Diritto e Fisco | Articoli

Liceo a indirizzo sportivo: ancora un rinvio

7 Febbraio 2013
Liceo a indirizzo sportivo: ancora un rinvio

Liceo scientifico a indirizzo sportivo: la svolta tanto attesa dagli studenti ha subito un ulteriore rinvio. Se tutto va bene, il debutto sarà nell’anno scolastico 2014-2015.

Dovranno ancora attendere gli studenti che avevano sperato di potere iscriversi, nell’anno scolastico 2013-2014, al nuovo liceo sportivo, introdotto da un decreto Gelmini del 2010.

Il dipartimento dell’Istruzione ha bloccato l’avvio della riforma, nonostante l’approvazione già data dal Consiglio dei Ministri lo scorso mese di gennaio. I problemi sono solo i lunghi passaggi di autorizzazioni che ancora devono essere compiuti. Il provvedimento, infatti, appena approvato dal Governo e passato alla Ragioneria di Stato per la firma del Presidente della Repubblica, dovrà poi tornare al Ministero dell’Istruzione che lo invierà alla Gazzetta Ufficiale che, a sua volta, prima di pubblicarlo, lo girerà alla Corte dei Conti per la registrazione. Tutti questi passaggi richiedono tempi tecnici che non consentono l’avvio del nuovo liceo per il prossimo anno.

Non c’è da disperare, tuttavia. Dopo questi passaggi, il nuovo indirizzo sportivo sarà realtà ed opererà in almeno un liceo scientifico per provincia.

Nei primi due anni l’insegnamento del latino sarà così sostituito dalla materia “Potenziamento delle scienze motorie e da “Discipline sportive”. Dal terzo in poi, invece, disegno e storia dell’arte saranno sostituiti da “diritto ed economia dello sport”.

Eccezione

Solo le scuole paritarie potranno, già nell’anno 2013-2014, attivare in via sperimentale l’indirizzo sportivo [1], utilizzando la quota del 20% del monte ore annuale a loro disposizione.


note

[1] Le scuole paritarie potranno fare riferimento a quanto previsto dall’art. 10, comma 1, lettera c) del DPR 15 marzo 2010 , n. 89 (regolamento dei nuovi licei) che consente alle istituzioni scolastiche di utilizzare la quota del 20% del monte ore annuale, tenuto conto delle richieste degli studenti e delle famiglie.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube