Domeniche: centri commerciali e negozi chiusi

7 settembre 2018


Domeniche: centri commerciali e negozi chiusi

> Diritto e Fisco Pubblicato il 7 settembre 2018



Niente più liberalizzazioni: bisogna tutelare i commercianti piuttosto che i consumatori che vogliono fare acquisti nei giorni rossi del calendario.

Bisognerà rispolverare la passeggiata al parco o al centro città per le domeniche che verranno in futuro. E se piove si potrà sterzare per l’intramontabile cinema, magari un multisala dove puoi anche scambiare quattro chiacchiere al bar. Una cosa è certa: chi è solo e vuol trascorrere un po’ di tempo nei centri commerciali, chi approfitta dell’ultimo giorno della settimana per fare shopping o sfruttare i saldi, chi ha ospiti e ha esigenza di comprare gli ultimi ingredienti per la paella non potrà fare nulla. Già, perché lo scenario che si sta per aprire è di rivedere tutta la normativa approvata da Monti sulle liberalizzazioni degli orari di apertura e chiusura dei negozi e imporre le saracinesche durante la domenica per qualsiasi attività commerciale, ipermercati e centri commerciali. Quella che sembrava una conquista di un Paese che ambiva a somigliare a quelli moderni, dove gli shop center – e non solo le farmacie – sono aperti 24 ore su 24 – si avvia al tramonto. Insomma, nelle domeniche, i centri commerciali e i negozi resteranno per sempre chiusi.

Michele dell’Orco, del M5S, oggi sottosegretario alle Infrastrutture e ai trasporti, ha annunciato l’intesa delle forze politiche di maggioranza sulla proposta di legge depositata dalla Lega. La strada imboccata è quella che va verso le chiusure festive e domenicali dei negozi, con possibilità di alcune deroghe che verranno definite nelle prossime settimane (tra cui ci sono i centri commerciali delle città d’arte e di turismo.

In particolare si pensa di lasciare aperti il 25% dei negozi in modo che in ogni quartiere ci sia sempre la possibilità di fare acquisti. Fuori dalla regolamentazione resterebbero solo le città turistiche. Si tornerà al sistema pre-Monti quando sindaci e commercianti si mettevano d’accordo per organizzare la turnazione.  Si torna anche al dirigismo statale, quello che risponde alla stessa logica degli anni ’70-’80, quando nel nostro Paese le leggi che intervenivano sull’economia erano più vicine all’ex Unione Sovietica che a quelle degli altri paesi europei. E dal M5S arriva una proposta ancora più estrema: tenere chiuso anche il lunedì tutto l’e-commerce. Così il web non guadagnerà a discapito dei negozianti tradizionali e gli utenti saranno limitati nei loro acquisti (scontati) su Amazon e sulle altre piattaforme.

Lo scopo è accantonare la tutela dei consumatori – che hanno interesse ad acquistare nel weekend e senza limiti di orari – e dei lavoratori (che sono stati assunti proprio per gli straordinari) per favorire invece i piccoli commercianti che temono la concorrenza dei grandi centri commerciali. Bisogna riscoprire il gusto e il valore della domenica e dei giorni di festa del calendario. Insomma, gli italiani devono ricordarsi che è il giorno del riposo per tutti. E magari andare a messa piuttosto che fare shopping all’americana.  «Alla domenica l’organico è più basso, quindi il costo del lavoro è inferiore – osserva Francesco Quattrone, direttore Area lavoro e relazioni sindacali di Federdistribuzione – mentre per fatturato è il secondo giorno della settimana. Anche se non si fanno grandi margini, quindi,le aperture domenicali aumentano i guadagni». Federdistribuzione ha inoltre calcolato che, dalla liberalizzazione, nella Gdo sono stati erogati ogni anno 400 milioni di euro di stipendi in più.

Il contratto nazionale del commercio (valido per tutti gli esercizi e superfici) prevede che il lavoro domenicale e festivo sia retribuito con una maggiorazione del 30%. Percentuale si applica a qualsiasi forma di contratto, a tempo indeterminato (l’89% nella Gdo) e determinato o con contratti di somministrazione. In molte aziende, spiega il segretario generale di Fisascat-Cisl, Mirco Ceotto, si è arrivati a percentuali più alte, grazie ai contratti integrativi o, soprattutto per quanto riguarda gli esercizi più piccoli, grazie ai contratti territoriali siglati con Confcommercio. «La maggioranza delle aziende applica però soltanto il contratto nazionale», commenta Bruno Boco, segretario nazionale Uiltucs.

Un ritorno al passato, quindi, rispetto a quanto era stato, con grande fatica, conquistato solo qualche anno fa. Se Monti – dice Salatini, primo firmatario della proposta di legge – voleva migliorare il commercio e rendere più ricco il mercato, non c’è riuscito liberalizzando gli orari dei negozi. A cui ora verrà imposta la chiusura per legge. Che gli italiani riscoprano le chiese e magari i musei (quei pochi – anch’essi – che restano aperti la domenica). Se poi la politica si deve far carico delle scelte etiche del cittadino, ripristinando la vecchia concezione di domenica familiare, bisogna ricordare che solo negli stati islamici la legge si occupa della morale imponendo di frequentare la moschea. La capacità di autodeterminarsi è invece tipica delle democrazie.

E i turisti? Di loro nessuno s’è mai interessato.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

53 Commenti

  1. Anche in Sud Tirolo una parte dell’Italia dove gran parte dei servizi funziona meglio che altrove, i negozi sono chiusi la domenica e nelle Festivita. Idem nella civilissima e liberale Svizzera, provate a trovare 1 negozio aperto la domenica.

  2. Dire che invece di fare shopping all’americana si potrebbe andare a messa, ve lo potevate risparmiare. Sarebbe stata meglio una frase del tipo “invece di fare shopping all’americana,andare a fare una bella passeggiata nei boschi”.

  3. Al lavoro già oggi si diceva che saremo licenziati se passa la legge.
    Voi fate i belli, i cattolici, i cinefili, gli sportivi perché durante la settimana lavorare e guadagnate. E nessuno si mette nella pelle degli altri.
    Ma nessuno ha detto che comunque con o senza la legge, bisogna sempre fare 40 ore per CCNL alla settimana. Quindi che vi cambia se noi che veniamo chiamati il we lavoriamo?
    Tutti puritani, tutti bravi a parlare. Ma nessuno con la sensibilità di capire come si sente chi sta nella merda e lavorerebbe anche 10 domeniche di fila pur di comprare le medicine ai figli.
    Meritereste di trovarvi nelle nostre stesse condizioni. Ve lo auguro

  4. Ma tanto le ore alla settimana di lavoro sono sempre le stesse. Che cambia? Tanto vale lasciare la domenica aperta e far lavorare anche gli altri

  5. Chi trova la domenica chiusa compra su INTERNET perché no ha tempo durante la settimana. Bravi scemi dei piccoli commercianti: così decretate ancora di più la vostra fine. Ma che dementi…

  6. cosi tutti i commessi assunti per queste aperture andranno a spasso . Che conquista !

    I piccoli negozi coi prezzi alti non avranno nuovi clienti e Amazon si fregherà le mani che dilettanti allo sbaraglio che vedo buoni solo a sfasciare quello fatto da altri…

    Criticare è facile. Fare cose buone è più difficile..

    1. Ma quali assunti per lavorare le Domeniche ? Auchan e Carrefour hanno modificato i contratti esistenti, spostato il giorno di riposo e quindi non pagano nemmeno il festivo….io sono uno di quelli , ho una domenica libera ogni 5 settimane…e solitamente coincide sempre col turno del sabato fino alle 21:30 e quello del lunedì all’apertura…se non è sfruttamento questo…

      1. Cambia lavoro, non ti ha ordinato il dottore di restare dove sei ora. Se lo fai vuoi dire che ti va bene o non hai trovato di meglio.
        Lascia pure il posto a chi ha bisogno di lavorare!

      2. Faccio il corriere 12 o 13 ore al giorno per gente che per un giorno di ritardo nella consegna apriti cielo, eppure sono fiero di fare un lavoro onesto, se licenziano anche solo una persona in Italia per le chiusure domenicali chi gli dice che era giusto così?

  7. Giusto! Così chi durante la settimana non ha tempo per uscire a comprare qualsiasi cosa, la domenica andrà a comprare su Amazon. Che gran bella conquista per i commercianti che, pur di non lavorare o di non far guadagnare la GDO, sono disposti a far saltare tutta l’Italia. Ma perché non studiano prima di andare al Governo? Ma si può essere così ebeti?

    1. Ma fai schifo veramente forse xke nn lavorate la domenica nn capite un cazzo. Stai tranquillo Ke lo stesso vengono di settimana se deveno comprare compreso lei .e nn diciamo ancora cazzate

  8. Spero che sia vero…
    forse qualcuno si sta svegliando…
    Questo è solo il primo passo da fare ..non solo x salvare le famiglie…x salvare bambini che crescono letteralmente soli…
    Grazie…

  9. Comunque se i centri restano aperti la domenica , pretendo siano aperti anche; posta , banca , municipio, farmacia ( non solo quella di turno ,tutte!!) insomma le attività che fanno e danno servizio ai cittadini !

  10. Purtroppo conosco benissimo gli effetti di questa liberalizzazione del mercato.
    Mio marito dopo 30 anni di attività commerciale ha dovuto chiudere perché divorato dalla spietata concorrenza.
    Per poter andare avanti lui è mio figlio sono stati costretti a lavorare in un supermercato.
    Non potete immaginare con quale spirito si va avanti e non solo ma la nostra vita è cambiata perché non possiamo condividere i giorni di festa ma sopratutto la domenica.
    Per noi la domenica era un giorno di festa, gioia e felicità perché finalmente tutti insieme.
    Non vi dico mio figlio che sta rinunciando al meritato divertimento con gli amici del sabato perché la domenica si lavora.
    Diciamo che la vita festiva è domenicale noi italiani la trascorriamo nei centri commerciali e supermercati e facendo spese inutili e superflue.
    La consequenza è sotto gli occhi di tutti piazze vuote, cinema e teatro un po’ abbandonati e quelle belle passeggiate ormai non se ne parla.
    Questo è grave perché i nostri bei paesi sono diventati fantasmi sopratutto la domenica e ai nostri figli e nipoti cosa gli stiamo facendo vivere, che emozione si può respirare in un centro commerciale.
    Spero tanto che si possa fare questa legge perché sicuramente e sono certa porterà solo benefici.
    Il caffè lo andiamo a prendere nel baretto della nostra piazza e magari facciamo al mio paese si dice(campare) un piccolo commerciante che paga le tasse e fa andare avanti l’Italia.

  11. Che cagata colossale… bisogna ragionare che la domenica è l’unico giorno per tanti di festa e siccome lo è, è giusto che se ho voglia di andare a far la spesa ci vado senza problemi… regrediamo al posto di evolverci…

  12. Si è perso il vero significato della parola festività, della famiglia. La domenica nei centri commerciali non è altro che un continuo vedere musi lunghi che fanno su e giù, mariti scocciati, bambini che piangono o scambiano il centro per il parco giochi (forse non sanno nemmeno che esistono)!
    L’importante è fare su e giù e non cucinare: sì perché il vero guadagno la domenica nei centri commerciali lo fanno solo i punti dove è possibile mangiare qualsiasi cosa essa sia!
    Aspetto con ansia la chiusura domenicale o festiva!

  13. Ma certo… non basta la attuale situazione economica, devono addirittura chiudere i negozi. Lavorare la domenica è per chi vuole, se uno non vuole lavorare la domenica, che cerchi un’altro lavoro. Il governo dice di voler tutelare la famiglia, dovrebbe cominciare dalla salute, migliorando gli ospedali, dalla sicurezza…

    1. quindi chi per 15 anni ha avuto un contratto che non prevedeva la Domenica e si è visto modificare orari e turni deve semplicemente stare zitto e subire, così lei potrà passeggiare in tutta tranquillità la domenica pomeriggio col suo bel carrello pieno di spesa……

  14. Ma non avete capito nulla non chiudono tutti i negozi ma resteranno aperti solo il 25% percio in una città come la mia ci saranno su 100 negozi 25 aperti a turnazione che stabilirà il comune e 8 domeniche l’anno tutti per le domeniche di Natale e gli sconti percio non cambia un granché. E poi quale licenziamenti fino ad ora hanno sfruttato gli interinali senza assumerli a tempo indeterminato e minacciandola obbligandoli a fare turni assurdi

  15. Solito pasticcio all’italiana, idee poche e ben confuse. Sul fatto che la domenica restano chiusi i centri commerciali per avere la possibilità di andare a messa… Beh una banalità del genere poteva essere risparmiata.

  16. Cioè fatemi capire bene: fate chiudere i centri commerciali la domenica per lasciare altri locali come i cinema….APERTI? Ditemi se è coerenza questa… ma andate a lavorare invece di fare leggi alla cxxxo di cane !!!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI