Business | Articoli

Unicredit: sotto attacco hacker

27 luglio 2017


Unicredit: sotto attacco hacker

> Business Pubblicato il 27 luglio 2017



La banca ha comunicato di aver subito un’intrusione informatica ai dati di 400mila clienti italiani. Cosa rischiano i correntisti e come chiedere informazioni.

Nell’ultimo anno per ben due volte Unicredit è finita sotto attacco hacker: è lo stesso gruppo bancario ad annunciarlo secondo cui sono stati violati i dati di 400mila clienti italiani. Le informazioni sarebbero relative solo a prestiti personali e che non sono stati acquisiti dati per l’accesso ai conti o che permettano transazioni non autorizzate.

Attacco hacker Unicredit: quando è avvenuto?

Gli accessi indesiderati sono avvenuti uno nei mesi di settembre e ottobre 2016 e un altro proprio a  giugno e luglio 2017. Come spiega l’istituto bancario  in una nota: «Si ritiene che nei due periodi siano stati violati i dati di circa 400mila clienti in Italia ma non è stato acquisito nessun dato, quali le password, che possa consentire l’accesso ai conti dei clienti o che permetta transazioni non autorizzate. Potrebbe invece essere avvenuto l’accesso ad alcuni dati anagrafici e ai codici Iban». La banca ha informato le autorità e ha annunciato un esposto alla Procura di Milano.

 

Investimenti sulla sicurezza bancaria

L’attacco hacker ad Unicredit non è isolato tanto che una recente indagine condotta da Kaspersky Lab, l’azienda specializzata nella produzione di software progettati per la sicurezza informatica, hanno confermato che gli istituti bancari spendono tre volte di più degli altri settori in sicurezza informatica: i budget sono in crescita e il 64% delle banche prevede nuovi investimenti in cybersecurity per far fronte a minacce sempre più numerose.

I dati emersi hanno confermato come alcune delle minacce affrontate nel 2016 siano state identificate proprio dai clienti.

Banche e conti online: cosa rischiano i clienti?

La maggior parte dei rischi per i clienti degli istituti è legata ai servizi di mobile e online banking: campagne di phishing e social engineering sono ancora tra gli assi nella manica dei cybercriminali, con il 46% delle banche che segnala questo tipo di attacchi ai danni dei propri clienti mentre il 70% parla più in generale di frodi finanziarie andate a buon fine. Per farsi un’idea di come si possa guadagnare illegalmente dal phishing ti consigliamo di leggere anche Phishing: perchè si guadagna illegalmente dalle truffe online.

Unicredit risponde ai clienti

Per tutti i clienti che desiderino ulteriori informazioni Unicredit mette a disposizione il numero verde dedicato 800 323285 e comunque il personale della propria filiale di riferimento è a disposizione per qualsiasi ulteriore informazione.

La banca contatterà comunque i clienti interessati dalla violazione dei dati personale mediante canali di comunicazione specifici. Per ragioni di sicurezza non verranno utilizzate la posta elettronica o le telefonate dirette.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI