Diritto e Fisco | Articoli

Lavori socialmente utili: a risarcire l’infortunio è l’INAIL e non l’ente utilizzatore

6 Febbraio 2013
Lavori socialmente utili: a risarcire l’infortunio è l’INAIL e non l’ente utilizzatore

È l’INAIL a risarcire gli infortuni avvenuti nel corso di lavori socialmente utili: la recente sentenza della Cassazione che chiarisce un punto controverso.

 

A risarcire il lavoratore socialmente utile per l’infortunio capitatogli durante l’attività di servizio non è l’ente utilizzatore, bensì l’INAIL. Lo afferma la Cassazione in una recente sentenza [1] che dirime un dubbio interpretativo in materia. La Suprema Corte, in particolare, ha chiarito che tra l’ente e il lavoratore non si crea un rapporto di lavoro subordinato, in quanto il contratto di l.s.u. ha solo natura assistenziale.

Dunque la richiesta di risarcimento per l’inabilità sul lavoro non va inoltrata all’ente che utilizza i lavoratori (per esempio, il Comune), ma all’Istituto Nazionale Infortuni sul Lavoro.

L’ente utilizzatore potrebbe essere responsabile solo qualora non abbia adottato gli accorgimenti necessari e utili a impedire l’evento dannoso (per esempio: qualora non siano stati adottati i sistemi di sicurezza sul lavoro, specie per le attività pericolose) [2].


note

[1] Cass. sent. n. 2605/2013.

[2] Responsabilità ai sensi dell’art. 2043 cod. civ.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube