soli in casa.

 

In caso di accertamento, se il lavoratore malato non risponde al citofono al medico fiscale, non è detto che sia fuori casa. Potrebbe, al contrario, essere a letto, a scontare gli effetti di una febbre da cavallo. Soprattutto se tale stato di alterazione gli è stato confermato in una successiva visita.

È questo l’incoraggiante convincimento del Tribunale di Perugia [1], che ha accolto il ricorso di un lavoratore a cui era stata negata, dall’INPS, l’indennità di malattia perché trovato assente alla visita fiscale. In verità, l’uomo non era riuscito ad alzarsi dal letto e a rispondere al citofono in quanto da solo a casa e con la febbre alta.

In generale, è bene sapere che il lavoratore che si sottrae ingiustificatamente alla visita di controllo domiciliare, perde il diritto al relativo trattamento economico per i primi dieci giorni di assenza. E ciò anche se successivamente effettua una nuova visita ambulatoriale che conferma lo stato di malattia [2].

Tuttavia, se il lavoratore, nel periodo di assenza per malattia, risulti irreperibile alla visita fiscale, ma dimostri un giustificato motivo dell’allontanamento dal suo domicilio, non decade dal diritto all’indennità di malattia: per esempio, un giustificato motivo potrebbe essere il l’esigenza di recarsi presso lo studio del proprio medico curante al fine di effettuare una visita [3].


note

[1] Trib. Perugia, sent. n. 620 del 9.11.2012.

[2] Ai sensi dell’art. 5, comma quattordicesimo, del D.L. 12 settembre 1983, n. 463 convertito in L. 11 novembre 1983, n. 638.

[3] Trib. Macerata sent. del 11.05.2009.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube