Business | Articoli

Tasse: arriva EasyTax Assistant l’app che fa risparmiare

22 Luglio 2017
Tasse: arriva EasyTax Assistant l’app che fa risparmiare

Arriva l’applicazione che permette di capire come funziona il fisco ed elimina il commercialista.

Nasce EasyTax Assistant, un’app  che aiuta gli utenti a districarsi nella giungla fiscale:  avvisi su scadenze fiscali, acquisizione, digitalizzazione e archiviazione di ricevute fiscali, calcolo del risparmio fiscale previsto per ogni spesa, monitoraggio e reportistica, calcolo busta paga, Tfr e tanto altro ancora tutte in modalità semplificata. Ecco come funziona.

Chi produce EasyTax Assistant?

EasyTax Assistant è il primo progetto di Ibc Srl, startup innovativa specializzata nello sviluppo di soluzioni tecnologiche, che in pratica permette a lavoratori dipendenti e liberi professionisti di comprendere e gestire meglio i conti con il fisco, facendo risparmiare loro tempo, energie e denaro.

Come funziona l’app che semplifica il fisco?

Con EasyTax Assistant abbiamo a disposizione uno strumento che ci permette di controllare e gestire il nostro profilo fiscale in proprio, e ridurre al minimo l’esigenza di ricorrere a consulenti esterni per le piccole cose.

Per gli italiani l’educazione finanziaria rappresenta uno dei punti deboli: uno dei maggiori problemi di questo settore restano i linguaggi, spesso tecnici e complessi per un pubblico eterogeneo. EasyTax Assistant è dotata di un sistema automatizzato smaterializza i documenti, li mette in ordine, ne verifica in anticipo il contenuto e permette la condivisione in tempo reale di informazioni già strutturate.

Vediamo come funziona in dettaglio.

Come funziona EasyTax Assistant

Funzionante sia su Android sia su iOS gratuitamente (sono poi presenti versioni premium a pagamento).

La versione Base e quindi gratis propone queste funzioni:

  • informativa fiscale semplificata (per lavoratore dipendente);
  • avvisi scadenze fiscali;
  • avvisi aggiornamenti normativi in ambito fiscale e newsletter in ambito fiscale;
  • monitoraggio soglie di spesa per detrazioni;
  • acquisizione e archiviazione ricevute;
  • ottimizzazione della documentazione;
  • estrazione automatica delle informazioni principali dai documenti;
  • previsione del risparmio fiscale associato ad ogni spesa;
  • consultazione documenti;
  • biglietto da visita e tessera sanitaria virtuale;
  • dizionario EasyTax;
  • simulatore per il calcolo della busta paga;
  • gestione sicura delle informazioni e dei documenti;
  • accesso multicanale (smartphone e portale web);
  • sincronizzazione automatica su tutti i device associati all’account;
  • limite acquisizione documenti: 60 ogni anno.

La versione Silver in abbonamento si possono aggiungere anche le seguenti funzioni:

  • informativa fiscale semplificata (per lavoratore autonomo / libero professionista);
  • gestione categorie avanzate (per lavoratore autonomo / libero professionista);
  • verifica automatica di partita Iva e Codice Fiscale nelle fatture e ricevute fiscali;
  • simulatori avanzati per il calcolo del lordo/netto fattura e per il calcolo del risparmio fiscale;
  • limite acquisizione documenti: 240 ogni anno;

Daniele Pace, founder e amministratore delegato di Ibc presenta così l’app: «Si tratta di un importante rivoluzione sociale: utilizzando l’applicazione la spinosa materia fiscale diventa più comprensibile; il contribuente più consapevole, informato e, di conseguenza, migliora la sua gestione ottenendo un reale risparmio fiscale».

Naturalmente non mancano informazioni puntuali tramite notifica «push» sulle scadenze fiscali.

Vuoi aprire una start-up innovativa? 

Anche tu hai una grande idea e vuoi tramutarla in start-up innovativa? Segui la nostra guida. Puoi farlo senza l’aiuto di nessuno, non servirà nemmeno il notaio e i costi saranno particolarmente ridotti. Consulta il nostro approfondimento Come aprire una start up innovativa online.


note

Autore immagine: 123fr.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube