Diritto e Fisco | Articoli

Agente immobiliare non responsabile se la casa ha un’ipoteca

6 Febbraio 2013 | Autore:
Agente immobiliare non responsabile se la casa ha un’ipoteca

Il mediatore non è tenuto ad accertare che sulla casa da lui messa in vendita vi sia un’ipoteca, salvo espressa richiesta del cliente.

 

Stipulare un preliminare per acquistare un appartamento e poi scoprire che sull’immobile grava un’ipoteca è un evento non frequente, ma possibile. In questi casi, all’acquirente sembra naturale chiedere il risarcimento all’agente immobiliare che ha curato l’affare, ritenendolo responsabile per non aver prestato la dovuta diligenza. Tuttavia, la Corte di Cassazione, con una recente sentenza [1], ha escluso la responsabilità del mediatore per l’omessa informazione al cliente su eventuali pesi dell’immobile: egli, infatti, non ha alcun obbligo di svolgere accertamenti di tale tipo, salvo specifico accordo con il cliente.

L’attività di mediazione può essere esercitata solo in presenza di specifici requisiti di professionalità [2]. Ma non rientra nei doveri dell’agente immobiliare il compimento di indagini tecnico-giuridiche, come quelle necessarie ad accertare se un immobile sia o meno gravato da ipoteca.

Ragion per cui, se il cliente decide di non acquistare più l’immobile, proprio perché ha scoperto che vi è sopra un’ipoteca, il mediatore non è tenuto a risarcirlo.


Per evitare brutte soprese, è consigliabile, a chi voglia comprare casa e intenda affidarsi a un’agenzia, di verificare sempre se l’immobile sia libero o meno da ipoteche. Questa attività potrà essere effettuata autonomamente dal cliente oppure potrà essere delegata all’agente immobiliare. Se ciò non viene espressamente chiesto al mediatore, quest’ultimo non lo farà di certo, poiché non rientra nei suoi obblighi.

note

[1] Cass. sent. n. 19075/2012.

[2] L. n. 39/1989.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube