Business | Articoli

Graduatorie istituto: problemi Modello B, risposta del MIUR

22 Lug 2017


Graduatorie istituto: problemi Modello B, risposta del MIUR

> Business Pubblicato il 22 Lug 2017



La scadenza è imminente, ma i problemi del sistema delle Istanze OnLine del Miur permangono. Ecco come si muove il ministero.

L’inserimento nelle graduatorie di II e III fascia per le supplenze dei docenti sta diventando una vera e propria impresa. Tantissimi i problemi fin qui, fermo restando che la data di scadenza del termine è fissata per il 25 luglio. Proprio in virtù dei tanti docenti che ancora non sono riusciti all’ inoltro del modello B, i si sperava in una proroga chiesta dai sindacati. Ma il ministro Fedeli dice no alle richieste dei sindacati e conferma la scadenza stabilita.

Quali sono i problemi di Istanze OnLine?

La compilazione del Modello B è il secondo passaggio (leggi anche Graduatorie di istituto: la compilazione del modulo B) per l’inserimento o aggiornamento delle graduatorie di istituto per il triennio 2017/2020. Il 1° luglio doveva essere l’inizio della seconda fase ma per problemi di tempi la data di inizio di invio tramite il sistema di Istanze OnLine del Miur è slittato al 14 luglio. E, come spesso accade nei click-day italiani, il 14 c’è stato un blocco totale della piattaforma: si è trattato di errori di accesso negato dovuti ad un sovraccarico del sistema, che non riesce a gestire un numero eccessivo di richieste contemporanee.

Un inizio con tanti problemi, dunque, tanto che le segnalazioni di malfunzionamenti continuano, con la difficoltà di funzionamento dei codici personali e l’impossibilità di memorizzare la scelta fatta delle scuole.

In alcuni casi, notano alcuni consulenti sindacali, per la scelta delle scuole della secondaria di II grado si registra il rimescolamento delle sedi dall’inserimento a sistema alla generazione del file pdf, con impossibilità di far coincidere la prima sede, con la scuola che ha gestito la domanda.

Graduatoria istituto: devo per forza reinserire la scuola capofila tra le 20 scuole?

Non c’è alcun obbligo di scegliere la scuola capofila tra le 20 scuole, a maggior ragione non esiste l’obbligo che la scuola capofila sia la prima tra le scuole scelte. C’è anche da tenere conto che a tutt’oggi per alcuni errori commessi dalle segreterie, ci sono casi di docenti esclusi dalle graduatorie anche se hanno titolo di accesso valido. Questi docenti non hanno avuto l’opportunità di provare a compilare il modello B a poco meno di una settimana dalla scadenza.

Il Miur prova a risolvere?

Alle problematiche la completamento della seconda fase della candidatura da parte dei docenti, che non vedono ancora caricata la propria domanda su Istanze on line, il Miur risponde in maniera parziale e conferma che il termine ultimo per la presentazione della domanda rimane fissato al 25 luglio.

Cosa succede dunque ai tanti docenti che a causa delle segreterie ancora inadempienti nella valutazione delle domande non sono in grado di compilare il modello B? Riportiamo la risposta del Ministero [1] : «Si invitano pertanto codesti Uffici a porre in essere tutte le necessarie iniziative e a segnalare le eventuali criticità, affinché le suddette istituzioni scolastiche completino al più presto le suddette attività propedeutiche alla presentazione del modello B, in vista dell’approssimarsi, per gli aspiranti, del termine di scadenza di presentazione del modello B telematico di scelta delle istituzioni scolastiche, fissato al 25 luglio p.v.»

Ma cosa accadrà quando il docente non farà in tempo perché – ad esempio – la segreteria avrà caricato la domanda solo all’ultimo minuto? Ancora non ci sono state risposte e soprattutto proroghe, come abbiamo visto, ma si può prevedere già da oggi un alto numero di ricorsi per mancanza di parità di trattamento. Vi terremo aggiornati.

note

[1] Nota Miur del 20.07.2017.

Autore immagine: Pixabay.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

1 Commento

  1. Il caso di mio figlio rientra tra quelli in questione cioè la sua domanda non é stata ancora caricata dalla scuola di riferimento itc Ruiz di Roma per cui non può ancora oggi procedere all’inserimento delle sedi.Pur se più volte contattata la segreteria della scuola dice che tutto andrà bene ma di fatto non cambia nulla.Frustrazione e stanchezza non sono che la punta dell’iceberg di una situazione paradossale e incredibile. Mi chiedo perché non procedere con altri sistemi più tradizionali ma efficaci visto che non si vogliono concedere proroghe?O c’è una logica nascosta per favorire i ricorsi?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI