Diritto e Fisco | Editoriale

Guida in stato di ebbrezza: cosa succede se perdo il controllo del veicolo

12 ottobre 2018 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 12 ottobre 2018



Le conseguenze della perdita di controllo del veicolo causata dall’abuso di sostanze alcoliche: il caso in cui l’incidente non coinvolga terzi.

Sei stato ad una festa e, dopo aver bevuto qualche bicchiere di troppo, ti sei messo alla guida della tua auto e, purtroppo, hai perso il controllo invadendo la corsia opposta di marcia (o finendo in un guard rail) ed ora sei preoccupato di quali potranno essere le conseguenze? Per fortuna non hai tamponato nessuna auto e non vi erano pedoni per strada per cui, pur perdendo il controllo del veicolo, non hai causato alcun danno e non hai ferito nessuno ma ti chiedi, comunque, cosa succede in caso di guida in stato di ebbrezza e perdita di controllo del veicolo? Per poterti rispondere è necessario analizzare prima la normativa contenuta in uno specifico decreto legislativo (cosiddetto codice della strada) in vigore dal 1992. Secondo la legge, infatti, la guida sotto l’influenza dell’alcool non costituisce sempre reato, ma solo quando sia accertato il superamento della soglia di 0,8 grammi per litro di sangue di sostanza alcolica; nel caso in cui, invece, il tasso alcolemico sia compreso fra 0,51 e 0,8 grammi per litro di sangue, potrà essere applicata solo una sanzione amministrativa. A seconda, poi, del livello di tasso alcolemico trovato nel sangue, e di ulteriori fattori (quali l’orario notturno, la causazione di un incidente o, addirittura, della morte di un uomo), la pena sarà più o meno severa. Ebbene, cerchiamo di analizzare la disciplina con attenzione e nei particolari in modo da capire cosa succede se perdo il controllo del veicolo dopo aver assunto sostanze alcoliche e, soprattutto, se la semplice perdita di controllo (quando non causa danni a terzi) sia da considerarsi un’aggravante o meno, con tutto ciò che ne consegue in termini di pena.

Cos’è la guida in stato di ebbrezza?

Se assumi bevande alcoliche in quantitativo tale da inibire i tuoi sensi, non puoi metterti alla guida: te lo vieta la legge [1] al fine di scongiurare incidenti stradali e, in tal modo, di tutelare la collettività. Per evitare che la decisione sulla soglia consentita fosse affidata ai singoli cittadini (spesso ignari delle conseguenze che l’alcool può avere sul proprio organismo e, soprattutto, sui propri riflessi), il legislatore ha stabilito dei valori oltre i quali si configura il reato. In particolare, la guida sotto l’uso di sostanze alcoliche è punita:

  • con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 531 a 2.125 euro, quando il tasso alcolemico accertato ha un valore superiore a 0,5 grammi per litro e non superiore a 0,8 grammi per litro [2];
  • con l’ammenda da 800 a 3.200 euro e l’arresto fino a sei mesi, qualora sia accertato un valore corrispondente al tasso alcolemico superiore a 0,8 grammi per litro e non superiore a 1,5 grammi per litro [3];
  • con l’ammenda da 1.500 a 6.000 euro e l’arresto da sei mesi a un anno, qualora sia accertato un tasso alcolemico superiore a 1,5 grammi per litro [4].

Nel primo caso è prevista anche la sanzione amministrativa della sospensione della patente di guida da tre a sei mesi; nel secondo, da sei mesi a un anno, e nel terzo caso da uno a due anni. Attenzione a non confondere la sanzione amministrativa con l’ammenda, sono due fattispecie completamente diverse tra loro: la sanzione amministrativa è (appunto) amministrativa (una multa, per intenderci), mentre l’ammenda è una sanzione penale che può anche essere tramutata in giorni di arresto nel caso in cui non sia pagata. Queste, dunque, le pene base; ma quali sono le aggravanti previste?

 La guida in stato di ebbrezza e le aggravanti

La legge ha previsto dei casi in cui le pene base debbano essere aumentare: vediamo insieme quali sono.

  • Se il conducente del veicolo in stato di ebbrezza provoca un incidente stradale le sanzioni sono raddoppiate ed è disposto il fermo amministrativo del veicolo per 180 giorni (salvo che il veicolo appartenga ad un soggetto terzo) [5]; in caso di tasso alcolemico superiore a 1,5 grammi per litro, inoltre, sarà applicata anche la revoca della patente.
  • Se commetti il reato dopo le ore 22 e prima delle ore 7, l’ammenda prevista dalla legge è aumentata da un terzo alla metà [6].

Mentre è facile verificare l’orario, è più difficile capire cosa la legge intenda con il termine incidente. Se perdo il controllo dell’auto e la macchina va a finire contro un guard rail, si tratterà comunque di incidente d’auto e la pena sarà comunque raddoppiata? O il fatto che io non abbia arrecato danni a nessuno, perché non ho avuto alcuna collisione con un’altra auto e non ho investito nessun pedone, mi eviterà di avere la pena più alta? In altre parole: in caso di (sola) perdita del controllo del veicolo, si può parlare di incidente stradale?

Guida in stato di ebbrezza: cosa succede se perdo il controllo del veicolo 

Sono le ore 23:30 quando decidi si tornare a casa pur avendo bevuto molti bicchieri di vino, e, senza neanche rendertene conto, ad un certo punto perdi il controllo della tua auto e ti ritrovi nella carreggiata opposta. Per fortuna in quel momento non c’era nessun’altra auto nel senso di marcia corretto e questo ti consente di limitare i danni: finisci solo nel guard rail ma senza causare danni ad altre macchine o a persone. Quando arriva la polizia vede che sei un po’ brillo ed, in effetti, l’alcool test appura che hai un tasso alcolemico compreso tra 0,8 e 1,5 grammi per litro. Ti informi in giro e fai un sospiro di sollievo pensando che dovrai rispondere soltanto di guida in stato di ebbrezza aggravata dall’orario notturno. Qualcuno, infatti, ti ha detto che la pena è molto severa per chi causa un incidente stradale ma pensi che, per fortuna, non è il tuo caso. Ebbene, purtroppo non è così. La Cassazione, in una recentissima sentenza [7], ha precisato che quando vi è la semplice perdita di controllo del veicolo, deve essere contestata l’aggravante dell’aver provocato un incidente stradale. Secondo i giudici, qualsiasi avvenimento inatteso che interrompe il normale svolgimento della circolazione stradale (e, quindi, anche uscire dalla strada) può provocare pericolo per la collettività e, a prescidere dal coinvolgimento di terzi o di altri veicoli, è considerato incidente stradale.

Se bevi molto evita di guidare perché, anche se pensi di stare bene, la tua mente non è lucida e (a prescindere dalle conseguenze penali o amministrative che abbiamo descritto in questo articolo) puoi essere pericoloso per te e per gli altri.

note

[1] Art. 186 D.lvo n.285 del 30.04.1992.

[2] Art. 186 co.2 lett. a) D.lvo n.285 del 30.04.1992.

[3] Art. 186 co.2 lett. b) D.lvo n.285 del 30.04.1992.

[4] Art. 186 co.2 lett. c) D.lvo n.285 del 30.04.1992.

[5] Art. 186 co.2 bis D.lvo n.285 del 30.04.1992.

[6] Art. 186 co.2 septies D.lvo n.285 del 30.04.1992.

[7] Cass., sent. n. 37864 del 06.08.2018.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI