Business | Articoli

Vaccini: approvato il decreto, le novità

21 luglio 2017


Vaccini: approvato il decreto, le novità

> Business Pubblicato il 21 luglio 2017



Il Decreto legge adesso dovrà essere approvato in tempi rapidi e senza modifiche. Per Gentiloni è un passo avanti per la tutela della salute degli italiani.

Dall’aula del Senato arriva il via libera per il decreto vaccini: con 172 a favore, 63 no e 19 astenuti ora la parola passa alla Camera. Il provvedimento dovrà essere approvato in tempi rapidi la scadenza è fissata per il 6 agosto.

 

Vaccini: l’obiettivo è stato raggiunto?

Mentre l’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) lancia «l’allarme rosso» in Italia per il morbillo (i numeri sono ormai allarmanti) al Senato veniva approvato il decreto sui vaccini obbligatori.  Per il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, dopo il via libera di palazzo Madama al provvedimento, che ora torna alla Camera il decreto sull’obbligatorietà delle vaccinazioni (leggi anche Vaccini: dieci obbligatori e quattro consigliati) per l’iscrizione a scuola: «Esce dal Senato cambiato, ma non esce depotenziato. Resta l’obbligatorietà delle vaccinazioni, restano le sanzioni e si aggiunge un richiamo attivo nei confronti dei genitori. Quindi, l’obiettivo è assolutamente centrato». La stessa Lorenzin ha spiegato il perché della rimodulazione delle sanzioni per i genitori che non vaccinino i propri figli: «Le sanzioni sono state ridotte perché considerate come puro elemento sanzionatorio invece che come forte deterrente. Tuttavia è stata introdotta una forte azione di richiamo nei confronti dei genitori, e le sanzioni in ogni caso rimangono, così come il criterio di distribuzione nelle classi che prevede la presenza di non più di due bambini non vaccinati a classe. Il nostro obiettivo non era fare e dare sanzioni, ma arrivare ad informare correttamente le famiglie e arrivare a far crescere nel Paese la consapevolezza dell’importanza vaccinale. Le vaccinazioni obbligatorie passano da dodici a dieci, ma le due riguardanti la meningite diventano comunque fortemente raccomandate e prevedono una chiamata attiva nei confronti dei genitori. Bisogna – ha concluso – far prevalere la scienza contro la disinformazione».

Quali sono le novità approvate?

Vengono confermate le modifiche della Commissione sanità del Senato con la riduzione da dodici a dieci dei vaccini obbligatori che sono:

  • l’anti-poliomielitica;
  • l’anti-difterica;
  • l’anti-tetanica;
  • l’anti-epatite B;
  • l’anti-pertosse;
  • l’anti-Haemophilus influenzae tipo b.

Quelli sempre obbligatori, ma solo fino al 2020 sono:

  • anti-morbillo;
  • anti-rosolia;
  • anti-parotite;
  • anti-varicella.

Inoltre nel nuovo decreto si prevede che 4 vaccinazioni diventeranno fortemente consigliate dalle Asl, oltre che gratuite come già previsto dal Piano nazionale: il meningococco C e B, il rotavirus e lo pneumococco.

Viene confermata infine l’istituzione dell’anagrafe vaccinale e per l’integrazione degli obbiettivi dell’unità di crisi che monitora le attività del Servizio sanitario nazionale.

Sanzioni se non vaccini i tuoi figli: come cambiano

Per quanto riguarda le sanzioni amministrative l’importo sarà dal minimo di 100 e al massimo di 500 euro. In origine la multa prevista andava dai 500 ai 7.500 euro. Cancellata anche la previsione che stabiliva la perdita della patria podestà.

note

Autore immagine: Pixabay.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI